Home Prodotti Networking e TLC Isdn switch off: cosa significa

Isdn switch off: cosa significa

Le Telco spegneranno le loro reti ISDN nel corso dei prossimi dieci anni. Quelle di alcuni Paesi hanno già fatto il passaggio, come le slovacche e macedoni. La maggior parte per ora ha annunciato i  piani: Swisscom nel 2017, Deutsche Telekom nel 2018, Orange nel 2020 e BT nel 2025.

Per i provider la migrazione è inevitabile se non vogliono trovarsi a gestire due reti separate una TDM per la voce e una rete IP per tutto il resto.

Si tratta di un impegno significativo che, solamente in Europa, coinvolge milioni di canali ISDN. E anche per gli utenti la migrazione diventa una necessità legata alla obsolescenza degli apparati in esercizio.

Questo cambiamento, osserva Massimo Ceresoli, Head of Global Services Southern and Central Europe di Orange Business Services, non porterà benefici solamente ai service provider: passare a una rete all IP permetterà alle imprese di abbandonare le loro connessioni e gateway voce per consentire la piena convergenza di voce e dati.

La migrazione verso il SIP Trunking

Il SIP trunking esiste già da anni: si tratta di una linea telefonica IP che collega il sistema di telefonia aziendale a un fornitore di servizi e consente agli utenti di effettuare chiamate ad altri al di fuori della rete aziendale.

La terminazione del SIP Trunking può essere in qualsiasi punto della rete aziendale, invece che a livello locale come l’ISDN. Per esempio, le terminazioni potrebbero essere tutte nel datacenter, in modo da consolidare le comunicazioni per tutti i siti, permettendo allo stesso tempo di mantenere le numerazioni esistenti e abilitando concetti di mobilità.

Sonoi molti, quindi, i vantaggi nell’utilizzare il SIP Trunking, tra cui convergenza, riduzione  costi, integrazione con i servizi cloud e alta affidabilità.

Gli ostacoli normativi

Il principale ostacolo allo spostamento completo verso il SIP Trunking,  osserva Ceresoli, è  di tipo normativo in quanto è un servizio voce. Questo ha fatto sì che il SIP Trunking sia stato utilizzato dai fornitori di servizi principalmente per offrire chiamate internazionali, mentre l’operatore storico ha continuato ad offrire servizi come telefonate locali e di emergenza.

Tuttavia la regolamentazione delle telecomunicazioni sta cambiando in molti paesi e i fornitori di servizi sono ora in grado di offrire un servizio interamente tramite IP che comprende chiamate locali e di emergenza in entrata e in uscita.

Per conto suo Orange Business Services attualmente fornisce un servizio in SIP Trunking in 24 paesi e territori. Questo significa che non c’è bisogno di aspettare che il fornitore di servizi utilizzato faccia lo switchoff della rete ISDN per fare il passaggio.

3 COMMENTI

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php