Home Prodotti Hardware Ibm Telum, arriva il processore antifrode

Ibm Telum, arriva il processore antifrode

Ibm ha annunciato alla conferenza annuale Hot Chips le caratteristiche di Telum, un nuovo processore con accelerazione on-chip per l’intelligenza artificiale sviluppato in tre anni.

Telum è il primo chip con tecnologia creata dall’Ibm Research AI Hardware Center. Samsung è il partner di sviluppo tecnologico di Ibm per il processore sviluppato a 7nm.

Telum è specificamente progettato per abilitare l’inferenza del deep learning nelle transazioni ad alto valore e migliorare la capacità di intercettare le frodi in tempo reale, prevenirle e affrontarle.

L’accelerazione on-chip per l’intelligenza artificiale di Telum, infatti, sarà in grado di supportare le imprese che operano nel settore bancario, finanziario, commerciale e assicurativo, attraverso soluzioni innovative nella lotta contro le frodi, nell’approvazione del credito, nei reclami e nella liquidazione e nel trading finanziario e nelle varie interazioni con gli utenti.

Il primo sistema Ibm basato su Telum dovrebbe essere disponibile nella prima metà del 2022.

Telum

Elaborazione edge per l’intelligenza artificiale

Secondo un recente studio condotto da Morning Consult e commissionato da Ibm, il 90% degli intervistati ritiene importante poter sviluppare e realizzare progetti basati sull’intelligenza artificiale dove risiedono i dati.

Per questo si rivela fondamentale la capacità di Telum di sfruttare il deep learning per permettere l’elaborazione in modo efficiente là dove risiedono dati e applicazioni mission critical, superando le complessità legate agli approcci di intelligenza artificiale aziendale più tradizionali.

Oggi il processo di rilevamento delle frodi può richiedere molto tempo e molti calcoli, specialmente se l’analisi viene effettuata lontano dai dati mission-critical. I limiti di latenza sono una delle cause principali per le quali i rilevamenti delle frodi avvengono in ritardo, quando una transazione è già stata completata – ciò significa che un malfattore potrebbe portare a compimento un acquisto di beni con una carta di credito rubata prima che il rivenditore ne venga a conoscenza.

Telum consentirà di passare dal rilevamento passivo delle frodi a un’azione attiva di prevenzione, aprendo la strada a innovazioni che permetteranno in futuro di individuare le frodi prima che le transazioni siano completate.

Il nuovo chip ha un design unico centralizzato, che permette alle imprese di sfruttare tutta la potenza del processore per i carichi di lavoro che si basano proprio sull’intelligenza artificiale: in questo modo, algoritmi come machine learning e deep learning potranno essere utilizzati anche per accelerare i processi di approvazione del credito, migliorare il servizio clienti e la redditività, prevedere l’andamento di scambi o transazioni e rendere i processi di liquidazione più efficienti.

Telum, approccio Full Stack per la progettazione dei chip

Telum segue la lunga tradizione di Ibm di progettazione e ingegneria innovativa che include la co-creazione e l’integrazione di hardware e software che abbraccia silicio, sistema, firmware, sistemi operativi e framework software leader.

Il chip contiene 8 core di processore con una pipeline di istruzioni out-of-order super-scalare, in esecuzione con una frequenza di clock superiore a 5 GHz, ottimizzata per le esigenze di carichi di lavoro di classe enterprise eterogenei.

La cache completamente riprogettata e l’infrastruttura di interconnessione dei chip fornisce 32 MB di cache per core e può scalare fino a 32 chip Telum. Il design del modulo a doppio chip contiene 22 miliardi di transistor e 19 miglia di filo su 17 strati metallici.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php