Colt: per le Unified Communications è il momento giusto

Unified Communications

Dopo quasi un anno dall’introduzione sul mercato, Colt rilancia ai clienti la sua soluzione di Unified Communications basata su cloud rivolta ai mobile worker aziendali ponendo l’accento sulle sue peculiarità.

Ora che il legislatore ha definito anche in Italia le norme per il lavoro agile – afferma Alberto Monterosso, marketing manager per le managed communications in Colt Technology Services – i responsabili delle risorse umane hanno tutti gli strumenti per definire regole e procedure, per questo ci sembra il momento giusto per dotarsi di uno strumento come Colt Cloud UC”.

In verità molte delle aziende clienti di Colt in Italia hanno adottato con piacere la soluzione che ha caratteristiche distintive di estrema semplicità e chiarezza dell’offerta economica.

E molto c’è ancora da fare visto che i dati Ovum prevedono un +18% del mercato UCaaS (Unified Communications as a Service) in Europa in due anni con 5 miliardi di dollari di valore e 28 milioni di utenti potenziali.

Colt Cloud UC, come detto, è un servizio di Unified Communications che poggia sulla cloud di Colt e che si avvale di una console di amministrazione e un client disponibile sottoforma di web service e di Cloudphone, app indipendente dal device utilizzato.

All’interno dei moduli classici del client (telefonia, messaggistica, presenza, conferenza) si evidenziano alcune funzioni non proprio comuni come la possibilità di impostare un’azione specifica di risposta a una chiamata a seconda dello stato definito dall’utente (Telelavoro, Vacanza, Occupato, Fuori dall’Ufficio, Ufficio).

Interessante, inoltre, la possibilità di indirizzare la chiamata su diversi dispositivi, telefono fisso, mobile, tablet e anche citofono, e di inoltrarla in tempo reale. Se, poi, la telefonata via Ip cade per una interruzione del servizio dati, è possibile riprenderla dinamicamente sulla rete mobile.

Unified Communications soft e con terminali

Colt Cloud UC viene proposto in versione flat per l’uso del servizio in diverse modalità. L’azienda inglese, infatti, grazie alla partnership con Polycom è in grado anche di fornire i terminali fissi. L’eventuale tariffazione del traffico telefonico è a parte ma va detto che le conversazioni che passeranno, per cause di forza maggiore, fuori dalla rete Ip gestita da Colt saranno veramente rare.

In termini di sicurezza, Monterosso specifica che: “il traffico viaggia su Vpn secondo i protocolli IpSec e Mpls, nel caso di utilizzo del servizio web, invece, si utilizza Rtc. Lato cloud, invece, è importante specificare che Cloud “chiude” ogni cliente in una stanza riservata, una partizione dello spazio disponibile sui nostri data center”.

Cold Cloud UC è una soluzione pensata per meeting limitati, nel caso l’azienda abbia bisogno di caratteristiche più avanzate, per esempio per attività di training o di collaboration attiva, Colt propone un modulo aggiuntivo basato su WebEx di Cisco.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here