Gestione documentale centralizzata per Agrati Group

Agrati_Group_LogoÈ un progetto di gestione documentale centralizzato quello realizzato in otsourcing con formula “All in” dal business partner di Kyocera Document Solutions, Vicsam Sistemi per Agrati Group.

In procinto di intraprendere la strada della razionalizzazione documentale con l’obiettivo di rendere possibile la digitalizzazione e gestire il controllo della produzione dei documenti in maniera proattiva, il produttore italiano di sistemi di fissaggio, ha rinnovato i propri sistemi di stampa proseguendo una partnership intrapresa nel segno di Kyocera fin dal 2003.

Costituito da 5 società controllate e 9 siti produttivi distribuiti nel mondo, per un totale di circa 2mila dipendenti e oltre 360 milioni di euro di fatturato, Agrati Group ha per prima cosa messo mano al parco stampanti degli uffici della sede di Veduggio (MB), dove trovano impiego più di 370 persone.
Utilizzati per lo più per attività di back office nei differenti reparti aziendali, i 147 dispositivi, tra stampanti e multifunzione a colori e monocromatici, sono stati rinnovati e ottimizzati da Vicsam Sistemi per incentivare, anche in ottica di dematerializzazione documentale, l’uso della scansione in azienda.

Una gestione centralizzata, orchestrata con il dipartimento It di Agrati Group guidato da Giancarlo Vergani, per portare efficienza e razionalizzazione, in base alle reali necessità applicative dell’azienda, che ha demandato a Vicsam la totale gestione documentale e dei processi di stampa, allontanando da sé anche il rischio di obsolescenza del parco installato.

Dopo aver introdotto nuove policy di utilizzo e controllo tramite sistemi Id degli accessi, per un volume documentale che ha, ormai, raggiunto i 2 milioni di pagine annue, si è definito un unico server di stampa dedicato e uniformato l’hardware su sistemi pre-selezionati per assicurare piena trasparenza nell’aggiornamento sistemi, compatibilità tecnica e interoperabilità fra gli uffici.

I risultati riportati in una nota ufficiale dall’It director Vergani parlano di un’operatività omogenea e piena compatibilità d’infrastruttura che hanno generato l’aumento della produttività e della competitività aziendale, mentre la gestione dei consumabili “as a service”, basata su monitoraggio remoto del parco installato e data in outsourcing, ha generato una riduzione dei costi derivante dall’eliminazione di stock a magazzino e personale dedicato al ripristino materiali.

 

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here