Il germogliare della Business intelligence

Prima Sas, poi Business Objects e infine MicroStrategy. Tutto il panorama della Bi è un fiorire di nuove piattaforme.

5 aprile 2004

Questo è un periodo in cui si stanno concentrando diversi rilasci sul fronte della Business intelligence.


Un panorama fatto da aziende che si stanno orientando a portare verso gli utenti aziendali piattaforme di analisi ben integrate a monte, mettendo, cioè, funzionalità tipiche del back-office sulle scrivanie del front office.


Ha cominciato Sas la settimana scorsa, rendendo ufficialmente disponibile Sas 9, la nuova e ampiamente preannunciata piattaforma di gestione dati aziendale che fa un comune denominatore delle funzioni di data integration e di business analysis, contando anche su un motore ottimizzato di Etl (Extract transform and load). Un vero e proprio ambiente globale di gestione e interpretazione dati, spinto sul fronte degli utenti grazie a migliorate capacità di interfaccia e con una scalabilità totale per il trattamento dei dati che pertengono a tutta l'impresa.


A ruota segue Business Objects, che si appresta a rilasciare in settimana la nuova versione della propria piattaforma di integrazione dati. Si tratterà, per quello che è dato di sapere sinora, di un sistema capace di supportare il grid computing, che integrerà le funzionalità di data-cleansing di Firstlogic e che annovererà anche le tecnologie di Business intelligence acquisite da Crystal Decisions.


Ma si avvicinano anche i giorni di MicroStrategy Office, il nuovo prodotto di MicroStrategy ideato per interfacciare gli utenti della soluzione di produttività personale di Microsoft con i metadati tipici delle applicazioni di Business intelligence.


La soluzione, infatti, è stata ideata per eliminare le operazioni di copia e incolla da un ambiente a un altro (in genere dalla Bi verso Office). La strada che MicroStrategy ha scelto è stata quella dei Web service, tramite cui una società può dare accesso ai propri dati tramite Office, senza cioè, che i richiedenti abbiano a modificare i metadati per ottenere le informazioni di cui necessitano.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here