Home Digitale Lavorare in remoto con Range e Microsoft Teams

Lavorare in remoto con Range e Microsoft Teams

Range è una società americana sviluppatrice di una soluzione di collaborazione in team che sta lavorando molto sulle integrazioni con terze parti: e, parlando di collaboration, non è un caso che, dopo quella con Slack, la società abbia ora annunciato l’integrazione con Microsoft Teams.

Il lavoro si sta evolvendo a un ritmo senza precedenti, accelerato dalla pandemia globale di Covid-19, mette in evidenza Range.

Man mano che le organizzazioni si adattano al lavoro a distanza, è diventato chiaro quanto il software di comunicazione sia fondamentale. E Microsoft Teams sta rapidamente diventando lo standard per come i team comunicano.

Quella con Microsoft Teams, ha sottolineato ancora Range, è una delle richieste di integrazione più importanti che l’azienda ha ricevuto dagli utenti.

Per questo motivo Range ha lavorato a stretto contatto con Microsoft per mettere a punto l’integrazione e fare in modo che le caratteristiche chiave di Range sfruttino al meglio l’area di lavoro di Teams, al fine di rendere ancora più efficace il lavoro di squadra in azienda, anche in remoto.

Microsoft Teams Range

I team programmano di solito riunioni per ottenere aggiornamenti sullo stato di un progetto, ma poi arrivano affaticati alla fine di una giornata piena di videochiamate: ci si scambia messaggi per capire cosa sta succedendo, ma tutte le interruzioni della chat lasciano poco tempo per concentrarsi sul lavoro.

Alla fine, mette in evidenza Range, non c’è molto da stupirsi che sia difficile sapere su cosa stanno lavorando gli altri e sentirsi connessi e sincronizzati con il proprio team.

È per risolvere questi problemi che Range ha ideato lo strumento Check-ins.

Il principio di funzionamento è questo: Range invia un promemoria all’utente su Outlook ogni mattina, per aiutare a costruire una semplice abitudine a pianificare la propria giornata, a riflettere sul lavoro da fare e a condividerlo con il proprio team come Check-in. Ci vogliono solo pochi minuti per creare e condividere un Check-in, sottolinea Range.

Man mano che i membri del team effettuano i Check-in, l’utente può vedere su cosa stanno lavorando gli altri, direttamente in Microsoft Teams: semplicemente aggiungendo il tab Range al proprio Teams, l’utente sarà sempre aggiornato su ciò su cui stanno lavorando tutti e i progressi che hanno fatto.

Range aiuta anche a rendere più produttive le videochiamate. Basta aggiungere Range ai meeting e sarà possibile vedere una barra laterale durante la call, con i Check-in del proprio team.

Piuttosto che lunghi e prolissi aggiornamenti di stato, tutti possono trarre le informazioni fondamentali dai Check-in per poi dedicare il tempo a conversazioni più significative riguardanti il lavoro.

Infine, le funzioni di team building incorporate in Range aiutano il proprio team a sentirsi connesso quando si lavora da casa e rende il lavoro più gratificante.

 

Microsoft Teams Range

Siccome le audio e videoconferenze online sono una delle caratteristiche più potenti di Microsoft Teams, Range ha poi portato nell’integrazione anche alcuni elementi chiave della sua soluzione, per rendere queste funzioni ancora più potenti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php