Home Prodotti Sicurezza Zero Trust: guida a 23 soluzioni di cybersecurity

Zero Trust: guida a 23 soluzioni di cybersecurity

Ci sono definizioni che nascono quasi per caso e nel tempo assumono un significato sempre più forte. Zero Trust, nel campo della sicurezza informatica, è tra i più felici esempi di come due parole possano tratteggiare con estrema incisività un possibile approccio alla cybersecurity. Zero Trust, fiducia zero.

Non è un concetto nuovo: lo ha coniato una decina d’anni fa John Kindervag, quando era uno degli analisti principali di Forrester Research, che ha successivamente lasciato per diventare CTO di Palo Alto Networks. In questo video spiega lui stesso il concetto di Zero Trust. In buona sostanza, i tradizionali modelli di sicurezza mirano a racchiudere un’organizzazione all’interno di un perimetro concepito per bloccare le minacce che provengono dall’esterno.

Un concetto apparentemente ragionevole, se non per il fatto che prevede che tutte le minacce arrivino da fuori e che gli amministratori debbano per forza fidarsi di persone e dispositivi all’interno della rete. È quindi basato sull’assunto che nessun utente dell’organizzazione sia stato compromesso precedentemente e che agisca sempre in buona fede e in modo affidabile.

Sappiamo che non è così, tantomeno oggi che i perimetri di un’organizzazione si sono “polverizzati” per il ricorso sempre più ampio, e molto spesso disordinato e improvvisato dal punto di vista dell’information technology, al lavoro a distanza. E per il sempre maggior numero di dispositivi personali, dagli smartphone ai notebook (e quindi non direttamente gestiti dall’IT aziendale), che vengono usati anche e soprattutto per lavoro.

La fiducia in questo nuovo contesto è quindi una vulnerabilità, perché da device compromessi o usati da persone malintenzionate presenti all’interno di una rete è più facile “muoversi lateralmente” per colpire il bersaglio primario di un attacco informatico.

Ed ecco quindi l’approccio Zero Trust, basato sul fatto che in cybersecurity non bisogna accordare fiducia a nessuno, che i dati aziendali debbano essere protetti ovunque si trovino utenti e dispositivi e che, nello stesso tempo, non ci siano ostacoli eccessivi alla produttività dei singoli. Zero Trust non è quindi quasi mai una singola applicazione, ma un modo di pensare assecondato dal supporto di varie soluzioni, spesso di fornitori differenti e “orchestrate” da  un buon system integrator.

Il parere degli esperti

Per sapere di più su come è declinato concretamente oggi l’approccio Zero Trust, abbiamo raccolto il parere di alcuni esperti che lavorano per software house di soluzioni di sicurezza, rivenditori e system integrator. Tutti sono ovviamente concordi nel ritenere che l’approccio Zero Trust sia fondamentale oggi più che mai (sarebbe d’altra parte sorprendente il contrario, avendo intervistato attori operanti in questo campo), ma gli aspetti più interessanti riguardano le modalità di attuazione delle strategie della fiducia zero, estremamente differenziate.

È emerso anche in maniera forte l’assenza del termine Zero Trust nel vocabolario delle aziende che operano in Italia, se non in quelle più strutturate e fortemente tecnologiche. Molte delle persone intervistate ritengono che per mettere in pratica una strategia Zero Trust le aziende debbano stabilire condizioni chiare e applicarle in modo coerente in tutta l’azienda.

Non è facile, e questo è uno degli elementi che in questo momento sta ancora frenando le aziende italiane nell’adozione di questo approccio. Anche perché, come nota uno degli intervistati, il passaggio dalla tradizionale sicurezza perimetrale alla garanzia di una superficie protetta del modello Zero Trust può essere un progetto tutt’altro che semplice o veloce, sia in termini ingegneristici sia di cambiamento di mentalità dei dipendenti. Non tutte le persone che abbiamo interpellato hanno avuto il tempo e la volontà di rispondere alle nostre domande, ma questa pagina è in continuo aggiornamento e potremo inserire anche in seguito nuovi contributi. Abbiamo quindi elencato le principali soluzioni adatte per un approccio Zero Trust.

 

Passa subito alle schede delle soluzioni

I PLAYER E IL MERCATO ITALIANO

 

Nicola Ferioli, Akamai.

Akamai è un’azienda orientata al cloud sin dalla sua nascita, nel 1998. Tra le sue proposte in area Zero Trust annovera la soluzione Enterprise Application Access che fa da proxy tra l’interno e l’esterno di un’azienda e il secure internet gateway Enterprise Threat Protector. «La nostra azienda – afferma Nicola Ferioli, head of engineering di Akamai – si basa su tre pilastri principali che la differenziano dagli altri provider di soluzioni Zero Trust: una piattaforma, un brand e una grande competenza nel campo della sicurezza. Nel corso degli ultimi anni è stato ampiamente riscontrato che in azienda c’è molta varietà architetturale tra le applicazioni utilizzate e questo porta alla mancanza di una definizione chiara di quale sia il perimetro aziendale. Il modello classico prevedeva la presenza di un confine aziendale in cui all’interno tutto è al sicuro, ma questa mentalità non esiste più e quindi non ha più senso che per accedere alle risorse si debba passare nel tunnel di sicurezza della VPN. Se il lavoratore è in smart working e deve accedere alle risorse che sono in cloud, è ragionevole che vi si connetta direttamente, con un accesso Zero Trust più flessibile e leggero, con meno latenza e con maggiore sicurezza».

Per quanto riguarda lo stato attuale dell’approccio Zero Trust alla sicurezza in Italia, secondo Ferioli c’’è stato un completo rovesciamento del paradigma. «Se fino a inizio 2020 eravamo noi ad andare dalle aziende a spiegare e promuovere l’approccio Zero Trust – spiega il manager – con il primo lockdown sono state le aziende che hanno iniziato a contattarci per avere informazioni su possibili alternative d’accesso alla VPN. L’adozione delle soluzioni Zero Trust è quindi sicuramente cresciuta nell’ultimo periodo, anche se è stata inizialmente una soluzione scelta per risolvere la situazione d’emergenza che si era venuta a creare, il che non significa aver abbracciato la filosofia Zero Trust e averla compresa. Passare a una modalità Zero Trust vuol dire non solo acquisire un prodotto, ma cambiare proprio la filosofia di gestione dei device aziendali e della loro connettività. Il fenomeno di accelerazione visto nel 2020 è stato molto trasversale. Come prevedibile si sono mosse subito le aziende con una struttura più agile e innovativa, ma al tempo stesso abbiamo avuto casi di aziende di grandi dimensioni e relativamente burocratizzate che hanno spostato in smart working decine di migliaia di dipendenti nel giro di una settimana. Il budget è stato un fattore secondario, dovendo garantire la continuità operativa».

