Le quattro tecnologie che trasformano la logistica conto terzi

Nel mondo di chiama 3PL (third-party logistics) ossia logistica conto terzi, e sta attraversando un periodo di grande crescita, alimentata da aziende che cercano di subappaltare la logistica in aree specializzate in cui hanno meno esperienza e dall'inarrestabile crescita dell'e-commerce, che richiede consegne più rapide e una gestione efficiente dell'inventario.

Il mercato globale della logistica conto terzi è sulla strada per superare i 1.100 miliardi di dollari di fatturato nel 2022, in crescita rispetto agli 800 miliardi di dollari del 2016, secondo la società di ricerca in ambito supply chain Armstrong & Associates. A livello globale, l'Asia-Pacifico è il più grande mercato 3PL, e rappresenta il 38% delle entrate totali 3PL globali.

Lo studio annuale 3PL del 2018 mette in evidenza due tendenze chiave in questo settore: le relazioni sempre più strette tra gli spedizionieri e i fornitori di servizi 3PL e l'importanza delle tecnologie emergenti, tra cui blockchain e automazione.

Oggi i consumatori si aspettano di beneficiare di finestre di consegna sempre più brevi quando acquistano online. Molti rivenditori offrono già consegne entro un giorno, il giorno stesso o quello successivo. L'aumento dei volumi dei pacchi sta determinando cambiamenti nelle reti di distribuzione.

Gli spedizionieri devono potenziare il loro servizio, in particolare a livello dell’ultimo miglio, e utilizzare meglio i dati per ottimizzare i percorsi e migliorare le operazioni.

Massimo Dino Ceresoli, Orange Business Services

Secondo Massimo Ceresoli, Head of Global Services - Southern Europe di Orange Business Services, blockchain, robotica, DevOps e analisi predittiva stanno trasfoemando questo settore, aiutando le aziende a farsi guidare dai dati e a tenere il passo con le aspettative dei clienti.

Blockchain valorizza i dati

Blockchain promette di essere un punto di svolta nel settore logistico, consentendo a spedizionieri e operatori 3PL di ottenere un valore aggiunto dai dati della supply chain.

La bellezza della blockchain è che, ogni volta che un prodotto passa di mano, viene creata una cronologia permanente della transazione che non può essere modificata. La tecnologia migliora la sicurezza perché ogni transazione è convalidata e registrata da una terza parte indipendente e tutte le parti possono accedere a questo libro mastro distribuito che registra le transazioni.

Ciò aiuta a ridurre i ritardi e gli errori umani migliorando sicurezza, trasparenza e governance. Può persino aiutare le aziende a soddisfare i requisiti normativi, offrendo la certezza che non stiano inconsapevolmente utilizzando prodotti vietati come minerali provenienti da zone di guerra, e consentono loro di verificare la provenienza delle materie prime, fornendo prove inconfutabili che la pasta di legno e carta è stata prodotta in modo sostenibile.

La blockchain può anche aiutare a ridurre le contraffazioni nella catena di approvvigionamento farmaceutica, facendo luce su grossisti e confezionatori poco regolamentati e sulle farmacie online.

Tra coloro che hanno preso parte allo studio sulla logistica conto terzi 2018, il 65% degli operatori 3PL ha dichiarato di essere interessato al potenziale della blockchain per fornire visibilità sulle catene di approvvigionamento del prodotto e per la condivisione dei dati. Ci sono, tuttavia, dei problemi aperti con blockchain che devono essere risolti - incluso lo sviluppo e la governance della condivisione dei dati in blockchain per conformarsi alle normative sulla privacy e sulla sicurezza dei dati globali

Potere ai robot

I robot sono già ampiamente utilizzati nelle linee di assemblaggio in tutto il mondo e stanno entrando sempre più nella forza lavoro della logistica, guidati dalle esigenze di selezione dei prodotti nel settore dell'e-commerce. 620.000 nuovi robot saranno impiegati ogni anno in attività di magazzino e logistica entro il 2021 rispetto ai 40.000 del 2016, secondo la società di ricerche di mercato Tractica.

