Home Soluzioni Retail Consigli per non perdere clienti con i chatbot

Consigli per non perdere clienti con i chatbot

I chatbot offrono molti vantaggi alle imprese. Con lo sviluppo e l’uso corretti, un chatbot intelligente può aiutare le organizzazioni in ogni tipo di settore. Sono disponibili 24 ore su 24,  facili da usare e da accedere e possono dare rapida esecuzione ad azioni e risposte.

Alimentati con intelligenza artificiale, i chatbot hanno la capacità di adattarsi istantaneamente a un’ampia gamma di situazioni e contesti, mentre gli esseri umani dovrebbero prendere un po’ di tempo per capire e imparare.

Inoltre, con l’aumento dell’utilizzo della telefonia mobile (oltre otto utenti internet su dieci accedono al web attraverso uno smartphone secondo eMarketer), i chatbot sono strumenti utili per interagire istantaneamente. Tuttavia, affinché le aziende possano massimizzare l’efficienza e le prestazioni di un chatbot per non perdere clienti, ci sono alcune linee guida da seguire.

Come usare i chatbot

Definisci i tuoi obiettivi. Definire i propri obiettivi è una frase usata in ogni materiale di marketing o di business, che può apparire ovvia o ridondante. Ma è probabilmente la cosa più importante a cui pensare se un’azienda vuole utilizzare un chatbot correttamente per guadagnare clienti.

Ci sono diversi modi in cui le aziende e le organizzazioni possono agire in questo senso, ma tutto dipende dalla risposta alle seguenti domande: Perché avere un chatbot? Qual è l’uso principale? È raccogliere dati, interagire con i clienti, fornire informazioni o guidare gli utenti? Quali punti di contatto dovrebbe avere l’indirizzo chatbot? Quando dovrebbe intervenire un  umano? Dove sono i limiti? Prendere tempo per pensare a queste cose permette alle aziende di capire chiaramente che cosa è che vogliono che il loro chatbot faccia e come meglio possono aiutare i loro clienti.

Non rendere il tuo chatbot umano. Un errore comune che le aziende spesso fanno è di rendere il chatbot simile a un umano. Non informare i clienti e visitatori che stanno parlando con un bot porterà a frustrazioni e confusioni. Se i potenziali clienti si trovano di fronte a un chatbot che non è in grado di gestire la loro particolare richiesta o offrire soluzioni, è altamente probabile che se ne vadano e considerino il servizio come un gadget.

Proprio come il 40% delle persone avrebbe abbandonato un sito che richiede più di tre secondi per caricarsi, le persone non saranno indulgenti con un chatbot.

Per non perdere credibilità e professionalità è quindi importante che i clienti capiscano di essere guidati da un chatbot, perché può eseguire e fornire azioni immediate, ma anche che ci sarà un team di supporto umano dietro per affrontare situazioni complesse, se necessario.

Una squadra umana è essenziale per affrontare compiti che la soluzione chatbot non può ancora svolgere, ed è altrettanto importante che la squadra rimanga reattiva.

Ma questo non significa che il chatbot non debba avere personalità. Al contrario, la personalità può aiutare ad avere una migliore immagine di marca.

chatbot

Non fare esibizioni

È bello poter dare personalità a un chatbot. Per renderlo amichevole, cortese, educato e avere una buona interazione con gli utenti. Le chat con personalità possono avere un forte impatto sull’esperienza di un utente. Ma attenzione a non esibire il chatbot. I chatbot ci sono per portare valore al servizio o prodotto e per guidare gli utenti attraverso la loro esperienza il più rapidamente possibile. Non devono essere usati per puro intrattenimento.

Consentire agli utenti il margine di manovra

Un fattore chiave che fa perdere i clienti è un’interfaccia non facile da navigare. Con un’interfaccia chatbot, è importante per i clienti avere modi di navigare fuori dall’interfaccia o di tornare facilmente al menu, senza sentirsi bloccati.

I chatbot sono pensati per aiutare gli utenti attraverso un prodotto o servizio e per essere semplici da usare, ma l’intera interfaccia deve essere intuitiva.

Se un utente non capisce come utilizzare il chatbot, prodotto o servizio, molto probabilmente lascerà perdere. Quando si consente agli utenti di avere un certo margine di manovra e libertà intorno all’interfaccia chatbot, li si aiuta a ottenere ciò che stanno cercando e si consente loro di tornare al prodotto o servizio ogni volta che ne hanno bisogno.

Alla fine, per mantenere i clienti, è importante fare in modo che le persone amino il chatbot. Per farli trovare utili, utili e disponibili le chat dovrebbero essere personali, dovrebbero essere usate per saperne di più sugli utenti con cui interagiscono, per dare loro il massimo da ciò che si aspettano. Una volta che questo è stato stabilito, sarà molto più facile non perdere clienti con i chatbot.

2 COMMENTI

  1. E’ un articolo dal titolo accattivante,
    nella fase in cui sono mi piacerebbe capire quali sono i passi da valutare e le strutture dati che sarebbero da mettere in conto per poi partire con la valutazione di implementare o meno un chatbot… ci sono esempi?
    Quali sono le motivazioni che hanno portato alcuni a implementare un chat bot,
    e quali strutture dati hanno dovuto preparare?
    Ci sono storie o esempi che possano fare capire la dinamica?

    • Seguiremo la tematica con ulteriori articoli, anche con esempi che possano essere d’aiuto.
      La ringraziamo per il gradimento.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

Iscriviti alla newsletter

css.php