Gioco d’azzardo online: piatto ricco anche per il cybercrime

Indagato in un nuovo report redatto da McAfee, il fenomeno evidenzia il rischio crescente per gli operatori di essere sfruttati da chi ricicla denaro sporco.

Sempre più criminali informatici si rivolgono al cyberspazio per cogliere nuove opportunità di business.
Lo dice l'incessante proliferare dei casinò online, dove enormi volumi di transazioni possono eclissare e mascherare il riciclaggio di denaro, lo confermano i numeri di un nuovo report McAfee intenzionato a far luce sul mondo sotterraneo del gioco d'azzardo online.

Tra i presupposti di “Jackpot! Money Laundering Through Online Gambling” non manca, infatti, la considerazione di come la criminalità informatica stia utilizzando i casinò online per ripulire all'ingresso ricavi di origine illegale che, una volta tramutati in vincite di gioco, non solo risultano esentasse in molte giurisdizioni, ma rendono impraticabile la denuncia alle autorità competenti.

Da qui la volontà della società parte di Intel Security di indagare il fenomeno evidenziando, in primis, come il numero dei siti Internet non autorizzati dove giocare online supera di oltre dieci volte quello degli operatori autorizzati, mentre la presenza di numerosi Url che operano sul Web clandestino sfruttando anche le valute virtuali contribuisce ad allargare i confini di un fenomeno difficilmente delimitabile.

A facilitarne la proliferazione, ancora una volta, contribuirebbero l'alto livello di anonimato offerto ai giocatori online; la presenza di svariate modalità di pagamento che rendono l'attività di monitoraggio dei percorsi del denaro molto più complessa; un numero totale di strutture illegali difficile da controllare.

Basti pensare che, già a novembre dello scorso anno, alle 104 giurisdizioni internazionali censite venivano fatti risalire oltre 2.734 siti di gioco su Internet, afferenti a 867 proprietari di siti di gaming.

Considerata la continua identificazione da parte delle Forze dell'Ordine di siti cosiddetti “canaglia” e la proliferazione degli indirizzi online di gioco illegale, il consiglio di McAfee è di prendere, per prima cosa, “consapevolezza della situazione”.

Definita come “il primo passo per impedire ai criminali di raggiungere il jackpot e farla franca”, il successivo suggerimento è di far applicare le leggi online grazie alle tante collaborazioni già in essere con autorità transfrontaliere, Internet service provider, società di sicurezza informatica, mondo accademico e istituzioni finanziarie.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here