GPU AMD

Sono in arrivo entro la fine dell’anno da AMD le prime GPU per data center da 7 nm al mondo. Si tratta delle schede d’accelerazione AMD Radeon Instinct MI60 e MI50, basate sulla tecnologia  Vega 7nm. La seconda, il modello MI50, è atteso però alla fine del primo trimestre 2019.

Questi bolidi sono progettati per offrire la performance necessaria in ambiti che richiedono un’elevata potenza d’elaborazione ottimizzata. Settori quali: deep learning, High Performance Computing, cloud computing, applicazioni rendering.

Le GPU AMD Radeon Instinct MI60 e MI50 offrono prestazioni estremamente veloci sui calcoli in virgola mobile. Fanno inoltre affidamento sulla prestante memoria HBM2, High-Bandwidth Memory di seconda generazione. Questa raggiunge velocità fino a 1 TB/s.

GPU AMDSi tratta, comunica AMD, delle prime GPU che supportano lo standard d’interconnessione PCIe 4.0 di nuova generazione. Questa è fino a 2 volte più veloce rispetto alle altre tecnologie di interfaccia di connessione tra CPU e GPU. Presentano inoltre la tecnologia AMD Infinity Fabric Link. Quest’ultima abilita una comunicazione CPU-to-GPU fino a 6 volte più veloce rispetto a PCIe Gen 3.

Radeon Instinct MI60 e MI50, le GPU vanno al massimo

La flessibilità della precisione mista FP16, FP32 e INT4/INT8 soddisfa la crescente domanda di carichi di lavoro dinamici e in continua evoluzione. L’ottimizzazione deep learning è cruciale in varie applicazioni, dal training di reti neurali complesse all'inferenza sulle reti stesse.

GPU AMDLa GPU Radeon Instinct MI60 arriva a prestazioni FP64 fino a 7,4 TFLOPS di picco. Una potenza di calcolo utile a scienziati e ricercatori per elaborare in modo più efficiente le applicazioni High Performance Computing. Tra queste, AMD cita: scienze biologiche, energia, finanza, automotive, aerospaziale, difesa e altro ancora.

La Radeon Instinct MI50 offre fino a 6,7 TFLOPS di performance FP64. Rappresenta una soluzione efficiente e più attenta ai costi. È in grado di affrontare una varietà di carichi di lavoro su deep learning, Virtual Desktop Infrastructure, Desktop-as-a-Service e ambienti cloud.

Di pari passo con l’hardware, AMD ha annunciato anche la nuova versione della piattaforma open software ROCm per l'accelerated computing. Questa sarà disponibile entro la fine dell’anno e supporta le caratteristiche dell’architettura hardware delle nuove schede d’accelerazione. Tra cui: operazioni deep learning ottimizzate (Optimized Deep Learning Operations, DLOPS) e tecnologia AMD Infinity Fabric Link. ROCm è progettato per la scalabilità e permette di implementare sistemi di calcolo eterogenei, ad alte prestazioni e con efficienza energetica, in un ambiente aperto.

In tutt’altro ambito, quello notebook, da AMD sono in arrivo anche nuovi processori grafici per il MacBook Pro di Apple.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome