Home Software Intelligenza artificiale Intelligenza artificiale e credito di imposta per far crescere le Pmi italiane

Intelligenza artificiale e credito di imposta per far crescere le Pmi italiane

L’intelligenza artificiale è sempre più vicina alla piccola e media impresa. Il credito d’imposta Innovazione Digitale 4.0 offre alle Pmi un’occasione concreta per aumentare la competitività e la resilienza, lungo tutta la catena del valore, anche attraverso l’adozione di soluzioni di intelligenza artificiale.

A metterlo in evidenza è Ammagammasocietà di data science che ha una sede in Italia, a Modena, e una in Israele, ad Haifa, e che sviluppa soluzioni di intelligenza artificiale – che sottolinea: ci sono ancora cinque mesi per cogliere questo vantaggio, e per scegliere le soluzioni ammesse per beneficiare del credito.

David Bevilacqua, amministratore delegato di Ammagamma, ha affermato: “La generazione sistematica di innovazione è una delle sfide più complesse per le imprese italiane, specie per le piccole e medie. Da una parte, la loro dimensione ridotta ha rappresentato storicamente un vantaggio in termini di flessibilità, adattività, capacità di reinventare in tempi molto rapidi processi e prodotti; dall’altra, però, questa stessa dimensione ha reso più difficili e meno scalabili gli investimenti in innovazione.

La misura inclusa nel Decreto Aiuti agevola in maniera significativa l’adozione di soluzioni di intelligenza artificiale, che possono creare valore per le imprese in tempi molto compressi, minimizzando il rischio legato alla sperimentazione e potenzialmente portando la competitività a un livello superiore”.

Il Decreto Aiuti n. 50/2022, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 17 maggio 2022 – ha messo in evidenza Ammagamma –, ha previsto un ulteriore incremento della misura del credito d’imposta per i beni strumentali immateriali 4.0.

Il credito d’imposta è maggiorato nella misura del 50% della spesa sostenuta per gli investimenti in beni immateriali Industria 4.0, effettuati nel 2022, con coda fino al 30 giugno 2023, per quelli prenotati entro fine anno.

In particolare, l’aliquota sale dal 20% al 50% per gli investimenti effettuati dal 1° gennaio al 31 dicembre 2022 (ovvero entro il termine lungo del 30 giugno 2023) a condizione che entro il 31 dicembre 2022 il venditore abbia accettato il relativo ordine e siano stati pagati acconti per almeno il 20% del costo di acquisizione. Il limite massimo di spese ammissibili è pari a 1 milione di euro.

L’ambito di applicazione dei prodotti di intelligenza artificiale – prosegue l’analisi di Ammagamma – è particolarmente ampio: dalle soluzioni per la pianificazione ottimizzata dei processi produttivi e organizzativi alle piattaforme per la gestione predittiva del magazzino, alle applicazioni per la previsione dei trend futuri, ai servizi di data enrichment per le soluzioni di advanced analytics, alle piattaforme di classificazione ed estrazione automatizzata delle informazioni dai documenti.

Giovanni Anceschi, head of innovation di Ammagamma, ha dichiarato: “I risultati ottenuti, naturalmente, variano secondo la natura del progetto. In generale, possiamo dire che l’adozione di soluzioni di intelligenza artificiale che rispondono ai requisiti del Decreto ha permesso ai nostri clienti di ottenere vantaggi come la riduzione dell’impiego di energia (-30%), il miglioramento dell’accuratezza di previsione (+50%), diminuzione dello stock di magazzino (30%), saturazione della pianificazione delle macchine (+20%).

Questo si traduce in un orizzonte di ritorno dell’investimento molto veloce, parliamo in alcuni casi di 6-10 mesi. È evidente che, specie per le imprese più piccole, questo vuol dire maggiore competitività e capacità di adottare una strategia di innovazione continua ‘modulare’ e incrementale”.

Leggi tutti i nostri articoli sull’intelligenza artificiale

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php