Home Aziende Google Google Cloud presenta nuove tecnologie di IA generativa al servizio del retail

Google Cloud presenta nuove tecnologie di IA generativa al servizio del retail

In vista dell’NRF 2024, il più grande evento dedicato al settore retail, Google Cloud ha presentato oggi diverse nuove tecnologie basate sull’IA e sull’IA generativa per aiutare i retailer a personalizzare gli acquisti online, a modernizzare le operazioni e a trasformare l’implementazione delle tecnologie all’interno dei punti vendita. I retailer oggi stanno prendendo in considerazione nuovi strumenti per rendere le loro operazioni più efficienti, creando al contempo esperienze di acquisto ancora più personalizzate in risposta alle aspettative dei consumatori.

Carrie Tharp, Vicepresidente Strategic Industries, Google Cloud
Carrie Tharp, Vicepresidente Strategic Industries, Google Cloud

“In un solo anno, l’IA generativa si è trasformata da un concetto a malapena conosciuto in una delle funzionalità più innovative di tutta la tecnologia, e in un asset strategico nell’agenda di molti retailer”, ha dichiarato Carrie Tharp, Vicepresidente Strategic Industries, Google Cloud. “Con la capacità di accelerare la crescita, incrementare l’efficienza, alimentare l’innovazione e ridurre il carico di lavoro, le soluzioni di IA generativa sono ora pronte per essere implementate, e nel 2024 le ultime innovazioni di Google Cloud aiuteranno i retailer a riconoscerne il valore”.

Nuove funzionalità di IA generativa e modelli linguistici di grandi dimensioni per creare esperienze di acquisto online ancora più personalizzate e utili

La nuova soluzione di conversational commerce di Google Cloud consente ai retailer di introdurre facilmente agenti virtuali basati sull’IA generativa nei loro siti web e nelle loro app. I retailer ora possono creare agenti virtuali in grado di intrattenere conversazioni utili con gli acquirenti utilizzando il linguaggio naturale, e consigliare vari prodotti in base alle preferenze dell’acquirente. Ad esempio, un agente virtuale può dialogare con un cliente in cerca di un abito da cerimonia per un matrimonio e proporgli diverse tipologie di prodotto, personalizzate in base ai suoi colori preferiti, al tipo di location, al clima, agli accessori abbinati e al budget. Per di più, i retailer possono implementare questi agenti IA conversazionali avanzati in un paio di settimane anziché in mesi.

Questa nuova soluzione può essere eseguita sulla piattaforma Vertex AI di Google Cloud o integrata nelle applicazioni per la gestione dei cataloghi esistenti.

Google Cloud ha introdotto anche una nuova funzionalità LLM in Vertex AI Search per il retail, un prodotto che offre ai rivenditori ricerche e suggerimenti di qualità Google nativamente integrati nelle loro vetrine digitali. I retailer autorizzati saranno in grado di personalizzare un LLM in base al loro catalogo prodotti e agli stili di ricerca degli acquirenti, migliorando notevolmente la loro capacità di presentazione dei prodotti pertinenti in base alle query di ricerca grazie a una classificazione più precisa dei prodotti potenziali, secondo un determinato termine di ricerca. Ad esempio, un rivenditore di articoli per la casa con sede negli Stati Uniti, i cui prodotti online sono descritti solo in inglese, potrebbe beneficiare di un LLM ottimizzato quando i clienti effettuano ricerche sia in inglese che in spagnolo, fornendo i risultati più pertinenti dal suo catalogo prodotti a una base più ampia di utenti.

Soluzioni di IA generativa per la trasformazione di elementi chiave per i retailer: servizio clienti e gestione del catalogo

La nuova soluzione di customer service modernization di Google Cloud può aiutare i retailer a migliorare lo shopping self-service e il coinvolgimento degli acquirenti. Questa offerta si integra al sistema gestionale di relazioni con i clienti (CRM) esistente di un rivenditore, che può così implementare agenti dotati di intelligenza artificiale che possono eseguire numerose azioni come fornire consigli personalizzati sui prodotti, programmare appuntamenti o controllare lo stato degli ordini. Questa nuova soluzione può anche sfruttare le avanzate capacità di traduzione linguistica dell’IA di Google Cloud, per personalizzare l’esperienza del servizio clienti. Inoltre, i retailer possono utilizzarla per migliorare la produttività dei dipendenti grazie alla funzione di riepilogo delle conversazioni in chat con i clienti abilitata dall’IA, a un’unica interfaccia che consolida le informazioni interne e a suggerimenti di risposta in tempo reale per gli agenti basati sulla conoscenza delle risorse interne del retailer.

La soluzione di customer service modernization, inoltre, può aiutare i rivenditori e i brand che desiderano trasformare le loro infrastrutture tecnologiche vocali e di chat. Infatti, offre ai retailer la possibilità di gestire più canali per il customer engagement contemporaneamente, come e-mail, SMS, telefonate e chat online, e di spostarsi da un canale all’altro durante le interazioni del servizio clienti. I rivenditori possono utilizzare questa tecnologia, in combinazione con il data warehouse di Google Cloud, BigQuery per ottenere una sintesi del sentiment degli acquirenti ricavata da fonti quali recensioni online, post sui social media, feedback dei clienti e chat con i referenti del servizio clienti.

La nuova soluzione di Google Cloud catalog e content enrichment aiuta a semplificare e accelerare la catalogazione dei prodotti, un processo che spesso richiede tempo e costi elevati per molti retailer. Questo include creare e analizzare immagini e descrizioni dei prodotti, e generare in modo automatico contenuti come descrizioni accattivanti, metadati dei prodotti, linguaggio adatto all’ottimizzazione dei motori di ricerca (SEO) e altro ancora. Ad esempio, il team merchandising di un negozio di articoli sportivi può utilizzare la tecnologia per caricare per la prima volta online e automaticamente l’intero catalogo di prodotti, con descrizioni di prodotto complete e accurate.

Modernizzare le tecnologie in-store con un’offerta combinata hardware e software

Visti i continui investimenti in tecnologia da parte dei retailer, cresce sempre più l’esigenza di utilizzare i software, come i sistemi di punti vendita – nonché nuove funzionalità di intelligenza artificiale e di machine learning – con connettività internet a bassa latenza o intermittente all’interno dei negozi fisici. Inoltre, molti retailer mirano a estendere i vantaggi su scala delle applicazioni abilitate dal cloud ai loro punti vendita, con alti livelli di sicurezza dei dati.

Google Distributed Cloud Edge, l’offerta hardware e software completamente gestita di Google Cloud, ora ha una configurazione orientata ai retailer, per aiutare i brand a offrire esperienze moderne ai clienti con l’IA in migliaia di sedi con copertura internet ridotta o assente. I rivenditori possono risparmiare preziose risorse IT grazie a tre server di piccolo formato che possono essere comodamente installati in qualsiasi negozio. Con questo prodotto, installabile nel retrobottega del negozio, i retailer possono  fare di tutto, dalla raccolta di dati analitici completi sul punto vendita alla semplificazione delle operazioni strategiche del negozio.

La tecnologia è anche scalabile, e ciò significa che i retailer possono creare applicazioni di nuova generazione, come soluzioni abilitate dall’IA in grado di offrire ai clienti un’esperienza di checkout fluida, o di fornire ai dipendenti informazioni sul volume giornaliero della merce. Inoltre, Google Cloud fornisce, implementa, gestisce e mantiene l’hardware, in modo che i retailer possano concentrarsi sulla vendita e i clienti.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

Iscriviti alla newsletter

css.php