Home Cloud Gaia-X comincia a diventare una soluzione: ecco l'offerta di Hpe

Gaia-X comincia a diventare una soluzione: ecco l’offerta di Hpe

Hewlett Packard Enterprise lancia le soluzioni Gaia-X: framework, marketplace e servizi per aiutare le aziende a prepararsi all’arrivo della data infrastructure europea, con le prime soluzioni certificate pronte per dicembre.

Cos’è Gaia-X?

Lo spiega bene Johannes Koch, Senior Vice President, Germania, Austria e Svizzera di Hpe: “Gaia-X è una risposta alla domanda chiave della prossima ondata di trasformazione digitale: come possiamo creare nuovi network senza centralizzare tutti i dati? Si tratta di liberare il valore dei dati distribuiti in diversi luoghi e nel cloud. Ma Gaia-X non può funzionare da sola. Per trarre vantaggio da questa piattaforma bisogna sapere come monetizzare i dati e metterli in pratica. Questo è esattamente ciò che aiutiamo i clienti a fare con le nostre soluzioni Gaia-X”.

Hewlett Packard Enterprise ha infatti annunciato le soluzioni per aiutare le aziende a monetizzare i dati attingendo a Gaia-X, l’infrastruttura di dati federati supportati da più di 300 realtà in Europa e nel mondo.

Hpe Gaia-X Solution Framework è stato progettato per aziende, provider di servizi e organizzazioni pubbliche che vogliono prepararsi a partecipare al progetto Gaia-X: supporta virtualmente tutte le funzionalità richieste sia per la fornitura sia per il consumo di dati e servizi in un ambiente decentralizzato e federato.

Il framework si basa su un’architettura di riferimento, sfruttando componenti chiave del portafoglio software di HPE, software di terze parti e la piattaforma aziendale Cloud28+, un marketplace per la monetizzazione di dati e servizi.

Singoli componenti e interi ambienti della soluzione sono disponibili in modalità as a service attraverso la soluzione di servizi in cloud Hpe GreenLake.

Hpe ha inoltre annunciato il servizio Hpe Roadmap per Gaia-X che aiuta i clienti a valutare la loro disponibilità al progetto Gaia-X e a sviluppare una roadmap.

Sovranità del dato decentralizzato

Il cloud decentralizzato e le infrastrutture dati decentralizzate adottano un approccio radicalmente nuovo per affrontare.

Consentono la condivisione e l’aggregazione di dati, l’analisi dei dati e relativi servizi con grande scalabilità senza la necessità di un intermediario centrale. Questo crea un campo di gioco equo, con potere e opportunità distribuite tra tutte le parti.

Gaia-X sta emergendo come un punto focale di questo sforzo. L’iniziativa collega le infrastrutture centralizzate e decentralizzate per rafforzare la capacità di accedere e condividere i dati in modo sicuro e affidabile.

Gaia-X sta entrando nella sua fase operativa con i primi progetti di punta, e le prime soluzioni conformi a Gaia-X dovrebbero essere certificate nel dicembre 2021.

HPE è un membro dell’organizzazione non-profit Gaia-X AISBL fin dalla sua nascita e contribuisce all’architettura, agli standard e alla certificazione di Gaia-X. HPE sta già lavorando con varie organizzazioni in Europa per aiutarle a prepararsi per le infrastrutture di dati decentralizzate come Gaia-X, come la francese Orange Business Services e la finlandese CSC – IT Center for Science Ltd finlandese che ospita il primo supercomputer pre-exascale d’Europa, Lumi, e che si sta preparando a rendere disponibile il supercomputing come parte di un ecosistema di funzionalità, in cui Gaia-X avrà un ruolo importante.  

credit: Gaia-X AISBL

Framework di soluzioni per Gaia-X

Un elemento centrale dell’HPE Solution Framework per Gaia-X è un’architettura di riferimento che definisce le componenti base necessarie per costruire i casi d’uso di Gaia-X. Garantisce un funzionamento sicuro dell’infrastruttura per i workflow decentralizzati e include una struttura di governance centrale.

La base tecnologica è la piattaforma software HPE Ezmeral che fornisce funzionalità come l’accesso unificato ai dati distribuiti e il controllo unificato dei cluster Kubernetes distribuiti. HPE sfrutta anche SPIFFE, il “Secure Production Identity Framework For Everyone”, e SPIRE, lo SPIFFE “Secure Production Identity Runtime Environment” – che rappresentano lo standard open-source per autenticare in modo sicuro i servizi software attraverso l’uso di identità crittografiche indipendenti dalla piattaforma.

La piattaforma commerciale Cloud28+ permette ai clienti di sfruttare e monetizzare i loro dati e servizi attraverso un marketplace. Questa piattaforma è stata originariamente creata come catalogo di servizi della comunità Cloud28+, ed è ora disponibile per essere utilizzata da singole aziende, oltre che dalla rete di partner di HpeE.

Contribuendo attivamente all’architettura e agli standard dell’infrastruttura decentralizzata, HPE doterà il proprio framework di soluzioni delle interfacce, dei connettori e dei servizi necessari affinché i clienti possano collegarsi senza problemi alla piattaforma e all’ecosistema di Gaia-X.

Hpe Solution Framework per Gaia-X e il servizio HpeE Roadmap Service sono disponibili in Europa. I singoli componenti della soluzione e gli interi ambienti sono disponibili tramite i servizi cloud HPE GreenLake. Le interfacce e i connettori saranno resi disponibili non appena le specifiche di Gaia-X saranno definitive.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php