Home Digitale Google Meet, nuovo accesso rapido ai meeting e sottotitoli live

Google Meet, nuovo accesso rapido ai meeting e sottotitoli live

In questo periodo così ricco di novità per Google Meet, arrivano due nuovi aggiornamenti di Google Workspace che arricchiscono e potenziano le funzionalità dell’app di video meeting della piattaforma cloud per la produttività di Mountain View.

Gli organizzatori di meeting Google Meet nei domini G Suite for Education e Enterprise for Education possono ora attivare o disattivare l’Accesso rapido (l’opzione Quick acces) per una determinata riunione dall’evento in Google Calendar.

L’impostazione Accesso rapido aiuta gli organizzatori a controllare se i partecipanti devono richiedere l’accesso al fine di partecipare al video meeting. Con l’aggiunta dei controlli agli eventi del calendario, gli organizzatori possono ora configurare l’impostazione in modo appropriato prima del meeting. In precedenza, invece, questa opzione poteva essere gestita solo tramite il menu Controlli dell’organizzatore durante il meeting.

Google Meet

Inoltre, come già annunciato da Google, l’impostazione di Accesso rapido è ora ” sticky” per i meeting ricorrenti di Meet. Ciò significa che, se si modifica l’impostazione, sia prima della riunione tramite Google Calendar che durante tramite le impostazioni di chiamata, essa verrà salvata per eventuali riunioni future che utilizzano lo stesso meeting code.

La seconda novità riguarda i sottotitoli live. Google ha infatti annunciato di aver ampliato la funzionalità di live captions di Google Meet con la disponibilità delle lingue francese, tedesco, portoghese e spagnolo (Spagna e America Latina), mentre in precedenza i sottotitoli dal vivo erano disponibili solo in inglese.

Google Meet

I live caption consentono agli utenti non udenti e ipoudenti, o di madrelingua diversa oppure, ancora, agli utenti che si trovano in ambienti rumorosi, di essere maggiormente coinvolti nelle riunioni.

Durante una call di Google Meet, ogni partecipante alla videochiamata sarà in grado di selezionare la lingua parlata del meeting quando si abilitano i sottotitoli.

Anche nel caso dei sottotitoli l’impostazione sarà “sticky”, cioè sarà salvata, insieme alla lingua scelta, per le riunioni future.

I live caption non in inglese sono attualmente disponibili sul web solo per i paesi delle regioni APAC e EMEA, con il roll-out in Nord America e America Latina in arrivo all’inizio del 2021. Inoltre, sempre all’inizio del 2021 verrà esteso il supporto anche alle app mobili per iOS e Android.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php