Home Mercato Facebook progetta l'acquisizione di Giphy per 400 milioni di dollari

Facebook progetta l’acquisizione di Giphy per 400 milioni di dollari

Novità nel mondo dei social network: Facebook acquisirà Giphy, il motore di ricerca di gif ed animazioni  fornitore di piattaforma.

Sebbene il social network fondato da Mark Zuckerberg non abbia voluto svelare nel dettaglio i termini dell’accordo, rumors molto accreditati indicano in circa 400 milioni di dollari il valore economico della transazione.
Si tratta di una aggiunta dal chiaro valore strategico: Giphy è cresciuta fino a essere una fonte centrale per contenuti condivisi e ad alto coinvolgimento e le sue gif di risposta animata sono disponibili sulle piattaforme di Facebook, così come attraverso altre app e servizi sociali sul web.

In particolare, Giphy fornisce funzioni di ricerca e stickers integrati per Instagram di Facebook, e continuerà ad operare in tale capacità, diventando parte del team Instagram.
Giphy sarà disponibile anche per le altre app di Facebook attraverso integrazioni esistenti e aggiuntive.
Gli utenti saranno ancora in grado di caricare le proprie GIF, e per quanto finora noto Giphy continuerà ad operare con il proprio brand e sito, così come non verrà interrotta la collaborazione e la possibilità di integrazione da parte di sviluppatori esterni.

Il social network ha inoltre confermato la volontà di continuare ad investire per migliorare lo sviluppo tecnologico di Giphy; al tempo stesso verranno sviluppare attivamente nuove relazioni e collaborazioni sinergiche,  sia sul lato contenuti che dal punto di vista degli sviluppatori endpoint.
La società americana ha inoltre rivelato che ad oggi circa il 50% del traffico che Giphy riceve già proviene dalle applicazioni di Facebook, tra cui Instagram, Messenger, l’applicazione FB stessa e WhatsApp.

Facile quindi comprendere le motivazioni che hanno spinto verso il buon esito di questa trattativa, che dimostra come Facebook non faccia solo investimenti finalizzati a diversificare la propria offerta (come il recente investimento nelle telco indiane) ma anche in acquisizioni perfettamente in linea con il proprio core business nativo.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php