Home Cloud Google Workspace, produttività e collaboration diventano più semplici

Google Workspace, produttività e collaboration diventano più semplici

Il lavoro di aggiornamento di Google Workspace effettuato dalla società di Mountain View è continuo e regolare: a volte si tratta di rilasci importanti, con nuove funzionalità di rilievo; altre volte di miglioramenti minori ma che, nel complesso, migliorano sempre più l’esperienza d’uso della piattaforma cloud di produttività.

Anche il primo mese del nuovo anno ha fatto registrare una lunga serie di aggiornamenti e nell’ultima settimana Google ha effettuato alcuni rilasci minori, ma non di meno interessanti.

Come sempre, il roll out degli update di Google Workspace è graduale e non sempre simultanei per tutti i piani e le aree geografiche.

Una delle novità è che ora è possibile ridimensionare le sezioni Chat e Rooms nella colonna di navigazione a sinistra di Gmail sul web. Questo update all’interfaccia utente rende più facile mantenere in cima e navigare più velocemente verso le chat più importanti.

Google Workspace

Un’altra novità riguarda Google Sheets: è stata aggiunta una casella range name (intervallo denominato) posizionata a sinistra della barra della formula, per migliorare la navigazione nel foglio di calcolo.

In precedenza, le celle attive erano indicate solo da un contorno blu e potevano essere localizzate scorrendo o usando i tasti freccia. Ora, è possibile utilizzare la casella dell’intervallo denominato per saltare direttamente alle coordinate e ai range impostati in un foglio.

Inoltre, questa casella fornisce anche un menu a discesa per accedere, gestire e creare facilmente nuovi intervalli denominati nel foglio.

Google Workspace

Un altro aggiornamento di Google Workspace ha introdotto la possibilità di abilitare il supporto offline per Google Calendar su Google Chrome dal proprio computer.

Quando il supporto è abilitato, l’utente può visualizzare il proprio calendario e gli eventi da quattro settimane prima o in qualsiasi momento nel futuro per settimana, giorno o mese. Si tratta di una funzione particolarmente utile quando ci si trova offline o si ha a che fare con un accesso Internet inaffidabile.

Quando si condivide lo schermo, Chrome ora nasconde automaticamente il contenuto delle notifiche pop-up del web.

Ciò include le notifiche da Google Chat, e-mail e di altri siti web di terze parti. Quando la condivisione dello schermo termina, tutte le notifiche silenziate saranno automaticamente visualizzate.

Altri update riguardano: le informazioni su chi è out-of-office, che ora vengono visualizzate quando si risponde o si menziona un utente in un commento su Google Docs; la possibilità per gli amministratori di abilitare o disabilitare l’uso di sfondi personalizzati o preimpostati in Google Meet per le riunioni programmate da un livello di unità organizzativa (OU); sono ora più facili l’identificazione, il controllo e la comprensione dell’indirect group membership tramite l’API Cloud Identity Groups.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php