Home Mercato DataCore Software acquista l’object storage di Caringo

DataCore Software acquista l’object storage di Caringo

DataCore Software ha annunciato l’acquisizione di Caringo, operazione che le permetterà di proporsi come fornitore unico di soluzioni di software defined storage a blocchi, file e oggetti.

Per Jeff Horing di Insight Partners, “L’utilizzo dell’object storage sta aumentando rapidamente, con un numero crescente di aziende che cercano metodi convenienti, sicuri e affidabili per gestire grandi quantità di dati”.

E Caringo è pioniere nel mercato dell’object storage. È stata fondata nel 2005 per cambiare radicalmente le metriche economiche dello storage.

Lo ha fatto con software che risolvere i problemi legati alla crescita senza fine dei dati.

Il suo prodotto di punta è Swarm e costituisce le fondamenta per lo storage, l’accesso e l’analisi dei dati hyperscale, nell’ordine dei petabyte, garantendone al contempo l’integrità ed eliminando le dipendenze hardware.

Le soluzioni software-defined di Caringo vengono utilizzate per gestire data set le cui dimensioni scalano rapidamente da realtà come BT Television, Department of Defense, Disney Streaming Services, National Institutes of Health (NIH), Argonne National Labs.

Per Barry Griffiths, managing director di NAS UK Ltd, un partner di lunga data di Caringo e DataCore “una delle più grandi sfide che i manager IT di tutto il mondo dovranno affrontare nel 2021 sarà come spostare facilmente e rapidamente crescenti capienze di blocchi e file non strutturati nel mondo del cloud/oggetti”.

L’acquisizione di Caringo dà ulteriore spinta alla DataCore ONE Vision, in tema di concretizzare la potenza del software-defined storage per abbattere i silos e le dipendenze hardware, unificando il settore e mettendo l’IT in grado di rendere lo storage più intelligente, efficace e semplice da gestire.

La linea di prodotti Caringo è complementare al portfolio di software-defined storage DataCore, che comprende il software vFilO, tecnologia di nuova generazione per la virtualizzazione dello storage basato su file e oggetti distribuiti progettata specificamente per aiutare le imprese a organizzare, ottimizzare e controllare grandi quantità di dati sparpagliati on-premises e nel cloud, e il software SANsymphony per lo storage a blocchi, che offre indipendenza dall’hardware, flessibilità, disponibilità, prestazioni ed efficienza/risparmio sui costi.

Scott Sinclair, senior analyst di ESG sostiene che “Le aziende e le organizzazioni IT guardano da anni al software-defined storage come a un modo per aumentare flessibilità e possibilità di scelta infrastrutturali, contribuendo allo stesso tempo a ridurre i costi di gestione di grandi volumi di dati in modo efficiente e sicuro”.

L’acquisizione di Caringo aumenterà la presenza di DataCore ad Austin, dove si trova la sede centrale di Caringo e dove DataCore ha staff di vendite, marketing e R&D.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php