Mercato Unix, Ibm pensa anche alle piccole e medie imprese

Disponibile a partire dalla fine del prossimo mese di agosto sarà, infatti, di scena il nuovo server pSeries 630, versione riveduta e corretta per il segmento di mercato entry level del modello p690

26 giugno 2002 Dopo aver rilasciato sul
mercato, negli ultimi otto mesi, due nuovi server pSeries, Ibm è ora pronta a un
nuovo rilascio in ambito Unix. Si tratta del pSeries 630, macchina che ha come
target il segmento della piccola e media impresa di cui Big Blue non sottovaluta
il business potenziale. «Specie se il mercato è quello di casa nostra»,
ha messo per inciso Pierantonio Tognacci, director of Web server sales South Ibm
pSeries.
Dotato di processore Power4 e compatibile con Linux - «Tanto per
ribadire che investire nel sistema operativo del pinguino non significa affatto
disinvestire in quello Unix
», ha affermato Luigi Freguia, vice president
system sales Emea di Ibm -, l'ultimo nato in casa Ibm può essere suddiviso fino
a quattro server 'virtuali' le cui dimensioni cambiano in funzione del carico di
lavoro a cui la macchina è chiamata a rispondere. Supportato dal sistema
operativo Aix 5L, il nuovo pSeries 630 assicura, inoltre, massima flessibilità
grazie alla funzione Dynamic Lpar, che permette di riconfigurare dinamicamente
le partizioni senza dover interrompere il servizio. Dulcis in fundo, il nuovo
modello sfrutta la tecnologia autoriparante del progetto Ibm denominato eLiza,
permettendo così di evitare guasti di sistema e di ripristinare, qualora fosse
necessario, la condizione di operatività.
Insomma, quasi a dire che,
raggiunto un più che ragionevole market share nel mercato server italiano - pari
al 23,1% alla fine del primo trimestre dell'anno in corso - soprattutto grazie
alla fascia alta del mercato, è ora di rivolgersi anche all'utenza di piccole e
medie dimensioni. E per farlo Big Blue non sottovaluta le potenzialità del
canale, considerato che, negli ultimi cinque anni, oltre il 70% del fatturato
proveniente dai pSeries, arriva dai suoi business
partner.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome