Home Prodotti Sicurezza Il Next Generation Firewall di Palo Alto Networks protegge le IoT

Il Next Generation Firewall di Palo Alto Networks protegge le IoT

Molte cose sono cambiate negli ultimi 12 mesi: il business sta diventando sempre più digitale e dopo l’emergenza coronavirus si sta affacciando con forza una nuova normalità; Palo Alto Networks si propone di proteggere la trasformazione digitale con il Next Generation Firewall che integra funzionalità di machine learning (ML) volte a bloccare le minacce, salvaguardare i dispositivi IoT e suggerire le politiche di sicurezza in modo proattivo.

Come ha sottolineato Mauro Palmigiani, Country Manager Italy, Greece di Palo Alto Networks, ci troviamo in una epoca storica in cui il peso specifico della tecnologia aumenta in modo considerevole.

Questo comporta, prosegue Palmigiani, l’esigenza di gestire il rischio e affrontare al meglio le cyberminacce. Secondo Palo Alto Networks la semplicità e la visibilità dell’ambiente IT sono le chiavi di volta della sicurezza informatica di ogni organizzazione.

Oltre alla semplificazione, l’integrazione è il mantra della società di cybersecurity. Inoltre, un robusto approccio alle analytics permette di aumentare la qualità delle risposte automatiche alle minacce.
L’Italia si è trovata nel periodo Covid-19 fra i paesi più sotto attacco: secondo la Unit 42 di Palo Alto Networks, a livello globale solo gli Stati Uniti hanno registrato un numero più alto di domini malevoli creati criminali informatici.
Per questo Palo Alto Networks si propone come cybersecurity partner di riferimento per le realtà italiane: offrire un adeguato livello di sicurezza deve essere alla base di ogni trasformazione digitale, sottolinea Palmigiani.

Il Data Lake di Palo Alto Networks è la base delle soluzioni di sicurezza proposte e una delle principali chiavi della efficacia riconosciuta dal mercato.
Le subscription proposte da Palo Alto Networks coprono praticamente ogni architettura presente, come le IoT e le SD-WAN: una vera applicazione della teoria di semplificazione e convergenza già citate dal manager.

next generation firewall

Proteggere applicazioni, dati e accessi: il cloud presenta le stesse esigenze di sicurezza del mondo on premise.
Palmigiani afferma che l’esperienza fatta in passato è quindi direttamente applicabile al mondo del cloud computing, permettendo migrazione e gestione in totale sicurezza e senza complessita aggiunte.

Il mercato riconosce in Palo Alto Networks un player di assoluto spessore, con una crescita del fatturato del 15% (mentre il mercato è aumentato nel suo complesso del 6-7%); ben il 95% delle società presenti nella Fortune 100 si avvale delle soluzioni offerte.
la customer base è di oltre 75000 organizzazioni, ai quali se ne aggiungono oltre 3000 ogni trimestre. Grazie ai forti investimenti in customer support, anche la soddisfazione cliente si pone ai vertici del mercato.

Oltre allo sviluppo interno, Palo Alto Networks è attenta a svolgere operazioni di acquisizione, come nel caso di Aporeto (una società operativa nel segmento SD-WAN), andando ad incrementare e implementare nuovi prodotti sempre più funzionali alle moderne esigenze di clienti e prospect.

Durante il periodo Covid-19, Palo Alto Networks ha partecipato alla iniziativa Solidarietà Digitale riscontrando un grande successo e entrando in contatto con numerosi prospect.

Umberto Pirovano, System Engineer di Palo Alto Networks ha ricordato l’importanza per le organizzazioni di saper fronteggiare attacchi informatici basati su tecnologia a basso costo e largamente disponibile, rendendo ancor più importante adottare le migliori soluzioni a protezione del perimetro aziendale.

Per questo, le aziende necessitano di un nuovo approccio alla sicurezza informatica. La versione 10.0 di PAN-OS introduce il primo Next Generation Firewall al mondo dotato di funzionalità di ML in grado di imparare e migliorare la sicurezza in modo proattivo su più fronti.

Perimetro che si allarga sempre di più, ed è diventato quasi impalpabile con l’adozione massiva di smart working. Il Next Generation Firewall presentato da Pirovano è il primo della società di sicurezza dotato di IA e Machine Learning integrati nel firewall stesso. Tecnologie in-line in grado di identificare gli attacchi senza più dover far conto su sistemi di sandboxing: il Next Generation Firewall sfrutta il Machine Learning signature-free e intercetta il 95% degli 0-day malware, evitando l’analisi nel cloud e risparmiando tempo vitale in caso di attacchi informatici.

La rete, continua Pirovano, si sta complicando incredibilmente con le IoT: scrivere policy up to date è molto complesso. L’analytics basata sul Data Lake di Palo Alto Networks consente di analizzare efficacemente i comportamenti dei device della rete, evidenziando in real time eventuali anomalie.

La gestione della IoT quindi semplifica la sicurezza globale, senza bisogno di soluzioni esterne al next generation firewall. L’attenzione alla tematica Internet of Things è molto importante: esistono miliardi di device di questo tipo, molto con software datato e vulnerabilità note ma mai patchato da produttori talvolta non più in attività. La tecnologia di ML presente nel next-gen firewall di Palo Alto Networks consente di gestire efficacemente questo universo così variegato e potenzialmente pericoloso per le organizzazioni.

Sollecitato da una nostra domanda, i due manager hanno concordato sulla necessità di un approccio olistico alla sicurezza informatica, che si basi su un numero inferiore di soluzioni di sicurezza informatica: l’efficacia complessiva di una infrastruttura di sicurezza informatica passa dalla riduzione significativa della stratificazione (a volte creata nel corso di molti anni) di soluzioni adottate senza una strategia complessiva. La soluzione di Palo Alto Networks, fatta di subscription modulari, permette una migrazione fluida da altri gestori con cui (ad esempio) una azienda cliente o prospect ha in essere un contratto in scadenza. Poter entrare in modo graduale nella infrastruttura di sicurezza informatica di una organizzazione si rivela (sono i numeri ad confermarlo) una vera arma vincente per Palo Alto Networks

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php