Imprese in rete, oltre quota duemila

Le reti d'impresa si stanno dimostrando una formula efficace per risolvere le difficoltà connesse alla ridotta dimensione delle imprese italiane, puntando su una serie di obiettivi strategici: economie di scala, innovazione, internazionalizzazione. Ma anche sulla riconversione “verde” delle attività produttive. Sono infatti oltre 10mila le imprese che hanno aderito a uno dei 2mila contratti di rete presenti al 1° marzo nel Registro gestito dalle Camere di commercio.

Come risulta dall’analisi effettuata dal Centro studi di Unioncamere sulla base dei dati messi a disposizione da InfoCamere, a  scegliere la strada della collaborazione sono state, dal 2009 a oggi, soprattutto le piccole imprese. Rilevante, però la presenza delle medie imprese (che rappresentano più dell’8% degli aderenti), le quali svolgono spesso un ruolo di “catalizzatore” e di traino.

Fra le regioni spetta alla Lombardia il primato della collaborazione formalizzata tra imprese: 596 i contratti, ai quali aderiscono 2.164 imprese. A seguire, Emilia Romagna (1.196 imprese e 373 contratti) e Toscana (1.043 imprese e 197 contratti). La prima regione meridionale a distinguersi è l’Abruzzo con 164 contratti e 603 imprese, tallonata, tra le altre realtà del Sud, da Puglia e Campania.

Un'opportunità nuova, che molte imprese presenti in rete hanno già colto pienamente, è quella della green economy, non solo attraverso lo sviluppo delle rinnovabili e l’efficientamento energetico, ma soprattutto puntando alla “riconversione verde” dell’offerta di beni e servizi, applicando tecnologie a maggior risparmio energetico o a minor impatto ambientale, con quasi 330 contratti di rete che fanno diretto riferimento a tali obiettivi. Molto diffuso, però, anche l’obiettivo di accrescere il business sui mercati esteri (interessa circa 460 contratti), anche attraverso la creazione e/o la condivisione di un marchio comune di rete (in circa 15 casi). La volontà di promuovere un marchio collettivo è comunque più diffusa e arriva a riguardare 44 contratti, mentre le attività di ricerca e sviluppo e quelle brevettuali fanno esplicitamente parte delle finalità di 90 aggregazioni.

Se la natura stessa dei contratti di rete fa sì che il principale collante dell’aggregazione risieda nello sviluppo di servizi integrati a beneficio dei soggetti aderenti (oltre 680 contratti si ispirano, tra gli altri, a questo presupposto), è, poi, il rafforzamento delle capacità innovative e della competitività aziendale ad essere indicato come altro rilevante motivo di ricorso all’aggregazione (in circa 660 contratti), frequentemente combinato con l’adozione o la realizzazione comune di avanzamenti tecnologici (in circa 360 aggregazioni reticolari) o ad attività di progettazione (che improntano 470 reti). Un ulteriore fine comune è quello del perseguimento di economie di scala nelle attività di promozione e marketing, cui fanno esplicito riferimento più di 350 contratti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.
CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here