Home Interviste Davide Giordano, Shopware: potenziamo l’ecommerce grazie all’AI e agli showroom digitali

Davide Giordano, Shopware: potenziamo l’ecommerce grazie all’AI e agli showroom digitali

Intelligenza artificiale e video showroom interattivi rendono l’ecommerce ricco di dati, più semplice da gestire, velocizzato e potenziato da nuovi strumenti per l’acquisto. Questi, almeno, sono gli strumenti di novità che la tedesca Shopware ha apportato alla propria piattaforma di ecommerce, arricchendo un’offerta che in Italia viene proposta attraverso un canale costituito da una ventina di nomi di peso della system integration, che si rivolgono prevalentemente a un target di clientela B2B.

Un mercato, quello nostrano, che ha iniziato a svilupparsi un paio d’anni fa, con l’apertura degli uffici di Milano, in linea con la strategia di espansione sul mercato europeo, e non solo, dell’azienda nata una ventina di anni fa e leader, in Germania, nel mercato dell’ecommerce, del quale detiene il 12% di share.

Shopware è una piattaforma ecommerce opensource, con API aperte agli sviluppi su qualsiasi settore e funzionalità e offre la possibilità di essere gestita sia on prem, sia in modalità as a service sia, ancora, in versione totalmente cloud.

Dal suo arrivo in Italia, ha iniziato a sviluppare un mercato partendo dal Sud Tirolo, per poi via via estendersi sulla Penisola per un totale a oggi di 200 installazioni, dalla bottega con prodotti tipici ad aziende più grandi, che utilizzano Shopware come piattaforma per le proprie vendite online, un po’ trasversalmente sui vari mercati verticali, soprattutto per il B2B.

“Sono diverse le industry interessate alla nostra piattaforma – dichiara Davide Giordano, regional manager Italia di Shopware -, e vanno dalla distribuzione, al farmaceutico, alle rivendite dell’automotive, ma stiamo progressivamente incontrando altri interessanti mercati, quali editoria e sportware e altro ancora. Indice di una piattaforma che ben risponde alle esigenze di diversi verticali, con la possibilità di essere personalizzata per le singole esigenze. E proprio la possibilità di una personalizzazione spinta è tra i principali motivi per cui la nostra viene favorita e scelta rispetto ad altre piattaforme più rigide, grazie alle caratteristiche di flessibilità e di customizzazione che possono vestire le necessità del singolo cliente”.

Un ecommerce personalizzabile da una rete di system integrator

Caratteristiche dovute anche al cuore opensource su cui si basa la piattaforma, che consente caso per caso di proporre ai clienti le migliori funzionalità da poter includere nel loro progetto. A partire dalla gestione degli abbonamenti, al sell e cross-sell da integrare all’interno della customer journey. Un “campionario” ormai ricco quello di Shopware, costituito da una serie di use case che aiutano a mostrare il successo con cui molti clienti hanno affrontato determinate problematiche, illustrando così le grandi potenzialità che la piattaforma può offrire.

La rete di vendita è prevalentemente indiretta, appoggiandosi a una rete di una ventina di partner a livello nazionale, grossi system integrator nazionali che hanno competenze di sviluppo e che utilizzano la piattaforma per costruire i progetti di ecommerce per i propri clienti.

“A noi il compito di sollevare la domanda e cercare opportunità e clienti, ma poi è il canale che sviluppa la maggior parte del mercato, essendo strutturati, con dei team dedicati ai grandi clienti e con la conoscenza approfondita dei verticali che trattano”, specifica Giordano.

L’AI entra nelle feauture di Shopware in aiuto ai blog aziendali…

Tante, dicevamo, le funzionalità della piattaforma Shopware, la quale oggi si arricchisce di ulteriori, nuove feature per rendere ancora più interattiva e intuitiva l’esperienza di chi vende o acquista online.

“Siamo una realtà che fa dell’innovazione la propria caratteristica – spiega il regional manager –, la quale ci ha portato a essere i primi nel nostro settore a rilasciare le funzionalità dell’intelligenza artificiale direttamente in piattaforma, con lo scopo di migliorare i processi di business dei merchant nostri clienti. Riusciamo così oggi a utilizzare l’AI per la generazione di contenuti, grazie all’impiego di ChatGPT per la generazione dei prompt e di risposte testuali alle domande degli utilizzatori. È una funzionalità che stiamo sfruttando sulla nostra piattaforma per la generazione di articoli di blog all’interno del sito di ecommerce o, anche, per la generazione di schede prodotto, o per effettuare riassunti delle diverse review”.

…ma Shopware sfrutta l’AI anche per la gestione dei dati di vendita e l’integrazione col CRM

Ma non solo. L’AI viene utilizzata anche sul fronte dei dati, con la possibilità di fare clustering direttamente dalla piattaforma, sempre facilitati da prompt. Uno strumento di grande aiuto per coloro che in breve tempo necessitano di catalogare tipologie di acquirenti o di prodotti o altro. Lo stesso discorso vale per il caricamento delle immagini, che vengono catalogate automaticamente con i tag pertinenti agli elementi presenti nella foto stessa. A questi, si aggiunge il vantaggio di avere dati aggiornati sulle vendite, ripartite per reparti e collegabili a elementi quali CRM o altri, per un flusso dinamico delle informazioni e dati, avendo il vendor siglato alleanze con oltre 1.600 partner tecnologici.

L’integrazione dell’AI nella piattaforma risale alla scorsa primavera e Shopware è ora in piena attività di formazione per i clienti che ne hanno effettuato l’upgrade attraverso un intenso calendario di webinar e blog, gestiti sia direttamente sia attraverso la propria rete di partner.

Digital Sales Room: un “live commerce” per vendite e informazioni di marketing

Oltre all’intelligenza artificiale, Shopware ha ultimamente introdotto un’ulteriore novità: la Digital sales Room, un vero e proprio showroom digitale e interattivo che consente di effettuare ordini direttamente dallo schermo.

Si tratta di uno strumento utile sia in ambito B2B sia B2C, un vero e proprio “live commerce” che consente di creare una videochat interattiva direttamente dal portale con uno o più partecipanti per la presentazione di nuovi prodotti o collezioni e verificare in tempo reale l’interazione dell’audience con i prodotti mostrati. I partecipanti possono mettere like o già aggiungere a carrello i prodotti cliccati dallo schermo nel momento in cui questi venivano mostrati.

Il risultato per il merchant è avere in tempo reale una grandissima quantità di dati sui quali potrà impostare la produzione, spedizioni, fornitori o altre attività, come cross-sell o up-sell sulle preferenze mostrate dall’acquirente in quel momento.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

Iscriviti alla newsletter

css.php