Il test dell’AMD Athlon 64 FX-60

Il nuovo processore dual core prodotto da AMD è stato inserito nella categoria FX che da sempre caratterizza tutte le CPU sviluppate per un utilizzo videoludico; ad oggi l’utilizzo di un processore single core in questo settore può …

Il nuovo processore dual core prodotto da AMD è stato inserito nella
categoria FX che da sempre caratterizza tutte le CPU sviluppate per un utilizzo
videoludico; ad oggi l’utilizzo di un processore single core in questo
settore può garantire al sistema prestazioni migliori, ma ancora per
poco tempo; molte software house infatti stanno rilasciando patch che consentono
un corretto supporto ai processori dual core.

L’Athlon 64 FX-60 si presenta come la naturale evoluzione dell’X2
4.800+: le due CPU differiscono solamente per la frequenza effettiva di funzionamento
(2,6 GHz contro i 2,4 GHz), per il resto le caratteristiche tecniche sono pressochè
identiche a partire dalla cache di primo livello composta da due porzioni da
128 Kbyte per giungere a quella di secondo livello anch’essa in due blocchi
da 1 Mbyte ciascuno.

L’FX-60 non necessita di schede madri particolari o chipset di ultima
generazione per funzionare: sulla piattaforma di test, una A8N32-SLI deluxe
è stato sufficiente aggiornare il BIOS per far riconoscere correttamente
la CPU.

AMD, introducendo questo nuovo prodotto offre una soluzione completa: FX-60
non è solo indicato per un ambito videoludico, ma anche integrato in
una workstation semiprofessionale.

Le caratteristiche tecniche
Produttore: AMD
Modello: Athlon FX-60
Frequenza: 2,6 Ghz (per ogni core)
Socket: 939
Processo produttivo: 90 nm
Numero di transistor: 233 milioni
Cache L1: 128KB + 128KB
Cache L2: 1024KB + 1024KB

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here