Home Cloud Google Cloud con Prometheus fa il monitoraggio di Kubernetes

Google Cloud con Prometheus fa il monitoraggio di Kubernetes

Prometheus – ha sottolineato Google Cloud – è lo standard de facto per il monitoraggio di Kubernetes: funziona bene per molte implementazioni di base, ma la gestione dell’infrastruttura può diventare impegnativa su larga scala.

Poiché le implementazioni di Kubernetes rivestono un ruolo sempre più importante nell’IT enterprise, lo scaling di Prometheus per un gran numero di metriche a un livello globale è diventato un bisogno urgente per molte organizzazioni.

Ed è per questo che la società di Mountain View ha annunciato l’anteprima pubblica di Google Cloud Managed Service for Prometheus, una nuova offerta di monitoraggio progettata all’insegna della scalabilità e facilità d’uso, che mantiene la compatibilità con l’ecosistema open source Prometheus.

Con Google Cloud Managed Service for Prometheus le imprese hanno a disposizione un’alternativa allo sforzo di gestire in maniera autonoma uno stack Prometheus o Thanos.

Il servizio gestito consente di ottenere un monitoraggio scalabile a livello globale con le interfacce Prometheus, con al contempo la possibilità di mantenere la compatibilità e la portabilità dell’ecosistema open source.

Managed Service for Prometheus, attualmente in preview, è un servizio di collection, storage e query completamente gestito da Google Cloud, per le metriche Prometheus.

È costruito sulla base di Monarch, lo stesso data store scalabile a livello globale che alimenta tutto il monitoraggio delle applicazioni di Google.

Google Cloud

Il servizio gestito per Prometheus consente di monitorare e avvisare riguardo le implementazioni di Kubernetes, senza dover gestire e far funzionare manualmente l’infrastruttura Prometheus su scala.

È ideato come una sostituzione drop-in per Prometheus ed elimina la necessità di soluzioni autogestite come Thanos o Cortex.

Come sostituto di Prometheus, il servizio gestito è stato progettato per un onboarding facile, con la possibilità di riutilizzare le proprie configurazioni esistenti di Prometheus.

Presenta inoltre una compatibilità ibrida e multi-cloud, il che significa che è possibile monitorare qualsiasi ambiente in cui Prometheus può essere eseguito.

Essendo sullo stesso backend del resto dei servizi di monitoraggio di Google Cloud, Managed Service for Prometheus è compatibile con Cloud Monitoring.

Infatti – ha spiegato l’azienda – le metriche gratuite della piattaforma Google Cloud possono essere interrogate insieme alle metriche di Managed Service for Prometheus in Cloud Monitoring.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php