Microsoft-Ue: è l’ora degli accademici

Contro-relazioni della difesa.

Microsoft ha deciso di chiamare in causa un gruppo di accademici europei,
che le diano supporto e aiuto per dimostrare alla Ue che le misure annunciate
qualche settimana fa di fatto corrispondo alle richieste dell'Antitrust, facendo
in tal modo cadere multe e ammende.
Tutto questo in risposta un rilievo presentato da Neil Barrett, docente e ricercatore britannico, membro del gruppo di consulenti nominati dalla Commissione, secondo il quale la documentazione finora presentata da Microsoft sarebbe incompleta e pertanto inutile.
Le nuove relazioni, messe a punto da docenti delle università di Londra e Monaco, di fatto sostengono che quanto finora proposto da Microsoft corrisponde alle normali pratiche di mercato.
La parola torna alla Commissione, la quale deve decidere
quale peso dare ai nuovi documenti.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here