«Il nuovo approccio smart al lavoro – conclude Ferioli parlando delle possibili evoluzioni future dei rischi informatici e di quanto metterà in essere l’azienda per contrastarli – ha dimostrato alle aziende che il lavoro da remoto funziona e non compromette le performance, ma ha anche creato una nuova categoria di vittime di attacchi hacker, gli smart worker, e nel 2021 vedremo gli hacker e le organizzazioni criminali prendere più intensamente di mira i singoli dipendenti. Se le aziende passeranno ad una modalità di lavoro a distanza nel lungo periodo, i modelli di lavoro cosiddetti “ibridi” e l’home working diventeranno presto noti semplicemente come “lavoro”. La differenza tra i termini diventerà sottilissima poiché tali abitudini si integreranno pienamente nel modo di lavorare delle aziende. Eppure, le debolezze nella sicurezza rimarranno e saranno sfruttate dagli attori delle minacce e aziende e lavoratori saranno ancora esposti. Considerando questi elementi, lato nostro c’è un ampliamento dell’offerta e un continuo rilascio degli aggiornamenti sia come nuovi prodotti sia come singole feature. Essendo Zero Trust una filosofia, un approccio architetturale, richiede tempo per essere compreso e accettato, un po’ come successe anche con il cloud 10 o 15 anni fa. Prima c’erano gli early adopter, poi piano piano gran parte del mondo si è spostato sul modello cloud. Potremmo vedere la stessa cosa con Zero Trust e nei prossimi anni c’è un potenziale di sviluppo sicuramente interessante per un grande numero di aziende».

 

Gianluca Marianecci, Bludis.

Bludis è un distributore a valore aggiunto che propone varie soluzioni adatte per l’implementazione di un framework basato su Zero Trust: access, management, threat inside management, network access controlling, e penetration testing automatizzati. «Tutte queste soluzioni, che proponiamo in ambito nazionale, sono perfette per l’implementazione di un framework basato su Zero Trust» spiega Gianluca Marianecci, sales engineer di Bludis.

«Dal punto di vista del mercato dell’information Technologies e in particolare della cybersecurity, nel nostro Paese, l’approccio usato per difesa da attacchi esterni, nasceva e finiva con la necessità di dotarsi di un valido sistema di difesa perimetrale. Firewall, DMZ, gestione delle minacce dall’esterno, erano ritenuti tutti rimedi validi ed esaustivi. L’avvento dei servizi Saas in primis, l’evoluzione del rapporto lavoratore/datore di lavoro in un’ottica di lavoro flessibile e l’emergenza sanitaria poi, hanno costretto le aziende italiane a stravolgere l’ottica di approccio. La strada da coprire è ancora lunga ma si inizia, anche da noi, a percepire quanto il vero perimetro da proteggere non sia più il datacenter, dove risiedono i servizi, quanto piuttosto l’utente che accede a tali servizi. L’account con le sue credenziali, il dispositivo con cui viene tentato l’accesso e la rete che lo veicola, sono tutti elementi che mai come ora devono essere utilizzati con criteri di sicurezza massimi».

Per quanto riguarda la strategia di Bludis per assecondare le evoluzioni di questo mercato, così conclude Marianecci: «Come distributore dobbiamo seguire l’evoluzione del mercato e mettere a disposizione del canale tutti gli strumenti per gestire i loro clienti sia in termini di fornitura soluzioni a valore sia di formazione. I nostri reseller sono consapevoli dell’importanza che sta assumendo la necessità di certificare che un dato accesso a una data risorsa sia autentico e non figlio di un tentativo di furto delle credenziali. Il nostro è un osservatorio privilegiato per intercettare le migliori tecnologie offerte dal mercato e le ultime partnership siglate, con aziende molto innovative, lo confermano».

 

Fabio Panada, Cisco.

Cisco è una multinazionale con soluzioni che spaziano dal networking al cloud, dalla sicurezza all’unified computing systems. «Fino a qualche anno fa il perimetro aziendale era piuttosto ridotto – afferma Fabio Panada, technical security architect di Cisco Italia oggi però è diventato molto più complesso tenerlo sotto controllo: le aziende si sono trovate a dover affrontare il tema della visibilità. L’approccio Zero Trust permette di fornire una maggiore consapevolezza sui servizi e sulle piattaforme che vengono utilizzate in azienda ed è in grado di gestire con semplicità le identità e i dispositivi connessi alla rete. A ciò si aggiungono altri strumenti come l’utilizzo di più fattori di autenticazione, la crittografia e la classificazione dei dispositivi: un insieme di soluzioni che garantiscono una maggiore sicurezza e sono in grado di ridurre la superficie di attacco. Zero Trust è un modello e coinvolge nella sua adozione persone, processi e tecnologia. L’adozione di questo modello non è uguale per tutti: un approccio graduale e per step può essere il migliore per la sua implementazione al fine di riuscire a dar vita a una infrastruttura di sicurezza che sia realmente efficiente ed automatizzata. Le tempistiche, le modalità, le soluzioni da adottare vanno generalmente di pari passo con le regole di cambiamento che le aziende si trovano ad adottare. Pur seguendo lo stesso obiettivo, il percorso può essere diverso. Le aziende più pronte nel cambiamento del mondo IT sono quelle che, quasi senza accorgersene, hanno cominciato ad adottare un modello Zero Trust. La strada è tracciata, le soluzioni tecnologiche sono pronte e la consapevolezza digitale è alle porte. Negli ultimi mesi abbiamo assistito ad un importante cambiamento culturale: i professionisti della sicurezza collaborano sempre di più con gli altri dipartimenti aziendali e, con l’adozione dello smart working, i CISO devono poter mettere in atto una strategia di cybersecurity che sia semplice da usare e facile da comprendere. La collaborazione, piuttosto che il controllo, può avere un impatto significativo e positivo sull’azienda e i suoi dipendenti».

 

Fabrizio Bressani, DotForce.

DotForce è una società nata con l’obiettivo di rendere disponibili le tecnologie e le competenze necessarie per tutelare la sicurezza e la privacy di persone, dati ed applicazioni, facendo leva su di un portafoglio di cyber technology integrato. «Sebbene il modello Zero Trust non sia un concetto nuovo – sostiene Fabrizio Bressani, CEO di DotForce – di solito viene applicato con azioni tiepide o insufficienti. Un modello Zero Trust efficace è quello applicato a livello globale nei sistemi, applicazioni e processi, concentrandosi sia sugli utenti che sui dispositivi, senza dimenticare di proteggere i dati. Nonostante le tecnologie Zero Trust siano disponibili da tempo e non siano né particolarmente costose né complesse da implementare, non trovano ancora largo riscontro e adozione, perché non vengono ancora percepite come asset, vale a dire qualcosa in grado di migliorare la produttività e la reputazione aziendale».

Ma quali sono le resistenze da parte delle aziende italiane e quali sono le più mature e le più restie ad adottare questo approccio? “Un progetto Zero Trust – prosegue Bressani – deve prevedere un inventario delle risorse IT aziendali e un’analisi dei processi. Alla luce di un modello Zero Trust, questi ultimi vanno spesso rivisti, e questo può essere considerato un ostacolo, perché la revisione dei processi aziendali non si limita al mondo IT, ma coinvolge anche il team preposto alla gestione delle risorse umane. Sicuramente le aziende che operano nei segmenti sottoposti a regolamentazioni stringenti hanno sviluppato, o dovuto sviluppare, un set di competenze cybersecurity maggiore rispetto ad altre. In generale, purtroppo la maturità verso questi temi da parte delle aziende cresce in modo strettamente correlato alle violazioni subite, e gli investimenti in competenze e di risorse restano per una buona parte di tipo reattivo».

