Home Cloud Exadata Cloud Service X8M abilita i nuovi database

Exadata Cloud Service X8M abilita i nuovi database

Oracle ha annunciato la disponibilità della nuova soluzione cloud per database e carichi di lavoro mission-critical “Exadata Cloud Service X8M” (basata sulla piattaforma ingegnerizzata Oracle Exadata X8M recemente lanciata e basata su Intel Optane Persistent Memory), che per le sue caratteristiche – anche secondo gli analisti di IDC e Wikibon – si colloca oggi ai vertici del mercato.

Oracle Exadata X8M, la nuova piattaforma per Exadata Cloud Service, permette al database di interagire tramite funzionalità di Remote Direct Memory Access (RDMA) bypassando del tutto sistema operativo, I/O e stack software di rete.

Questo permette di elevare di 2,5 volte l’ I/O delle transazioni e di ottenere una latenza dell’ I/O 10 volte migliore di quanto era possibile con la versione precedente di Exadata Cloud Service.

Le funzionalità RDMA operano su un nuovo tipo di network fabric – RDMA over Converged Ethernet (RoCE)  – ultra veloce, da 100 Gbs, che consente un throughput elevato, fondamentale, ad esempio, per le elaborazioni analitiche massive.

Inoltre, Exadata Cloud Service X8M utilizza una nuova generazione di Oracle Real Application Clusters (RAC) che offre funzionalità molto migliorate per lo scale-out del database trasparente alle applicazioni e un’elevata affidabilità per tutti i tipi di carichi di lavoro database.

In più, repliche database pienamente attive grazie ad Oracle Data Guard consentono di fare l’offload delle azioni di lettura e scrittura SQL sul database in replica, fornendo allo stesso tempo protezione automatizzata in caso di calamità dentro la cloud region e tra region diverse.

I database Oracle implementati su Exadata Cloud Service possono arrivare fino a 4.600 CPU Cores, 44TB di DRAM, 96 TB di persistent memory, 1,6 PB di memoria flash e 25 PB di capacità disco.

Exadata Cloud Service X8M è totalmente elastico. I clienti possono iniziare con piccole configurazioni in alta affidabilità di dimensioni ridotte, con appena quattro core CPU abilitati, e espandersi aggiungendo capacità di calcolo o di storage secondo necessità, senza downtime.

Le performance di Exadata Cloud Service X8M permettono ai clienti di supportare più utenti, implementare più database, eseguire più transazioni e accelerare le analytics usando meno hardware e in meno tempo, risparmiando quindi sui costi. Inoltre, i clienti pagano solo ciò di cui hanno bisogno. Si possono scalare database e storage online in modo indipendente quando serve, e ridurre i costi con un pay-per-use calcolato al secondo.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php