<img height="1" width="1" style="display:none" src="https://www.facebook.com/tr?id=1126676760698405&amp;ev=PageView&amp;noscript=1">
Home Digitale Google aiuta le imprese a gestire gli annunci sulle TV connesse

Google aiuta le imprese a gestire gli annunci sulle TV connesse

Display & Video 360 è lo strumento della Google Marketing Platform che consente alle imprese di gestire le campagne di annunci pubblicitari end-to-end e i media mix digitali.

Per aiutare gli inserzionisti a offrire un’esperienza di visione della connected TV (CTV) migliore, Google ha ora lanciato nuove soluzioni di gestione della frequenza CTV in Display & Video 360.

Queste nuove soluzioni permettono agli inserzionisti di controllare il numero di volte in cui le persone vedono i loro annunci su YouTube e altre app CTV.

Secondo Google, ciò offre agli streamer CTV un’esperienza di visualizzazione più fluida e limita il rischio di un backlash del brand a causa della sovraesposizione degli ad.

Google ha sottolineato come i primi risultati abbiano mostrato che questa nuova funzionalità migliora anche significativamente le prestazioni per gli inserzionisti.

In media, le marche otterrebbero un incremento del 5% di “reach per dollar” quando gestiscono la frequenza degli annunci CTV su YouTube e altre app di questo tipo.

Con Display & Video 360, è già possibile controllare quanti annunci pubblicitari gli spettatori di CTV vedono attraverso le app di YouTube e YouTube TV.

Separatamente, è anche possibile impostare un obiettivo di frequenza per gli annunci in esecuzione su altre app CTV.

Ora, per la prima volta, è possibile gestire la frequenza degli annunci CTV su entrambe.

Google Marketing Platform

Google fa l’esempio di un’impresa o un responsabile del marketing che ha impostato un obiettivo di frequenza di cinque annunci a settimana per la propria campagna CTV.

Invece di mostrare fino a cinque annunci CTV su YouTube e cinque annunci su altre app CTV, Display & Video 360 ora mirerà a mostrare l’annuncio non più di cinque volte in totale.

Gli spettatori, in questo modo, non vedranno l’annuncio più del dovuto, quando navigano su YouTube, Hulu o qualsiasi altra delle loro app CTV preferite.

Questo approccio più incentrato sull’utente secondo Google riduce il rischio di innescare l’ad fatigue.

E potrebbe anche aiutare le imprese a ottimizzare il rapporto tra costi e benefici. Distribuendo più uniformemente i budget degli annunci CTV tra gli spettatori, è possibile secondo Google ottenere una maggiore reach per lo stesso budget.

La soluzione di gestione della frequenza CTV cross-channel di Display & Video 360 funziona per tutti i formati, gli exchange, i dispositivi CTV e i tipi di deal, sottolinea Google.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php