Fisso-mobile. La nuova ondata convergente delle Tlc

La fusione Telecom Italia-Tim e l’annuncio di un terminale unico riaccendono il dibattito sui servizi del futuro, mentre la telefonia cellulare sorpassa quella tradizionale

Il tema della convergenza, nelle sue diverse sfaccettature, continua a guidare le strategie degli operatori di Tlc.


Negli ultimi mesi, in particolare, l’attenzione si è focalizzata sulla possibilità di usare lo stesso terminale per accedere sia a reti wireless WI-FI/WI-MAX sia a servizi mobili UMTS/GSM: la cosiddetta convergenza fisso-mobile.


Le danze le ha aperte Bt, in Inghilterra, lanciando lo scorso anno il servizio Fusion (un telefono cellulare che in casa si collega via Bluetooth), seguita da Vodafone, che in Germania ha abbassato i prezzi delle telefonate fatte da casa con il cellulare; ma anche altri operatori stanno lavorando su questo terreno.


In Italia, venendo ai fatti di casa nostra, è in corso la fusione organizzativa e societaria delle divisioni wireless e wireline dell’incumbent italiano, ovvero Tim e Telecom Italia. È evidente che l’operatore sta puntando dritto sui servizi multimediali e convergenti e ha già annunciato che, entro il 2006, lancerà un "supertelefono", che sarà al tempo stesso telefono di casa e cellulare. Basato sulla nuova tecnologia UMA (Unlicensed Mobile Access), utilizzerà all’interno della casa la rete fissa ADSL con un collegamento in modalità WI-FI, mentre, all’esterno dell’abitazione, funzionerà come un normale telefonino, utilizzando le reti GSM, GPRS ed EDGE.


La telefonia mobile al sorpasso


Se queste novità otterranno il successo sperato è tutto da vedere e gli stessi protagonisti ostentano una grande prudenza (si veda l’articolo a pag.15). Nel mirino sembrano esserci soprattutto le aziende, ma la variabile costi non sembra sufficiente a convincerle.


Nel frattempo, come confermano i recenti dati dell’Osservatorio Smau, continua ad attenuarsi il divario tra la spesa degli utenti finali per i servizi telefonici mobili e fissi. Il sorpasso del cellulare rispetto al fisso dovrebbe avvenire proprio in queste settimane: nei primi nove mesi del 2005, infatti, la spesa per servizi telefonici mobili è stata di 11,646 miliardi di euro, con una crescita del 10,1% sullo stesso periodo del 2004.


Per i servizi fissi la spesa è stata invece di 12,706 miliardi di euro con un incremento dell’1,5%.


Va detto anche che la convergenza fisso-mobile non è nuova: già negli anni 90 esistevano terminali DECT/GSM, ma oggi ci sono nuove condizioni, tecnologiche e di mercato, che la rilanciano: basta pensare che la voce sulle WLAN è trainata da Intel che, con Centrino, ha abilitato ogni pc mobile. «Oggi - conferma Vittorio Trecordi, consulente di Ict Consulting - c’è un’esigenza di terminali unificati e di accesso ai servizi in mobilità, mentre si assiste a una crescente sostituzione delle chiamate da telefono mobile rispetto a quelle da rete fissa. Se si guarda la natura di queste telefonate, si osserva che sono fatte al chiuso, cioè in luoghi che potrebbero avere una copertura wireless indoor. Ecco perché ci si chiede se esiste la possibilità di catturarle con le WLAN, riducendo i costi».


Lo scenario del mercato


Secondo Trecordi vari fattori spingono gli operatori mobili a invadere il terreno del fisso e viceversa. «I vendor più tradizionali, quelli fissi - afferma -, stanno vivendo un periodo di riduzione dei ricavi di fonia, mentre continua l’evoluzione verso la larga banda, con un crescente interesse per l’accesso wireless. La concorrenza da parte degli operatori del mobile è forte e devono fare i conti con il VOIP di tipo peer to peer». Sul fronte operatori mobili è sotto attacco il premio di mobilità, ovvero quel differenziale in termini di prezzo, che il cliente è disposto a pagare per il servizio. In più, per la prima volta si è vicini a limiti di saturazione per i servizi voce, il che spinge la concorrenza sulle tariffe, anche per il mercato business. Infine, per gli operatori convergenti (come Wind), il focus è per ora sull’infrastruttura, mentre la convergenza sul mercato avviene attraverso offerte unificate, con una bolletta unica.


Un altro tema chiave per la convergenza fisso-mobile è la disponibilità di terminali di buona qualità e con batterie adeguate. «Già esistono - afferma Trecordi - terminali con due interfacce, una mobile 2G o 3G e una wireless, WI-FI, ma resta da risolvere un mare di problemi legati alla convivenza di questi segnali nella trasmissione. Tuttavia, le tecnologie sono allo studio».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here