Home Prodotti Sicurezza Come proteggere la propria privacy online

Come proteggere la propria privacy online

Internet oggi ci permette di fare tutto, dalla spesa al lavoro in smart working, dallo shopping più disparato a tutta una serie di servizi accessibili attraverso il web. Per questo motivo, sui principali siti e-commerce abbiamo inserito carte di credito, prepagate e dati personali protetti da password poco sicure, senza curarci di aggiornare i sistemi di cui facciamo uso quotidianamente.

La privacy online è una preoccupazione di sempre più persone, insieme alla sicurezza dei dati personali presenti sui principali social network come Facebook, ma è sempre una cosa di cui ci si preoccupa troppo tardi. Magari a seguito di tentativi di accesso non riconosciuti, di phishing o spam eccessivo.

Per non contare che i nostri dati sono essenziali per le aziende stesse che monitorano ogni movimento compiuto sui siti internet per raccogliere informazioni e generare traffico.

Chi è l’autore

Angelo Sorbello, si è laureato in Economia e Management presso l’Università Bocconi di Milano. È il co-fondatore di DIGITALE.co insieme ad altre attività online. La sua prima azienda, che ha fondato a soli 13 anni, è stata acquisita nel 2013. È stato consulente per multinazionali e PMI in oltre 9 paesi.

I dati personali sono di quanto più prezioso abbiamo e se si tratta di dati sensibili che riguardano il posto di lavoro la cosa si fa seria.

Fornire indiscriminatamente i propri dati è un comportamento che va a nostro discapito e ci espone a rischi come il furto di identità. Per questo è fondamentale adottare delle strategie per migliorare il comportamento online e fornirsi dei migliori strumenti adatti a proteggere da attacchi indesiderati e truffe.

I consigli per proteggere la propria identità online

Per proteggersi dai tentativi di furto dell’identità è importante adottare dei comportamenti specifici e fare molta attenzione.

I tentativi di phishing servono proprio a questo: carpire quante più informazioni personali possibile, come indirizzi e-mail, nome, cognome, password, dati bancari e numeri di carte di credito in maniera illecita. Riconoscere un tentativo di phishing è molto semplice, basta risalire all’indirizzo e-mail e diffidare delle offerte allettanti con scritto in ogni dove “clicca qui”.

In ogni caso, è indispensabile sapere esattamente a chi si stanno fornendo i propri dati e perché. Limitare la condivisione dei dati personali è il primo passaggio per proteggere la propria identità online, e con essa mantenere un buon livello di sicurezza.

Per farlo è necessario conoscere quali app e servizi vendono dati a terze parti e non accettare proprio tutti i Termini e condizioni che ci si presentano senza consapevolezza. Ad esempio, è importante diffidare di siti che chiedono l’accesso da Facebook o da Google Account per iscriversi, perché così hanno accesso a tutta una serie di dati che non avremmo voluto concedere.

Se si vuole agire a ritroso è possibile controllare la sicurezza e la privacy dei social, ad esempio è bene dare uno sguardo alle impostazioni di Facebook, piattaforma di Mark Zuckerberg che ogni giorno raccoglie i dati di miliardi di persone nel mondo. Sotto la voce “Privacy” è possibile impostare le proprie preferenze.

Per quanto riguarda le App di terze parti che possono accedere alle nostre informazioni, basta andare alla voce “App” e decidere per ogni app quali sono i dati che vogliamo condividere e quali meno. Se invece si è infastiditi dalle troppe inserzioni pubblicitarie che corrispondono a ricerche recenti, si può cliccare sulla voce “Inserzioni” della schermata di impostazioni e annullarle completamente.

Per scoprire se i propri dati sono già stati rubati e inseriti all’interno di database aziendali indesiderati, Troy Hunt ha creato Have I been pwned, sito in cui controllare dove sono finiti i nostri dati e monitorare chi li possiede. Inoltre, è importante non rispondere alle mail di spam perché confermerebbe a chi le invia che quell’indirizzo è attivo e fornirlo ad altri spammer.

Come navigare in sicurezza

Ci sono degli accorgimenti tecnici che si possono attuare per limitare i danni e garantire la privacy online.

Utilizzare una VPN

Una Virtual Private Network è uno strumento utilissimo per proteggere la privacy online. Questo servizio permette di camuffare la propria navigazione filtrando i dati attraverso l’uso di un server esterno.

È un consiglio proveniente da quasi tutti gli esperti, quello di utilizzare una rete privata per tutti i dispositivi wireless connessi alla stessa rete Wi-Fi.

In questo modo, i dati resteranno nascosti da crittografia e chiunque avesse accesso a quella rete non potrebbe vederli. Esistono VPN gratuite che forniscono un servizio di protezione basilare, ma è possibile scrivere un protocollo crittografico per ottenere una protezione avanzata.

Tenere tutto aggiornato

A prescindere dal browser utilizzato o i dispositivi, è indispensabile tenere sempre presenti gli ultimi aggiornamenti disponibili.

Anche gli antivirus vanno aggiornati costantemente e controllati, per verificare che non abbiano rilevato quale intrusione sospetta.

Il browser è il punto di accesso nel web, una porta verso internet che va tenuta senza falle per far sì che nulla abbia modo di attraversare e rubare dati sensibili.

Solitamente, se non si vuole essere perseguitati da spam e pubblicità, si consiglia di lavorare in modalità in incognito. Non protegge del tutto ma almeno non registra la cronologia di navigazione ed evita il tracciamento.

Se non si è online, è importante disconnettersi dai principali servizi, soprattutto se si tratta di servizi come cloud aziendali che contengono dati sensibili.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php