Home Cloud Cloud Italia, il nuovo modello per il cloud della PA italiana

Cloud Italia, il nuovo modello per il cloud della PA italiana

Il Ministero per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, ha annunciato che è online Cloud Italia, con un sito rinnovato per essere più accessibile e innovativo.

Durante l’audizione parlamentare sul PNRR:,  Vittorio Colao, Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, ha detto che il “Il cloud, oggi ancora poco adottato dalla PA italiana, ha un enorme potenziale: migliora la qualità dei servizi erogati, riduce in maniera significativa i costi, contribuisce ad aumentare l’efficienza energetica, e incrementa significativamente la sicurezza rispetto alle insidie digitali”.

Pertanto l’obiettivo del sito è di accompagnare le amministrazioni verso l’adozione del modello cloud della PA e l’erogazione di servizi pubblici più sicuri ed efficienti.

Nella pratica, lo scopo di Cloud Italia è di essere un punto di riferimento per l’adozione del cloud in Italia nel settore pubblico.

Il sito è stato rinnovato nella forma, nei contenuti e nel design.

Cloud Italia

Il nuovo sito, ha spiegato il team del Ministro per l’innovazione tecnologica e la transizione digitale, intende accompagnare la Pubblica Amministrazione (PA) nel percorso di profondo rinnovamento culturale e tecnologico volto a migliorare i propri servizi digitali, attraverso la condivisione di metodologie e strumenti utili all’adozione del modello cloud della PA.

Ma il sito Cloud Italia non è indirizzato solo alle amministrazioni pubbliche stesse. Esso ha anche l’obiettivo di informare con chiarezza i cittadini e le piccole e medie imprese (PMI) sull’evoluzione delle infrastrutture digitali nel nostro Paese.

Cloud Italia è stato sviluppato – dal Dipartimento per la trasformazione digitale e grazie all’apporto del team Cloud e di Designers Italia – con l’intento di avvicinare i cittadini all’attuazione della strategia nazionale del cloud per la PA, di cui racconterà i benefici con articoli dedicati: dalla possibilità di usufruire di servizi digitali di qualità e sempre disponibili a una maggiore tutela delle informazioni sensibili e rispetto della privacy.

Sulle pagine del sito le amministrazioni potranno poi consultare risorse utili per realizzare il percorso di trasformazione e abilitazione al cloud e verificare le modalità d’uso del catalogo dei servizi qualificati offerti dal mercato in base alle proprie esigenze.

Le PMI del settore tecnologico potranno approfondire le modalità di qualificazione per le soluzioni in cloud destinate alla PA, cogliendo le nuove opportunità di sviluppo offerte dalla possibilità di migliorare l’efficacia dei servizi pubblici a vantaggio dei cittadini.

Attraverso il sito Cloud Italia sarà possibile accedere al Catalogo dei servizi Cloud per la PA qualificati dell’Agenzia per l’Italia Digitale (AgID). Questa piattaforma consente ai fornitori di esporre le proprie soluzioni qualificate in una vetrina consultabile da tutte le amministrazioni.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php