Sul versante delle possibili evoluzioni future, Bressani nota una sempre maggiore, e giustificata, attenzione per gli utenti. «Un’attenzione di tipo bidirezionale: da una parte, lavorando al di fuori delle mura aziendali, gli utenti sono meno protetti e più esposti ad attacchi che possono utilizzare i loro dispositivi come porta di ingresso nella rete aziendale. Dall’altra, per il motivo appena esposto, diventa più difficile verificare la legittimità delle credenziali quando vengono effettuati accessi agli ambienti sia on-premise sia cloud di pertinenza dell’azienda. Un esempio: l’autenticazione dinamica prevista da alcune soluzioni Zero Trust permette di identificare e controllare l’accesso degli utenti e dei clienti alle informazioni sensibili in base al livello di rischio che rappresentano, determinato dalle applicazioni a cui hanno accesso, dai dispositivi utilizzati e dalla loro localizzazione, tra gli altri aspetti. Sempre in questo ambito, robuste tecnologie passwordless vengono in aiuto del modello Zero Trust, permettendo agli utenti un’autenticazione forte verso i sistemi aziendali, ma rimuovendo uno degli anelli deboli della catena (le password) dall’equazione, evitando così di imbandire la tavola dei cybercriminali con questi bocconi prelibati».

Per quanto riguarda l’offerta, DotForce ha sviluppato una mappa per comprendere come applicare il modello Zero Trust in ognuna di queste aree: utenti, amministratori, sistemi e dati. «Nonostante il fatto che l’utente sia il principale punto di accesso per la stragrande maggioranza degli attacchi – conclude il manager – sono le organizzazioni che devono implementare soluzioni che impediscano che ciò accada. Innanzitutto, il metodo Zero Trust deve essere applicato agli accessi. Se un utente non dispone di più fattori di autenticazione resistenti agli attacchi di phishing, man-in-the-middle e social engineering per tutti i suoi account, è altamente esposto agli attacchi informatici. Inoltre, per la produttività, l’autenticazione passwordless combina la migliore protezione con la massima facilità e velocità di accesso. Esistono soluzioni avanzate di cyber intelligence che avvisano l’organizzazione in caso di furto di credenziali. Sfortunatamente, le password vengono spesso riutilizzate dagli utenti, quindi anche le perdite di credenziali degli account personali sono pericolose per l’organizzazione. Queste soluzioni utilizzano il controspionaggio per allertare la vittima subito dopo che le sue credenziali sono state compromesse. Inoltre, impediscono anche l’uso di password compromesse in Active Directory o in qualsiasi altra applicazione. Per quanto riguarda gli amministratori, Zero Trust implica la concessione dei privilegi minimi necessari. Ogni utente dovrebbe disporre solo delle autorizzazioni realmente necessarie per il suo lavoro, e questo diventa ancora più importante per gli amministratori di sistema. Le soluzioni che gestiscono i privilegi amministrativi prevengono molti attacchi informatici, soprattutto quelli più pericolosi. Note all’origine come Privileged Account Management (PAM), ne hanno mantenuto l’acronimo evolvendosi in Privileged Activity Management. Il metodo è di concedere solo privilegi per eseguire attività amministrative senza mantenere account amministrativi permanenti, per ridurre la superficie di attacco. Per quanto riguarda i sistemi, proteggiamo reti ed endpoint da decenni, ma dobbiamo gettare le basi per un nuovo modo di lavorare che diventerà permanente. L’antivirus ha lasciato il posto all’EDR (Endpoint Detection and Response) e già esistono firewall di nuova generazione e Cloud Access Security Broker (CASB). Il problema è che gli attacchi non solo sono stati modernizzati, ma utilizzano nuovi metodi che richiedono nuove strategie di difesa. Ultimo ma non meno importante, la sicurezza dei dati. L’incapacità di prendersi cura adeguatamente di questa risorsa fondamentale può portare, per esempio, ad essere vittime di spionaggio oppure a ricevere multe salate. In primo luogo, ogni organizzazione deve avere un inventario di tutti i dati che contiene, poiché non può proteggersi se non sa cosa ha. Fortunatamente, esistono soluzioni di governance degli accessi che elencano tutti i dati esistenti, li classificano, eliminano gli accessi non necessari (poiché nessun utente dovrebbe avere accesso ai dati di cui non ha bisogno per il proprio lavoro) e creano report che forniscono informazioni sulla situazione attuale».

 

Samuele Zaniboni, Eset.

Eset si occupa da oltre trent’anni dello sviluppo di software e servizi di cybersecurity ed ha una posizione forte anche nel campo della sicurezza Zero Trust. «Possiamo applicare l’approccio Zero Trust formulato ormai anni fa da Forrester – sostiene Samuele Zaniboni, senior presales engineer di Eset Italia – grazie al connubio delle nostre tecnologie, coinvolgendo tutto l’ecosistema dell’offerta. Dall’endpoint protection alla doppia autenticazione passando per la cifratura e la soluzione EDR, mantenendo un approccio dinamico e a basso impatto sull’infrastruttura del cliente. Seguire una filosofia Zero Trust è sicuramente importante in questo momento dove il lavoro ha cambiato paradigma e lo smart working la fa da padrone. La delocalizzazione apre il perimetro aziendale e non ci si deve fidare più di nessuno».

Anche secondo Zaniboni, l’adozione del concetto di Zero Trust non ha preso piede nel nostro paese. «L’approccio Zero Trust – dice infatti – non è ancora entrato nel vocabolario delle aziende che operano in Italia, se non in quelle più strutturate o fortemente tecnologiche. Le aziende si trovano spesso ad avere ancora infrastrutture non sempre aggiornate e quindi potrebbero non essere pronte per il cambio di strategia. Non sempre però si rendono conto che non è necessario fare tabula rasa per implementare un approccio di questo tipo. Ora molte realtà avendo dovuto seguire il modello dello smart working si sono trovate a dover implementare alcune tecnologie che le stanno portando verso la cybersecurity Zero Trust. Circa le evoluzioni future, Il nostro team internazionale di ricerca e sviluppo è costantemente impegnato nello studio di nuove soluzioni. Ci spingeremo sempre di più verso il cloud andando a rendere ancora più semplici da utilizzare le nostre soluzioni di protezione che sposano l’approccio Zero Trust. La nostra tecnologia LiveGrid insieme ai nostri 13 centri di ricerca sparsi per il globo permettono di avere una visione sempre aggiornata delle nuove minacce che portano allo sviluppo e al perfezionare le nostre tecnologie di difesa».

 

Marco Misitano, Exclusive Networks.

