Consip, un pesante intermediario

La società di emanazione governativa ha assunto un ruolo di filtro coercitivo per gli acquisti nella Pa. L’obiettivo del taglio dei costi cozza con i freni al mercato

27 febbraio 2003 Merita qualche riflessione il ruolo che la
Consip (società partecipata al 100% del ministero dell'Economia
e Finanze) è andata ad assumere soprattutto alla luce dell'ultima Finanziaria.

La società oggi sostanzialmente presiede agli acquisti delle istituzioni
centrali e locali sia attraverso un e-marketplace sia, soprattutto, stipulando
convenzioni-quadro, di solito economicamente vantaggiose e, dunque, con realtà
che si possono permettere di fare sconti molti alti.
La Finanziaria 2003
rende pressoché obbligatorio per gli amministratori attenersi agli accordi presi
dalla Consip per i propri acquisti, contemplando deroghe solo in casi di
comprovato risparmio. Il taglio dei costi pubblici, così, è senz'altro
garantito. Ma la libera concorrenza dove va a finire?

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here