Home Digitale In Italia c’è un problema di privacy nei database pubblici

In Italia c’è un problema di privacy nei database pubblici

In un mondo guidato dalla tecnologia, i dati personali online e il modo in cui vengono utilizzati sono di grande preoccupazione per la privacy di ognuno.
Dal governo locale alla polizia, le banche dati delle autorità  pubbliche  detengono una quantità significativa delle nostre informazioni personali, ma ci fidiamo davvero di loro con questi dati?

Interessato alla privacy delle informazioni, Reboot Online  ha analizzato  gli ultimi dati della Commissione europea  per scoprire quali cittadini europei si fidano meno delle autorità pubbliche del loro paese con i dati personali.

Reboot Online ha rilevato che i cittadini in Spagna (78%) sono quelli che meno si fidano  delle autorità pubbliche per la privacy dei propri dati.

In seconda posizione c’è l’Irlanda, dove il 73%  delle persone è scettico su come le autorità pubbliche del paese gestiscono i dati personali.

Il Belgio, la  Francia e il Regno Unito sono al terzo posto, in quanto il 68 per cento dei cittadini di ciascun paese non ha fiducia nella capacità delle autorità pubbliche di sovrintendere ai propri dati personali in modo sicuro e diligente, garantendone la privacy.

Al quarto posto c’è la Bulgaria, dove il 67 per cento dei cittadini non ha piena fiducia nella gestione dei propri dati personali da parte delle autorità pubbliche.

Anche nel nostro paese le cose non vanno meglio. Infatti l’Italia, assieme a Malta e Croazia è tra i paesi europei in cui il 63% dei cittadini diffida del modo in cui le autorità pubbliche conservano e utilizzano i propri dati personali, classificandosi rispettivamente all’ottavo posto.

privacy europa

D’altro canto, nel 19° luogo, sembra che le persone in  Finlandia siano più garantite dalla supervisione dei loro dati personali da parte delle autorità pubbliche, con solo il 29% dei  finlandesi che  interroga la sicurezza dei propri dati personali con le autorità pubbliche.

Poco sopra la Finlandia c’è l’Estonia al 18esimo  posto,  dove 2 cittadini su 5  non sono del tutto convinti se le autorità pubbliche del paese si vengono competenti a prendersi cura dei propri dati personali.

È interessante notare che, in media tra tutti i paesi valutati, ben il 61% degli europei non si fida delle autorità pubbliche nella gestione della privacy dei dati personali.

 

1 COMMENTO

  1. Mi fido pochissimo delle Autorità pubbliche per la tutela della privacy e per nulla per quanto riguarda le aziende private. La sicurezza informatica è solo illusione.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php