Exclusive Networks, società francese presente in cinque continenti e in oltre 100 paesi, si occupa di accelerare l’ingresso sul mercato e la crescita di tecnologie innovative di cybersecurity, networking e infrastruttura. «L’approccio Zero Trust – afferma Marco Misitano, CTO di Exclusive Networks – è fondamentale per quelle entità che oggi vogliono avere le migliori garanzie della protezione dei propri sistemi informativi e della proprietà intellettuale. Se negli anni 90 l’approccio perimetrale alla sicurezza la faceva da padrone, già nei primi anni 2000 si iniziava a parlare della scomparsa del perimetro e della conseguente impossibilità di stabilire che tutto ciò che si trova all’interno di un determinato perimetro è buono e ciò che è fuori va invece verificato. Oggi, fra cloud, dispositivi mobili e forza lavoro dispersa, il perimetro è letteralmente polverizzato. L’approccio Zero Trust non dà nulla per scontato e, in maniera trasparente, identifica, autentica e di conseguenza autorizza o meno gli accessi alle risorse, volta per volta. In Exclusive Networks siamo molto attenti allo stato dell’arte della cybersecurity e selezioniamo, anche in base alle tendenze di mercato, le soluzioni che riteniamo più efficaci. Per questo rendiamo disponibili ai nostri rivenditori diversi brand che offrono la loro interpretazione dell’approccio Zero Trust. Parlando dei nostri vendor, per l’area Zero Trust non penso ce ne sia uno superiore agli altri in assoluto, piuttosto vedo diverse filosofie, caso per caso più o meno calzanti; per questo nel nostro PowerLab è possibile vedere e toccare con mano queste soluzioni e, in funzione delle proprie esigenze, decidere quale sia quella più pertinente, grazie anche al supporto dei nostri esperti».

Misitano, riferendosi alla risposta italiana alla filosofia Zero Trust, nota come le aziende cerchino efficienza e vantaggio competitivo e per ottenerli guardino alla digitalizzazione, adottandola. «In Italia la cultura della cybersecurity non è così pervasiva come in altre parti del mondo e questo rappresenta un problema: si adottano soluzioni per la digitalizzazione troppo spesso trascurando la componente sicurezza. Se guardiamo nello specifico all’approccio Zero Trust, la situazione non migliora perché è richiesta non solo l’adozione di tecnologie ma anche di un approccio strutturato nella definizione dei ruoli, delle risorse e degli accessi. Per questo soluzioni di questo tipo restano un appannaggio degli enti più strutturati: difficilmente una azienda medio/piccola è in grado di predisporre bene l’esercizio e finisce per adottare soluzioni più semplici e non per forza altrettanto efficaci. Con i nostri partner facciamo il possibile per dare a tutte le aziende, anche di dimensioni modeste, la possibilità di utilizzare soluzioni come lo Zero Trust senza arenarsi di fronte ad una complessità percepita».

E per quanto riguarda le vostre azioni per il futuro prossimo? «Se un anno fa – conclude il manager di Exclusive Networks – il perimetro era nel migliore dei casi fluido, la pandemia ha imposto il fenomeno del remote working, che non scomparirà certo con l’auspicata fine dell’emergenza sanitaria e che ha disperso la forza lavoro fino a comprendere le abitazioni dei dipendenti. Per questo motivo oggi la superficie di attacco è aumentata esponenzialmente. Poi c’è la proliferazione dei dispositivi, intelligenti o meno, collegati alla rete e che sono un autentico incubo per chi gestisce la cybersecurity in una azienda. La disponibilità del 5G sarà un ulteriore catalizzatore di questo fenomeno e vedremo sempre più oggetti collegati, alla rete e fra di loro. Per fortuna un approccio come lo Zero Trust ben si presta a gestire questi fenomeni, a patto di una implementazione ragionata. Exclusive Networks come sempre è al fianco dei propri partner per individuare, caso per caso, le tecnologie più efficaci, per farle toccare con mano nel Power Lab a disposizione di partner e utilizzatori, ma anche per offrire formazione, consulenza e la propria esperienza di polo di eccellenza della distribuzione specialistica a valore aggiunto. Per concludere, siamo sempre alla ricerca di nuovi tasselli da aggiungere al nostro già variegato e completo insieme di vendor distribuiti e non escludo che nel corso di quest’anno si vedano delle novità interessanti anche in ambito Zero Trust».

 

Luca Nilo Livrieri, Forcepoint.

L’americana Forcepoint lavora in ambito Zero Trust con un concetto di anomaly detection e verifica delle azioni effettuate dall’utente in modalità inconsapevole, accidentale e dolosa. «Per noi – spiega Luca Nilo Livrieri, sales Engineer manager Italy & Iberia di Forcepoint – la strategia Zero Trust ha sempre rappresentato la continua verifica che l’utente sia effettivamente chi dice di essere in base al suo comportamento. Ora Forcepoint inserisce nel suo portafoglio una nuova soluzione ZTNA, Private Access, che, oltre ad integrare l’approccio comportamentale, permette la fruizione di applicazioni corporate in maniera sicura, mantenendo il client fuori del perimetro di sicurezza regolando flussi ed accessi».

E per quanto riguarda la situazione di questo approccio in Italia? «ZTNA è un paradigma di cybersecurity ormai abbastanza conosciuto – afferma Livrieri – ma che poche soluzioni di mercato riescono a sviluppare nella sua totalità. Per realizzarlo è necessario un approccio Cloud-centrico alla security che, fino a poco tempo fa, non era nelle corde di diverse aziende italiane che mantenevano approcci più tradizionali. La pandemia ha, però, cambiato la situazione: con la maggior parte delle utenze fuori dal perimetro aziendale, infatti, non si è potuto far altro che accettare la situazione e sfruttarla per anticipare l’innovazione cloud che può garantire enormi vantaggi sotto diversi aspetti (produttività, costi, riduzione dell’inquinamento), senza sacrificare la sicurezza. In Italia molte aziende stanno, quindi, guardando con interesse allo Zero Trust e le aziende più mature hanno già all’attivo progetti che vedranno la luce quest’anno».

Per il futuro, il manager di Forcepoint ritiene che sarà probabile l’avvento di un utente evoluto, che non si limiterà a sfruttare le tecnologie aziendali scelte dall’IT per portare a termine i task, ma che svolgerà il suo ruolo di smart worker, definendo un nuovo perimetro formato da lui e dalla sua macchina. «Soluzioni come ZTNA, Web Security e così via, evolute, poco invasive e che massimizzeranno la user experience senza dover barcamenarsi fra client da installare, procedure da seguire, reti da aprire, applicazioni da attivare, saranno fortemente apprezzate da questo nuovo utente evoluto anche in termini di sicurezza nativa garantita dai servizi acceduti. Alla sicurezza tradizionale verranno aggiunte componenti comportamentali, che analizzeranno i pattern operativi per prevenire, isolare, controllare comportamenti a rischio, senza sacrificare la privacy degli utenti. Forcepoint è all’avanguardia in tale campo, condividendo fra tutte le diverse linee di prodotto uno strato behavioral comune».

 

Antonio Madoglio, Fortinet.

