Nintendo sceglie la distribuzione aperta

Contratti non esclusivi con Digital Bros ed Esprinet. E chiunque può acquistare direttamente i prodotti

Nintendo sceglie la distribuzione aperta. In occasione della presentazione ufficiale della filiale italiana e di Gamecube, il country manager Andrea Persegati ha ribadito la scelta della filiale italiana del colosso giapponese verso accordi non esclusivi con i distributori. Fino a oggi Nintendo ha firmato un paio di accordi con Esprinet e Digital Bros, ma si tratta di intese che non escludono la possibilità di vendere direttamente a catene o ad altri distributori. "Chiunque può acquistare direttamente i nostri prodotti" ha precisato Persegati secondo il quale per il lancio del 3 maggio saranno distribuite ai negozi cinquantamila console. "Il mercato italiano - ha aggiunto il country manager - vale circa il 10% a livello europeo. Il nostro obiettivo è rispettare questo peso delle vendite".
Persegati ha confermato la data di lancio del 3 maggio per Gamecube che in Europa costerà da 249 a 269 euro con un margine per i rivenditori che dovrebbe aggirarsi sul 10%. L'uscita della console sarà accompagnata da una ventina di titoli che diventeranno cinquanta entro l'estate di quest'anno. Fra i nuovi titoli ci saranno anche quelli che supportano la funzione che permettedi giocare su Game Boy Advance e proseguire poi lo stesso gioco su Gamecube.
11 milioni di euro sono pronti a sostenere dal punto di vista pubblicitario la console (oltre che l'altro prodotto Pokemon Mini e il rilancio di Game Boy Advance) per una campagna che dopo una fase di pre lancio già partita avrà il suo clou da maggio ad agosto. Tv, stampa, radio, cinema, Internet, affissisioni, demo nei punti vendita sono i canali attraverso i quali si articolerà l'advertising di Nintendo che ha in programma anche eventi itineranti che si svolgeranno a Milano, Torino e Roma.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here