Il test dell’MSI MegaPC

Evoluzione dell’Hi-Fi in chiave PC

marzo 2004 Il MegaPC di MSI è un barebone che riunisce in un unico
apparecchio un ricevitore radio, un riproduttore di CD audio e file MP3 e un personal
computer che supporta CPU Intel.

La sezione multimediale è la prima ad avviarsi quando si collega l'alimentazione
elettrica ed è gestibile da telecomando a infrarossi. Funziona in modo
indipendente dal computer, come su molti computer portatili.

La sintonizzazione delle stazioni radio avviene in tre modi: automaticamente,
manualmente tramite la manopola a fianco del display LCD e inserendo direttamente
la frequenza voluta con il telecomando.

Il MegaPC ha la possibilità di memorizzare sino a sei stazioni radio.
L'equalizzatore incorporato ha quattro impostazioni predefinite che enfatizzano
la riproduzione dei generi musicali jazz, pop, classica e normale.

La scheda madre è basata sul chipset SiS 651 che supporta i processori
Intel con frequenza di bus fino a 533 MHz. La sezione audio 5.1 e la video VGA
sono integrate nel chip- set. Il poco spazio interno a disposizione richiede
una certa abilità di assemblaggio dei componenti, in questo è
di notevole aiuto il manuale che contiene le istruzioni di montaggio illustrate
da fotografie esplicative.

Abbiamo notato che un'eventuale scheda video AGP ostacola il raffreddamento
della CPU in quanto si viene a trovare tra la ventola di raffreddamento della
CPU e la presa d'aria sul telaio e molto a ridosso della ventola.

Le prestazioni in 3D della sezione video integrata non sono esaltanti, adeguate
invece quelle della sezione 2D. Il lettore di Multimedia Card 4-in-1 supporta
gli standard Secure Digital, Multimedia Card, Memory Stick e Smart Media.

Scheda prodotto
Produttore: MSI www.msi.com.tw
Modello: MegaPC
Prezzo: 370 euro (IVA compresa)

Pro
• Parte audio indipendente dall'accensione del computer

Contro
• L'installazione di una scheda video AGP ostacola il raffreddamento
della CPU

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here