Fortinet, fondata in California nel 2000 dai fratelli Ken e Michael Xie, si occupa di sicurezza informatica e con la sua piattaforma Fortinet Security Fabric protegge ogni segmento di rete, dispositivo e appliance, virtuali, nel cloud o on-premise. «Zero Trust – spiega Antonio Madoglio, director systems engineering per l’Italia e Malta di Fortinet – è una filosofia di sicurezza, un approccio che presuppone che nessuno – dentro o fuori dalla rete – sia attendibile, a meno che la sua identificazione non sia stata accuratamente controllata. Le minacce, dunque, sono un fattore onnipresente all’interno e all’esterno della rete. Questi presupposti costringono degli amministratori di rete a progettare misure di sicurezza rigorose e affidabili. L’approccio si contrappone al modello tradizionale di security (che si basava sul diffidare da fattori esterni, castello e fossato). Zero Trust tiene in considerazione il fatto che la rete sia senza confini definiti (accesso al cloud, incremento del teleworking sono fattori che incidono). Un modello di sicurezza di rete Zero Trust elimina le minacce indipendentemente dalla loro posizione rispetto alla rete. Quella di Zero Trust è una filosofia molto attuale ma non recente: il termine, infatti, è stato coniato anni fa già da un ricercatore di Forrester, John Kindervag. In un documento pubblicato nel 2010, Kindervag ha spiegato come i modelli di sicurezza di rete tradizionali non riescano a fornire una protezione adeguata perché richiedono tutti un elemento di fiducia. Gli amministratori devono fidarsi di persone e dispositivi in vari punti della rete e, se questa fiducia viene violata, l’intera rete potrebbe essere messa a rischio. Per risolvere il problema, ha raccomandato l’uso di gateway di segmentazione (SG), che potrebbero essere installati nel cuore di una rete. Il modello SG prevede l’incorporazione di diverse misure di protezione e l’utilizzo di un motore di inoltro dei pacchetti per inviare le protezioni dove sono necessarie nella rete. L’implementazione di strategie Zero trust implica una progettazione del sistema di sicurezza molto particolare, che può portare gli utenti a rispondere a diversi step di verifica identità, o dei propri device: questo può generare qualche resistenza inizialmente, ma i vantaggi sono indubbi in termini di security posture».

Per Madoglio moltissime realtà in svariati settori si stanno affacciando a questo nuovo approccio alla sicurezza e stanno implementando soluzioni che hanno a che fare con strategie Zero Trust. «Ad esempio – sostiene – un ospedale che deve proteggere le apparecchiature medicali, ha la necessità di confinare i dispositivi IoT per proteggerli, dal momento che non dispongono di un livello di security embedded. Sono diversi gli ambiti di sviluppo. Ad esempio, pensiamo all’importanza di poter isolare tutti quei dispositivi che non sono infrastrutture di rete ma che devono essere adeguatamente protetti: i sensori di temperatura, gli impianti di videosorveglianza, i sistemi di accesso fisico agli stabili e così via. Al di là dell’investimento, questo approccio dovrebbe ottimizzare l’operatività e semplificare molto la gestione e la manutenzione. Il principale beneficio di Zero Trust deriva dal fatto che si possa avere una maggiore capacità di individuare rapidamente una minaccia, confinarla ed eliminarla in maniera efficace. Dal nostro punto di vista, osservando il mercato, probabilmente le realtà più restie sono quelle in ambito finanziario, quando si tratta di stravolgere l’impostazione di progettazione della rete (ad esempio la micro-segmentazione ha un impatto economico, di progettazione e di gestione). Fortinet propone alcune soluzioni ad hoc in grado di segmentare la rete e rendere più sicuri gli accessi: parliamo di FortiNAC, FortiEDR, FortiAuthenticator. Innanzitutto, si parte con un assessment, verificando quali siano i dati da salvaguardare, quali siano quelli più sensibili, le risorse e i servizi più importanti. Si dovrebbe in prima analisi avere un quadro completo che risponda a chi, cosa, come, in che modo e così via. Vengono implementati poi sistemi come la multifactor authentication, la verifica endpoint, l’endpoint protection, detection/response, l’EDR, la micro-segmentazione. Per far sì che il controllo avvenga a livello di policy, è importante segmentare la rete. Se anche un malintenzionato riuscisse ad accedere al sistema e installasse un malware, questo rimarrebbe confinato al micro-segmento. Un altro aspetto contemplato nella Zero Trust è l’accesso con privilegi minimi: se un utente deve accedere a un database, lo fa con i privilegi minimi per esaudire il suo compito e nulla più. In questo modo è garantito un livello maggiore di sicurezza».

Il manager di Fortinet conclude parlando delle possibili evoluzioni di questo comparto e di come l’azienda è pronta a soddisfarle: «Uno step ulteriore può essere quello di adottare anche tecniche nuove quali la deception, per attuare una sorta di micro-segmentazione dinamica; la tecnologia deception dovrebbe essere inclusa in qualsiasi stack di sicurezza: Infatti questo approccio permette il rilevamento precoce post-violazione, spesso prima che qualsiasi grave danno possa essere causato dal malware scaricato. Riduce il tempo di permanenza di una violazione della rete – ora più di sei mesi – rilevando malware progettato per sondare silenziosamente la rete alla ricerca di vulnerabilità eludendo il rilevamento. Poiché è un sistema fail-safe, il che significa che funziona solo quando qualcosa si comporta male, riduce efficacemente i falsi positivi. Può essere implementato nella maggior parte degli ambienti OT per ottenere visibilità e controllo su IoT e altri dispositivi OT che non possono essere protetti utilizzando soluzioni più tradizionali. È una tecnologia di rilevamento altamente scalabile e ha un impatto minimo o nullo sulle normali prestazioni di rete. Impostare e gestire una soluzione di deception è semplice e il rilevamento delle minacce è completamente automatizzato. Implementandola come parte dello stack di sicurezza, può fungere da “fonte di avviso ad alta fedeltà” per automatizzare il rilevamento, la risposta e il rimedio delle minacce. L’ultima frontiera è l’evoluzione verso il mondo SASE (ovvero il servizio che consente di sfruttare la flessibilità del cloud per accedere direttamente a risorse o applicazioni aziendali o su Internet). Anche in condizioni di lavoro da remoto, ad esempio, grazie a SASE è possibile connettersi al cloud in sicurezza, con policy personalizzate. Il livello di protezione della navigazione è lo stesso di quello che si avrebbe in sede in azienda».

 

Cristiano Tito, IBM.

Nell’ambito della sicurezza Zero Trust si muove anche il colosso IBM. «La trasformazione digitale e il passaggio al multicloud ibrido – afferma Cristiano Tito, security consulting e delivery leader di IBM Italia – stanno cambiando il modo in cui operiamo. Utenti, dati e risorse sono ora sparsi in tutto il mondo, rendendo difficile collegarli in modo rapido e sicuro. La sicurezza tradizionale offre un perimetro per valutare e rafforzare l’affidabilità di queste connessioni, ma questo ecosistema attuale richiede un approccio diverso. Supponiamo che un dispositivo stia tentando di accedere ai dati finanziari su una rete aziendale. È necessario il contesto per sapere se si tratta di un dipendente o di una minaccia. Le diverse discipline di sicurezza, che gestiscono le identità e gli accessi, i dispositivi e che proteggono i dati e la rete,  forniscono preziose informazioni su ciò che sta accadendo rispetto a dispositivo, utente e dati acceduti. Tuttavia, ciò che manca è se quel dipendente debba avere accesso a quei dati specifici, da quel particolare dispositivo o posizione. Le informazioni provenienti dalle singole aree di sicurezza devono essere condivise al fine di generare il giusto contesto per prendere le giuste decisioni su quali utenti, dati e risorse dovrebbero essere collegati. L’approccio che IBM Security propone rispetto al tema Cybersecurity Zero Trust si basa proprio sul “contesto”. Per stabilire un modello di governance per la condivisione del contesto tra gli strumenti di sicurezza che proteggono le connessioni tra utenti, dati e risorse, occorre: definire il contesto, ovvero comprendere utenti, dati e risorse per creare policy di sicurezza coordinate e allineate con il business; garantire l’accesso condizionato, convalidare gli accessi in modo rapido e coerente con il contesto, nonché applicare le politiche di sicurezza; risolvere gli incidenti di sicurezza con un impatto minimo sul business intraprendendo azioni mirate; analizzare e migliorare continuamente lo stato della sicurezza, modificando le politiche e le pratiche per prendere decisioni più rapide e basate su informazioni “certe”. Alla cybersecurity Zero Trust si arriva attraverso un percorso che, nel nostro approccio prevede diversi passi: uno Zero Trust Maturity Assessment, per valutare la propria esperienza e preparazione; una valutazione per comprendere i propri rischi e dare la priorità agli investimenti; una pianificazione per semplificare e far progredire le fasi secondo una roadmap attuabile e adattamenti rispetto alle singole esigenze aziendali. Pertanto, l’avvio e l’esecuzione di una strategia di cybersecurity Zero Trust richiede un approccio moderno e prescrittivo alla sicurezza e un ampio portafoglio di funzionalità, inclusi servizi e soluzioni. IBM Security propone strumenti, competenze ed esperienze per aiutare le aziende e guidarle in ogni fase del loro percorso verso una cybersecurity Zero Trust».

Anche a Cristiano Tito abbiamo chiesto un parere rispetto all’accoglienza della sicurezza Zero Trust in Italia. «Le organizzazioni che vogliono rivolgersi a soluzioni cybersecurity Zero Trust – afferma il manager di IBM – hanno l’obiettivo di proteggere i propri dati e risorse rendendoli accessibili solo su base limitata e nelle giuste circostanze. In tale ottica, le informazioni provenienti dalle singole aree di sicurezza devono essere condivise al fine di generare il giusto contesto per prendere decisioni importanti su quali utenti, dati e risorse dovrebbero essere collegati. Nell’attuale ambiente aziendale, ci sono più tipi di utenti con diversi obiettivi e necessità di accedere alle risorse. Ci sono molte risorse da gestire e molte connessioni da verificare. Inoltre, il passaggio a un’infrastruttura ibrida e multicloud comporta che tali risorse possano essere distribuite in più ambienti IT con diversi livelli di visibilità e controllo. Cercare di destreggiarsi tra le informazioni necessarie per connettere in modo sicuro tutti questi utenti, dati e risorse è difficile ed è per questo che molte organizzazioni stanno prendendo in considerazione l’adozione di una strategia cybersecurity Zero Trust. La strategia Zero Trust può aiutare le organizzazioni a gestire i rischi in ambienti complessi consentendo agli utenti un accesso sufficiente alle risorse appropriate. Sebbene questa sia un’ottima strategia, metterla in pratica significa che le organizzazioni devono essere chiare su quali sono le condizioni e applicarle in modo coerente in tutta l’azienda. Questo è uno degli elementi che in questo momento sta ancora frenando le aziende italiane nell’adozione di questa strategia. La condivisione del contesto tra i silos di sicurezza è la base di un’implementazione di una strategia di cybersecurity Zero Trust di successo. La definizione del contesto, o in altre parole l’impostazione di policy basate sul contesto che raggiungano tutte le discipline di sicurezza, è un primo passo fondamentale per una strategia Zero Trust. Senza stabilire questa linea di base per prendere decisioni, le stesse regole potrebbero essere interpretate in modo diverso da ciascun dipartimento di sicurezza all’interno dell’azienda. Questo disallineamento potrebbe introdurre attriti e aprire la porta a rischi nell’attività. Per non parlare del fatto che la mancanza di regole e contesto chiari può rendere ancora più difficile l’adozione di automazione e intelligenza artificiale (AI) per migliorare il programma di sicurezza di un’azienda».

Per quanto riguarda il futuro, Tito fa notare che Le agenzie nazionali europee di sicurezza informatica stanno iniziando ad abbracciare il modello Zero Trust. «L’US National Institute of Standards and Technology – conclude il manager – ha già sviluppato una bozza di documento sui principi dell’architettura Zero Trust. A questo hanno fatto seguito gli sforzi di alcuni governi in Europa, come ad esempio il Regno Unito con il National Cybersecurity Centre che ha pubblicato formalmente i principi dell’architettura Zero Trust come progetto GitHub. Non è difficile quindi prevedere che vi saranno sempre più esempi di framework per la Cybersecurity Zero Trust sviluppati nel 2021 poiché le esperienze della pandemia nel 2020 inducono le aziende europee ad accelerare il loro passaggio al cloud. In Italia la normativa sul Perimetro di Sicurezza Cibernetica Nazionale, specie nella sua versione declinata all’interno del DPCM del 05/11/2020, che ha introdotto dei vincoli sulla sicurezza molto più stringenti rispetto alla Direttiva NIS e al GDPR, potrà rappresentare sicuramente nel prossimo futuro un acceleratore nell’adozione di strategie di cybersecurity Zero Trust, in quanto imporrà alle aziende e agli enti pubblici (almeno quelli ritenuti strategici per la Sicurezza Nazionale) l’adozione di tutte quelle misure (asset inventory, misure di sicurezza risk-based, notifiche incidenti, procurement sicuro) prodromiche all’adozione di un cybersecurity Zero Trust framework, che offrirà un modello e un piano per connettere in modo sicuro gli utenti giusti ai dati giusti al momento giusto nelle condizioni giuste. Ricordandoci però che il contesto è e sarà sempre la chiave».

 

Marco Cellamare, Ivanti.

Ivanti, azienda con sede nello Utah specializzata in soluzioni software per “unificare l’IT”, è il frutto dell’unione nel 2017 di Landesk e Heat e nel 2020 ha acquisito tra l’altro MobileIron. «Per aiutare le imprese a scegliere e implementare le soluzioni che meglio rispondono alle esigenze di ‘azienda senza confini – afferma Marco Cellamare, regional sales director Mediterranean di Ivanti – stiamo ridefinendo la sicurezza aziendale con la prima piattaforma di sicurezza mobile-centric del settore per il modello Everywhere Enterprise, dove i dati aziendali fluiscono liberamente attraverso i dispositivi e i server in cloud consentono ai lavoratori di essere produttivi ovunque debbano lavorare. In particolare, la piattaforma di sicurezza Zero Sign On per il controllo degli accessi basato sullo Zero Trust Mobile-Centric di Ivanti offre alle imprese la possibilità di proteggere i propri dati su dispositivi, reti, applicazioni e servizi cloud e ai dipendenti assicura l’opportunità di accedere in maniera sicura e semplice ai dati aziendali, ovunque decidano di lavorare. Inoltre, il forte aumento degli attacchi di phishing ha accelerato la necessità di trovare soluzioni in grado di fornire una protezione multilivello, come Mobile Threat Defense di Ivanti, che individua e corregge le minacce dirette ai dispositivi mobili, come gli attacchi di phishing, senza richiedere alcuna azione da parte dell’utente. Ciò assicura la totale adozione da parte degli utenti e offre all’IT la certezza di sapere che la forza lavoro remota della loro azienda è protetta, indipendentemente da dove lavorino i dipendenti».

Cellamare si sofferma sulla riorganizzazione delle aziende italiane in fatto di sicurezza a seguito della maggiore incidenza del lavoro da remoto degli ultimi mesi: «Dal nostro punto di osservazione possiamo rilevare che negli ultimi mesi le imprese di medio-grandi dimensioni sono state rapidissime nel riuscire a riorganizzarsi per fornire gli strumenti necessari a far lavorare le persone da remoto, tipicamente da casa. Purtroppo, non è stata fatta una vera e propria pianificazione e la nuova priorità potrebbe essere proprio quella di rivedere i sistemi utilizzati per adottare una sicurezza mobile più efficace. I meccanismi di accesso remoto di vecchio stampo sono destinati a scomparire e il nuovo perimetro sarà costituto dalle persone. La loro identità definirà ciò a cui possono accedere, sia all’interno che all’esterno della rete aziendale. Il nuovo approccio Zero Trust networking sarà usato per tutto e interesserà quindi non solo i dipendenti, ma anche i clienti, i consulenti e gli altri partner commerciali».

La visione del futuro di Ivanti è chiara, nelle note conclusive di Cellamare: «Riteniamo che ogni CISO dovrebbe adottare con urgenza una strategia di sicurezza Zero Trust garantendo solo agli utenti autorizzati di poter accedere ai dati aziendali, investendo in tecnologie di automazione in grado di rilevare, gestire, proteggere e supportare tutti gli endpoint, i dispositivi e i dati dell’azienda, ovunque. Devono partire dal presupposto che le reti aziendali siano già state compromesse e sfruttare tecnologie innovative in grado di rilevare in modo proattivo le minacce, adottando anche processi di auto-riparazione e auto-protezione. Per ridurre ulteriormente la superficie di attacco, i CISO dovrebbero poi implementare anche l’autenticazione senza password, garantendo anche ai lavoratori a distanza di beneficiare di una User Experience sicura e senza soluzione di continuità, e noi di Ivanti, grazie alla nostra piattaforma di automazione che aiuta a rendere ogni connessione IT più intelligente e sicura, siamo qui per rispondere a tutti i problemi di sicurezza delle imprese».

 

Fabio Sammartino, Kaspersky Lab.

Fondata nel 1997, Kaspersky è un’azienda specializzata in cyber sicurezza con soluzioni per proteggere aziende, infrastrutture critiche e utenti finali. «L’approccio Zero Trust – sostiene Fabio Sammartino, head of pre-sales di Kaspersky – rappresenta una possibilità interessante e innovativa tra le strategie di cybersecurity perché consente un approccio adattivo focalizzato sugli asset e i processi vulnerabili anziché sull’intera superficie di attacco. In questa ottica le nostre soluzioni possono ben adattarsi ad una logica di protezione di questo tipo perché consentono l’integrazione della console di management tramite API con strumenti di orchestrazione, permettendo di applicare agli asset e agli utenti protetti delle policy di protezione profilate specificamente. Inoltre, alcuni componenti del nostro Kaspersky Endpoint Protection possono contribuire sensibilmente ad un approccio di protezione Zero Trust, come ad esempio l’Application Control, che permette l’adozione di una logica di autorizzazione granulare, così come la soluzione Kaspersky Hybrid Cloud permette di proteggere le infrastrutture on premise e quelle nei cloud pubblici andando oltre il concetto di perimetro di difesa. In generale una Cybersecurity basata su Zero Trust implica un processo di monitoraggio continuato e adattivo che tenga conto del panorama delle minacce in continua evoluzione e delle specificità degli asset; un processo, questo, molto vicino all’approccio di Threat Hunting utilizzato nel nostro servizio di Managed Detection e Response per garantire l’identificazione continuata e iterativa degli schemi di attacco dei cybercriminali per identificare un attacco nei suoi primissimi stadi».

Abbiamo chiesto anche a Sammartino qual è, secondo la sua visione, lo stato attuale dell’adozione di questo approccio alla sicurezza e delle relative soluzioni. «Il concetto di perimetro – spiega – è diventato sempre meno netto con l’aumento del numero di dispositivi e servizi su cloud utilizzati dai dipendenti. Lo era già prima della pandemia, infatti negli ultimi 4-5 anni c’è stata una crescita esponenziale dell’uso di infrastrutture IaaS e dei software SaaS e non è stato il COVID-19 a portarli in auge. Al giorno d’oggi, almeno una parte delle risorse aziendali si trova al di fuori dell’ufficio o addirittura all’estero. Penetrare nella zona di fiducia e muoversi senza ostacoli è diventato molto più facile. Negli ultimi anni il modello Zero Trust ha guadagnato quindi popolarità tra le aziende. Secondo i dati del 2019, il 78% dei team di sicurezza informatica ha implementato questo modello o ha pensato di fare questo passo».

Secondo il manager di Kaspersky, la sicurezza Zero Trust è sicuramente il modello del futuro. «È anche vero aggiunge – che il passaggio dalla tradizionale sicurezza perimetrale alla garanzia di una superficie protetta del modello Zero Trust, nonostante l’uso della tecnologia disponibile, può essere un progetto tutt’altro che semplice o veloce, sia in termini ingegneristici che di cambiamento di mentalità dei dipendenti. Tuttavia, le aziende privilegeranno sempre più questo approccio. Per accedere a un livello sempre maggiore di tecnologia, l’unica risposta possibile sono i servizi esterni in cloud. Il costo della manutenzione e della gestione di un datacenter interno è talmente alto da rendere inevitabile il ricorso al cloud. Soprattutto i piccoli dovranno adottare questo approccio, non vedo altre strade possibili».

 

Mario Ognissanti, Maticmind.

Maticmind è un system integrator con competenze specialistiche (700 professionisti in 11 sedi in Italia) che vanno dal networking alla sicurezza, dal cloud ai datacenter. «Per noi – afferma Mario Ognissanti, responsabile prevendita area Nord Security di Maticmind – che operiamo nel campo della cybersecurity e della sicurezza delle infrastrutture IT attraverso un Competence Center dedicato, l’approccio Zero Trust rappresenta una delle tematiche più calde in questo momento. In particolare, si cerca di sensibilizzare le organizzazioni a valutare l’approccio Zero Trust per quello che riguarda l’accesso alla rete e quindi ai dati delle aziende. L’importanza dell’adozione di sistemi ed architetture che consentano di implementare logiche Zero Trust è data da un fattore fondamentale: le persone, siano essi dipendenti, fornitori consulenti ospiti o utilizzatori di un servizio, sono diventati il vero perimetro di un’azienda e su di loro deve essere costruito l’adeguato livello di sicurezza».

