Home Cloud Google Workspace, sicurezza e privacy con la crittografia sul client

Google Workspace, sicurezza e privacy con la crittografia sul client

È un momento di grandi novità per Google Workspace, con la disponibilità per tutti gli account Google e le nuove funzioni per il lavoro ibrido.

Insieme alle nuove funzionalità, Google ha introdotto anche innovazioni in materia di sicurezza e privacy per aiutare i clienti di Google Workspace a realizzare le piene potenzialità di una collaboration affidabile e cloud-native.

Il lancio della crittografia lato client per Google Workspace aiuta i clienti della piattaforma a rafforzare la riservatezza delle informazioni affrontando al contempo una vasta gamma di requisiti di sovranità e conformità dei dati.

Google Workspace, ha messo in evidenza Google, utilizza già i più recenti standard crittografici per cifrare tutti i dati a riposo e in transito tra i data center di Big G.

Google ora fa un ulteriore passo avanti dando ai clienti il controllo diretto delle chiavi di crittografia e del servizio di identità che possono scegliere per accedere a queste chiavi.

Con la crittografia client-side, i dati dei clienti sono indecifrabili per Google, mentre gli utenti possono continuare a trarre vantaggio dalla collaborazione nativa del cloud e basata sul web, accedere ai contenuti sui dispositivi mobili e condividere esternamente i file cifrati.

La crittografia lato client è particolarmente vantaggiosa, sottolinea ancora Google, per le organizzazioni che archiviano dati sensibili o regolamentati, come la proprietà intellettuale, i record sanitari o i dati finanziari.

Al fine di preservare il principio della separazione delle funzioni, l’abilitazione della crittografia lato client richiede la scelta di un partner per il servizio di accesso alle chiavi: Flowcrypt, Futurex, Thales o Virtru.

Ognuno di questi partner, ha illustrato la società di Mountain View, ha costruito strumenti in conformità con le specifiche di Google e fornisce sia la gestione delle chiavi che le funzioni di controllo degli accessi.

Google Workspace

Il partner scelto detiene la chiave per decodificare i file crittografati di Google Workspace, e Google non può accedere o decifrare questi file senza questa chiave. Per chi preferisce costruire o integrare il proprio key service in-house, Google pubblicherà le specifiche API del servizio di accesso alle chiavi che possono essere utilizzate con la crittografia lato client, più avanti nel corso dell’anno.

Google ha annunciato che nelle prossime settimane introdurrà una beta per la crittografia client-side, per i clienti di Google Workspace Enterprise Plus e Google Workspace Education Plus.

La crittografia lato client sarà inizialmente disponibile per Google Drive, Docs, Sheets e Slides, con supporto per diversi tipi di file, compresi i file di Office, PDF e altro ancora. I clienti interessati possono iscriversi già ora alla beta.

La roadmap di Google prevede di abilitare la crittografia lato client in tutto Google Workspace, compresi Gmail, Meet e Calendar. Il supporto per Google Meet arriverà in autunno.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php