Home Cloud Cloud, Acantho introduce la Hybrid DDoS Attack Protection di Radware

Cloud, Acantho introduce la Hybrid DDoS Attack Protection di Radware

Come ha detto Roberto Privitera, Head of Business Development di Acantho, “L’anno scorso abbiamo visto un numero significativo di nostri clienti migrare rapidamente al cloud ibrido, affrontare un incremento degli attacchi cloud e richiedere una maggiore sicurezza del cloud per proteggere il loro business. Noi abbiamo supportato questo processo di trasformazione, anche ampliando la nostra partnership con Radware, per fornire loro sicurezza applicativa in cloud e mantenendo nel contempo  la nostra infrastruttura sempre aggiornata”.

Acantho ha dunque aggiornato la propria infrastruttura con la protezione Hybrid DDoS  di Radware e offrirà ora al mercato enterprise italiano il Cloud WAF Service, che comprende funzioni di Bot Manager, per un servizio di qualità superiore e maggior sicurezza delle applicazioni.

Chi è Acantho

Acantho fa parte del gruppo multiutility Hera, è un cloud service provider e operatore nel settore Tlc. Con oltre 4.200 chilometri di fibra ottica di proprietà, Acantho è interconnessa con i principali operatori di telecomunicazioni. Serve le principali città dell’Emilia-Romagna e del Nord-Est e fornisce. Dispone di due data center, a Imola e Siziano (Pavia).

Con la disponibilità e resilienza applicativa, più che mai essenziali per la user experience, le applicazioni web stanno infatti diventando sempre più vulnerabili, esponendo le aziende al rischio di violazione dei dati  intrusioni, diffusioni di malware, furti di proprietà intellettuale e perdite finanziarie. Il servizio Cloud WAF affronta queste minacce in modo diretto, non invasivo ed efficace.

Acantho ha anche aggiornato la propria infrastruttura con la soluzione Hybrid DDoS Attack Protection di Radware, composta da una combinazione di soluzioni DefensePro e servizi Cloud DDoS Protection, per offrire il deployment on-demand del servizio DDoS su cloud.

Negli ultimi anni Acantho ha fatto affidamento sulle tecnologie di “Distributed Denial of Service Attack Mitigation” di DefensePro di Radware per fornire ai suoi due data center difesa e protezione automatizzate da minacce DDOS sia zero day, che applicative e volumetriche. Con lo scopo di  proteggere da attacchi su protocolli cifrati  in modalità “keyless” o da attacchi dinamici di tipo “burst”.

Sulla base della propria esperienza con DefensePro e di una maggiore richiesta di protezione per le applicazioni da parte dei clienti dovuta alla rapida migrazione in ambienti virtuali e in cloud, e all’incremento degli attacchi che vanno a colpire questi ambienti, Acantho si è rivolta nuovamente a Radware per offrire protezione applicativa mediante servizi erogati in modalità cloud ai propri  clienti e rafforzare la propria infrastruttura.

Il Cloud WAF Service di Radware fornisce alle applicazioni web protezione e sicurezza di grado elevato e conforme alle norme e certificazioni più stringenti e avanzate, richieste in ambito   sia Privato che di Pubblica Amministrazione, Sanità, Difesa, con livelli di servizio (SLA)  tra i più avanzati e contrattualmente garantiti e certificati, e in continua evoluzione per un veloce adattamento al mondo della Cybersecurity.

Basato sul tecnologie certificate dagli  ICSA Labs, Radware è leader di mercato nella tecnologia Web application Firewall e protezione delle interfacce applicative (API), fornisce la completa ed estesa copertura dalle  minacce secondo le linee guida  OWASP ( Top 10 e top 150)  e adatta automaticamente e dinamicamente le protezioni alle evoluzioni di minacce grazie alle tecnologie di machine learning e intelligenza artificiale .

Il servizio Bot Manager di Radware offre ed estende la  protezione completa alle applicazioni web, applicazioni mobili e API da minacce automatizzate, come i bot, aiutando le aziende a salvaguardare e incrementare le loro attività online.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php