Ad esempio, DK Fulfillment e Intelligent Robots stanno sperimentando un sistema di trasporto robotizzato intralogistico presso l'impianto 3PL di DKF nel Regno Unito. Una volta che gli operatori hanno prelevato gli ordini, questi vengono consegnati in una zona di prelievo designata, dove il robot porta il carrello nell'area di spedizione, risparmiando tempo e aumentando l'efficienza.

DHL ha anche testato con successo i robot nel magazzino della sua supply chain a Umna, in Germania. I robot seguono i raccoglitori attraverso il magazzino, occupandosi di sollevare i carichi pesanti e scaricando gli ordini. Questo può aiutare a ridurre il rischio di infortuni sul lavoro e migliorare la produttività e il benessere dei dipendenti.

Nuove applicazioni, nuovi dati

Portando i team di sviluppo software e quelli IT a collaborare utilizzando metodologie DevOps agili, diventa possibile accelerare la consegna di nuove applicazioni per affrontare le sfide logistiche che il futuro riserva.

Per May Chew, CIO di APL Logistics, che sta attualmente prendendo in considerazione DevOps, I clienti vogliono le cose in fretta e se il business si sta muovendo velocemente, la tecnologia deve muoversi ancora più velocemente.

Transnet, che gestisce una società di logistica merci integrata in Sud Africa, ha collaborato con Microsoft per implementare un processo DevOps end-to-end che aiuterà a ridurre i costi di consegna dei prodotti e creare soluzioni IoT scalabili che la aiuteranno a essere più efficiente.

L'analisi predittiva sta aiutando a migliorare la visibilità della supply chain per gli operatori 3PL, consentendo alle aziende di raccogliere e analizzare i dati per prendere decisioni gestionali informate. Le funzionalità predittive consentono agli operatori 3PL di gestire, ad esempio, gli schemi di traffico, le condizioni meteorologiche e le tempistiche dei porti.

Nello studio sulla logistica conto terzi del 2018, circa due terzi degli operatori 3PL hanno affermato di avere già investito o di avere l’intenzione di investire nell'analisi dei big data. Sorprendentemente, solo il 4% di loro ha dichiarato di investire nella digitalizzazione e nell'automazione per raccogliere e analizzare i dati, anche se riconoscono che l'uso efficace dei big data sarà fondamentale per la supply chain del futuro.

Le aziende 3PL stanno già utilizzando l'analisi predittiva a proprio vantaggio. C.H. Robinson Worldwide, ad esempio, analizza i dati storici dei clienti con tecnologie di intelligenza artificiale per esaminare le minacce alla supply chain, come attacchi informatici, interruzioni del traffico o condizioni meteorologiche estreme, per prendere decisioni rapide su come evitare i problemi.

Logistica conto terzi nel futuro

I clienti desiderano sempre più collaborare con i loro operatori 3PL a lungo termine. Processi 3PL efficienti e precisi che supportano i servizi 24/7 sono ormai essenziali. Questo spinge l'adozione di nuove tecnologie di collaborazione e comunicazione. Quando i sistemi di gestione della logistica basati su cloud e su IoT comunicano tra loro, i dati si trasformano in informazioni fruibili a valore aggiunto, che aumentano la visibilità e massimizzano la produttività.

Le informazioni proattive possono contribuire a definire una pianificazione avanzata e a prendere decisioni strategiche per ridurre al minimo le interruzioni. L'aumento della comunicazione e della collaborazione tra tutte le parti all'interno della supply chain migliora la capacità di pianificare ed eseguire spedizioni, offrendo come risultato un processo decisionale di livello superiore.

Gli operatori 3PL più intelligenti saranno quelli in grado di utilizzare gli sviluppi tecnologici per fornire servizi a valore aggiunto, come ad esempio l'elaborazione dei resi e la gestione dell’inventario, per differenziarsi dalla massa in un mercato estremamente competitivo.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome