Ipotesi gennaio 2017 per il debutto delle CPU Kaby Lake da desktop (e non solo)

Intel Kaby Lake

Le penuria nella disponibilità dei nuovi MacBook Pro con Touch Bar ci dice che sono stati un successo nelle vendite. I potenziali acquirenti più attenti alle loro caratteristiche tecniche però non possono fare a meno di sentirsi un po' in mezzo al guado: è vero che Apple era di fatto obbligata a usare i "vecchi" processori Intel di sesta generazione Skylake se voleva CPU adatte a portatili "pro", però quelli di settima generazione Kaby Lake sono comunque in arrivo. Il punto chiave è: ma quando?

Ora sembra potersi avere una data più precisa per l'arrivo dei processori Kaby Lake adatti ai MacBook Pro ma anche agli iMac e volendo a qualche altro tipo di desktop. Le indiscrezioni di DigiTimes indicano che le CPU Kaby Lake della serie H dovrebbero debuttare al CES del prossimo gennaio e nella stessa occasione dovremmo vedere anche alcuni notebook dotati della nuova scheda grafica per portatili Nvidia GeForce GTX 1050.

Ad Apple non interessa molto perché il gaming non è mai stato il suo campo di elezione, ma l'interesse che i produttori di notebook in generale hanno per i nuovi chip (CPU e GPU) è alto anche perché lo è il bisogno di debuttare al CES con portatili ad alte prestazioni che conquistino i videogiocatori. Quello del gaming è infatti uno dei pochi segmenti dell'informatica consumer in cui gli utenti sono disposti a investire.

La conseguenza positiva è che, come altri produttori, Apple avrebbe presto a disposizione i processori giusti per lanciare nuovi desktop e per un "refresh" della linea portatili. Probabilmente non avrà molta fretta di farlo perché i nuovi MacBook Pro sono stati appena lanciati, ma difficilmente potrebbe rimandarlo oltre marzo-aprile.

Un'ipotesi concreta è che nei primi mesi del 2017 si possa quindi avere il lancio di nuovi desktop, il refresh della linea MacBook Retina e in una fase successiva quello dei MacBook Pro. A meno che Apple non abbia in serbo qualche altra novità. In fondo siamo ancora nel novero delle ipotesi.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome