Italtel, 2004 come previsto

Fatturato in leggero calo, ancora rosso, ma fiducia (con segnali) della casa di Settimo Milanese nel percorso strategico intrapreso.

Il Consiglio di amministrazione di Italtel ha approvato ieri il progetto di bilancio per l’esercizio 2004.


I risultati della gestione sono in linea con qeuelli attesi e raffigurano gli effetti dell’avvio della strategia di riposizionamento della casa di Settimo Milanese verso nuovi segmenti del mercato Tlc, decisa dal Gruppo una volta completati la ristrutturazione e il progressivo abbandono delle attività manifatturiere nel triennio 2001-2003.


Il consolidato al 31 dicembre 2004 riporta un fatturato di 542,9 milioni di euro, inferiore dell'8% ai i 591,8 milioni del 2003, il margine sale al 17,6% del fatturato, mentre il risultato d’esercizio è negativo per 30,67 milioni di euro, contro i 24,9 del 2003.


Secondo quanto comunicato dalla società, però, i risultati del 2004 evidenziano miglioramenti della redditività del gruppo a partire dalla ristrutturazione avviata nel 2001, testimoniato anche da un risultato positivo prima dell'ammortamento (per 12,46 milioni di euro), con una crescente attenzione all’innovazione e alla produttività, un'azione rivolta al progressivo contenimento del debito e la focalizzazione su segmenti come la convergenza di voce, dati e immagini e il VoIp.


Il calo del fatturato nel 2004 è attribuito dal CdA principalmente a mutamenti del mercato di riferimento di Italtel, dal punto di vista sia dei volumi sia della struttura della domanda, in particolare alla diminuzione degli investimenti di Telecom Italia e degli operatori alternativi, alla contrazione del dollaro rispetto all’euro, alla diminuzione dei ricavi sul mercato russo ed alla progressiva riduzione della componente tradizionale nel portafoglio d’offerta.


Per il futuro, il gruppo di Settimo Milanese intende offrire soluzioni a Telecom Italia e conta di rafforzare la propria posizione sui mercati internazionali, in autonomia e attraverso la partnership con Cisco.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here