Home Startup Chi è isendu, la startup che aiuta le aziende a vendere online

Chi è isendu, la startup che aiuta le aziende a vendere online

Si scrive isendu, ma si legge “I send you”: è la nuova startup italiana, nata per semplificare la logistica e la gestione delle vendite online delle aziende e per aiutarle a migliorare la propria esperienza di ecommerce.

Lo spiega direttamente Lando Barbagli, cofondatore e Ceo di isendu: “Per i medi e piccoli ecommerce che si interfacciano con i sistemi di spedizione esiste ancora il problema di dover trasferire manualmente i dati dei clienti a cui inviare il bene acquistato dai loro siti a quelli degli spedizionieri perdendo, mediamente, fino a 7 minuti per ogni operazione”.

Uno spreco di tempo, un impegno di persone che potrebbero essere dedicate ad altro, un  conseguente rischio di errori.

Per questo è nata isendu, “soluzione che permette di spedire con un click – spiega Barbagli – azzerare i margini di errore nella gestione delle spedizioni, scegliere le migliori tariffe in modo dinamico, il tutto garantendo un risparmio di tempo che può arrivare all’85% e, conseguentemente, una più affidabile percezione del brand”.

E oltre alla tecnologia isendu mette a disposizione una community di partner che aiuta gli imprenditori digitali a dar vita a la strategia globale di ecommerce fatta di consulenza personalizzata, affiancamento su misura e supporto: un servizio completo che affianca le Pmi in ogni aspetto cruciale dell’attività di vendita: packaging, contenuti e promozione, assistenza post-vendita e business intelligence.

Con una dashboard compatta isendu permette di semplificare il processo di vendita online in un’ottica integrata e multicanale, abbattendo i tempi e azzerando le possibilità di errore.

Il funzionamento è semplice: isendu connette i marketplace (come ad esempio Amazon, eBay, Etsy) e le piattaforme di ecommerce (Shopify, Magento, WooCommerce e molte altre) con tutti i principali corrieri nazionali e internazionali.

Come isendu vuole crescere in Italia

La startup ha sede a Firenze, è stata co-fondata da Lando Barbagli e Marco Pericci (Head of Growth), dà lavoro oggi a circa 20 persone e https://isendu.com/ha in programma di assumere profili sia nell’ambito dello sviluppo sia di quello delle vendite.

Dal primo MVP di giugno 2020 isendu ha già raccolto 200 clienti e se fino a oggi si è autofinanziata, ora è in contatto con alcuni venture capital, con l’obiettivo di acquisire tra i 1200 e i 1300 clienti entro la fine dell’anno.

Barbagli dice che “Per i prossimi dodici mesi, il nostro mercato di riferimento sarà l’Italia, ma visto l’interesse per la nostra soluzione abbiamo già in previsione di cominciare un percorso di internazionalizzare entro la fine del 2022”.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php