Google Cloud

Annunciato ad aprile in occasione di Google Cloud Next 19, il servizio gestito per Microsoft Active Directory di Google Cloud è ora disponibile in versione beta pubblica.

Si tratta di un un servizio gestito, protetto e a disponibilità elevata, che aiuta i clienti della piattaforma di Big G a gestire i carichi di lavoro dipendenti da Active Directory che vengono eseguiti nel cloud, nonché ad automatizzare la manutenzione del server Active Directory e la configurazione della sicurezza e a connettere il dominio locale nel cloud.

Il Managed Service for Microsoft Active Directory (AD) è pensato per uno scenario in cui un numero crescente di app e server che dipendono da Active Directory si trasferisce nel cloud, e in cui, di conseguenza, i team It e di security devono affrontare sfide sempre più impegnative per conseguire gli obiettivi aziendali in termini di latenza e sicurezza, oltre alle tipiche problematiche di manutenzione legate alla configurazione e alla protezione dei Domain Controller Active Directory.

Google CloudIl servizio gestito offre un modo più semplice per il deployment di un ambiente Active Directory sulla Google Cloud Platform, rispetto alla strada di farlo in proprio, in modo che la aziende possano concentrarsi, invece, sulla implementazione dei progetti che hanno un maggiore impatto sul proprio business.

Il servizio esegue controller di dominio Microsoft Active Directory effettivi, per evitare problemi di compatibilità delle applicazioni. I team It possono utilizzare le funzionalità standard e gli strumenti di amministrazione di Active Directory con cui hanno già familiarità, per gestire il dominio. Ciò, in un ambiente in cui quasi non devono preoccuparsi della manutenzione. Il servizio è infatti altamente disponibile, riceve patch in automatico, viene configurato con impostazioni predefinite sicure ed è protetto da appropriate regole del firewall di rete.

Il servizio gestito per Microsoft Active Directory di Google Cloud permette di effettuare il deployment in una regione specifica, per consentire alle app e alle VM, nella stessa o in altre regioni, di accedere al dominio tramite un Virtual Private Cloud (VPC) a bassa latenza. Man mano che le esigenze della infrastruttura aziendale crescono, il team It può, in modo semplice, espandere il servizio in regioni aggiuntive, continuando a utilizzare lo stesso dominio Active Directory gestito.

Maggiori informazioni sul servizio gestito per Microsoft Active Directory di Google Cloud Platform, e possibilità di registrarsi alla public beta, sono disponibili sulla pagina del prodotto, a questo link.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome