Dell tra server blade e acquisizioni

Attesi oggi dalla società alcuni annunci che vanno “oltre” il pc, nuove partnership strategiche e – perchè no? – magari anche un’acquisizione

Riflettori puntati su New York e su Dell, dalla quale proprio oggi si attende una serie di annunci sia di prodotto, sia strategici.
Al momento della stesura di questo articolo nulla è ancora stato ufficialmente rilasciato dalla società, né dagli headquarter statunitensi, tantomeno dalla filiale italiana. Ma molte indiscrezioni filtrano sia dalle agenzie sia dagli osservatori di mercato americani.
In particolare, per quanto riguarda i prodotti, al centro degli annunci odierni dovrebbe esserci una linea di server blade, completi di software e servizi e tipicamente indirizzati al mercato del web hosting. In base alle indiscrezioni, i nuovi server dovrebbero essere equipaggiati con processori Pentium III a 800 MHz, ponendosi dunque in diretta concorrenza con i recenti annunci di Compaq e Hp, con cuore Pentium III a 700 MHz. Per Dell, l’ingresso in questo mercato rappresenterebbe un ulteriore passo in un segmento di mercato che va oltre i pc e che si orienta verso soluzioni con margini senza dubbio più interessanti.
Secondo gli analisti, però, il lancio dei server blade è comunque sintomatico del perdurare delle difficoltà in area pc. Difficoltà acuite per altro dal rincaro di alcune componenti chiave, che, secondo dichiarazioni rilasciate dalla stessa Dell, comporterebbe un aumento del costo di produzione di un 10% non riassorbibile con i soli costi interni. Ed è a causa di questo aumento che – pare – Dell si trova nella condizione di abbassare le proprie stime per il primo trimestre dell’anno in corso di 2 o 3 cent ad azione.

Ma gli annunci odierni dovrebbero essere anche di natura strategica. Si vocifera di un forte accordo con Lexmark, che potrebbe andare oltre la “semplice” commercializzazione delle stampanti di quest’ultima, ma potrebbe persino arrivare a una fusione, a far da contraltare a quella tutt’ora in corso tra Hp e Compaq. Naturalmente nessuna delle parti si sbilancia sulla notizia.
Meno ipotetico è invece l’ampliamento di un accordo esistente con Emc e che riguarda l’area dello storage. L’accordo stipulato lo scorso mese di ottobre vedeva Emc vendere prodotti storage ad aziende che non posseggono server Dell. Ora Dell potrebbe addirittura supportare Emc nel rendere più efficiente la produzione e anche in questo caso c’è chi parla di acquisizione.
Del resto qualche mese fa era stato lo stesso Michael Dell a dichiarare pubblicamente la propria intenzione di varare una politica di acquisizioni. Si attendono dunque le prime mosse.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here