Per il manager di Maticmind, la pandemia ha dato un importante contributo all’avvio della sensibilizzazione delle aziende per l’adozione di sistemi basati sull’approccio Zero Trust, soprattutto in merito al fatto che gli attacchi informatici hanno avuto una forte impennata durante questo periodo. «Purtroppo – aggiunge Ognissanti – c’è ancora molto da fare e non tutte le organizzazioni sono ancora sensibilizzate in tal senso, tantomeno hanno adottato, o pensano di adottare, strategie di verifica e controllo degli accessi. Le aziende puntano ancora molto sullo stack di sicurezza perimetrale, investendo poco sul controllo degli accessi, pur avendo la maggior parte del personale off-premise, che utilizza dispositivi mobili e servizi cloud. Questo accade perché vi è ancora la convinzione che i modelli di sicurezza tradizionali funzionano partendo dal presupposto che tutto all’interno della rete dell’organizzazione debba essere considerato attendibile. Probabilmente le organizzazioni più lungimiranti verso un approccio Zero Trust sono state quelle del mondo finance ma che hanno anche necessità legate a normative che richiedono una maggiore sicurezza dei dati e controlli degli accessi. Forse un timido accenno delle aziende italiane verso il modello Zero Trust si sta consolidando con l’utilizzo di sistemi MFA. Tuttavia, siamo ancora molto lontani da una adozione più estesa e nella vera logica Zero Trust, mancando ancora una coscienza (e conoscenza) di fondo della tematica e delle minacce che essa indirizza».

Secondo Ognissanti la filosofia Zero Trust è la strada opportuna da percorrere anche in futuro: «Sicuramente la direzione proposta dall’approccio Zero Trust è quella giusta, ma è necessario continuare con la campagna di sensibilizzazione. Con un approccio di accesso Zero Trust, le organizzazioni possono non solo migliorare la visibilità di tutti i dispositivi dentro e fuori dalla propria rete, ma aumentare il livello di sicurezza riducendo la superficie di attacco, che è in continua espansione. La strada verso la sicurezza zero-trust può anche iniziare con le soluzioni di sicurezza esistenti, allineando le policy ai principi del modello di accesso. Questo aiuterebbe l’IT delle aziende a comprendere le lacune che devono essere colmate, aggiungendo successivamente le soluzioni Zero Trust per indirizzarle correttamente».

 

Carlo Mauceli, Microsoft.

La sicurezza è sempre stata in prima linea per Microsoft, che nel contesto di questo articolo la declina con 365 E5 che combina applicazioni di produttività con funzionalità avanzate di comunicazione, sicurezza, conformità e analisi dei dati. «Al giorno d’oggi – afferma Carlo Mauceli, national digital officer di Microsoft Italia – le organizzazioni necessitano di un nuovo approccio alla sicurezza, che sia in grado di adattarsi in modo più efficace alla complessità degli ambienti moderni e che protegga persone, dispositivi, app e dati ovunque si trovino, anche in mobilità. In Microsoft crediamo che la sicurezza Zero Trust si basi su tre principi fondamentali: verificare esplicitamente che ogni componente sia compliant rispetto alle policy, analizzando diversi fattori come identità, posizione, sicurezza del dispositivo, servizio e workload; utilizzare il livello minimo possibile come privilegio di accesso; supporre di essere sempre sotto attacco e ridurre il raggio d’azione degli attaccanti proteggendo gli accessi, assicurandosi che tutte le sessioni siano protette da crittografia end-to-end e utilizzando soluzioni di threat intelligence per rilevare le minacce in tempo reale e migliorare le proprie difese. Per aiutare le imprese a proteggere i dipendenti e i propri asset aziendali anche in ambienti di lavoro ibridi, Microsoft offre una vasta gamma di soluzioni intelligenti in grado di garantire un accesso più sicuro alle risorse aziendali attraverso valutazioni continue e criteri intent-based. I servizi cloud offrono strumenti fondamentali per far fronte alle minacce. È, ad esempio, possibile difendere le identità tramite una protezione basata su fattori multipli e policy di rischio di accesso, verificare la conformità e lo stato dei dispositivi prima di concedere l’accesso alla rete, assicurarsi che si disponga delle autorizzazioni alle applicazioni appropriate, scoprire lo Shadow IT e monitorare le azioni degli utenti. Inoltre, le aziende possono fare leva sull’intelligence per classificare ed etichettare i dati, nonché crittografare e limitare l’accesso in base alle politiche organizzative. Infine, Microsoft aiuta le organizzazioni tramite l’utilizzo della telemetria per rilevare tempestivamente attacchi e anomalie, bloccare e segnalare automaticamente i comportamenti a rischio».

Se questa è la visione complessiva di Microsoft della sicurezza Zero Trust, la multinazionale sembra scontrarsi con una certa riluttanza delle aziende ad adottare questo modello. «In Italia l’approccio Zero Trust è purtroppo ancora poco esteso – sottolinea Mauceli – a causa di diversi fattori che contraddistinguono il nostro Paese, come una diffusa obsolescenza delle infrastrutture e delle applicazioni, la difficoltà nel delineare una chiara strategia di sicurezza e la scarsità di risorse a disposizione delle nostre aziende. Oltre a ciò, esiste un problema culturale che limita l’utilizzo delle nuove tecnologie. Secondo i dati del National Cyber Power Index 2020, l’Italia si trova, infatti, nelle ultime posizioni della graduatoria dei Paesi con la maggiore capacità cibernetica al mondo. Non mancano le imprese che hanno scelto di investire in sicurezza informatica ma è raro che scelgano di adottare un approccio Zero Trust, che contempli la possibilità di essere costantemente sotto attacco. Notiamo, inoltre, una notevole differenza nell’adozione tra le grandi organizzazioni che godono di maggiori risorse, sia in termini economici sia di personale, e le piccole e medie imprese, che rappresentano la maggior parte del tessuto economico italiano e che spesso hanno ancora un approccio culturale poco digitale. In questo senso, il coud computing gioca un ruolo cruciale nella digitalizzazione e nella protezione delle PMI, permettendo anche alle aziende più piccole di accedere alle tecnologie più avanzate beneficiando di massima sicurezza e scalabilità».

E le possibili evoluzioni future secondo Microsoft? «In un mondo connesso e profondamente cambiato dallo scoppio della pandemia – conclude Mauceli – è necessario dotarsi di un nuovo modello di sicurezza basato su iniziative di governance, di analisi e gestione dei rischi, di intelligence sharing e di incident management che possano contribuire ad alzare in modo significativo la cyber resilienza delle organizzazioni, ovvero la loro capacità di funzionare anche se continuamente sotto attacco, essendo spesso già compromesse ben prima che emergano sintomi evidenti di un attacco in corso. Per realizzare un simile modello di cybersecurity è necessario avere una visione a 360° delle proprie reti e dei propri sistemi e analizzare i comportamenti degli utenti all’interno e all’esterno del network implementando processi di threat intelligence e di monitoraggio approfondito. È inoltre importante implementare un processo di cyber risk management continuo, che valuti 24 ore su 24 tutte le variabili in gioco, incluse quelle fuori dal perimetro, come i social network, lo Shadow IT e l’IoT, e che dia indicazioni al management per definire strategie difensive che possano cambiare rapidamente, a fronte di minacce continuamente mutevoli. La cyber resilienza deve diventare non solo uno dei pilastri dell’attività di un’organizzazione ma quell’elemento che abilita tutti gli altri e li rende possibili, considerato da un lato la crescente pervasività dell’ICT nella società attuale e dall’altro la corrispondente evoluzione delle minacce».

 

Gianandrea Daverio, Npo Sistemi.

Raccogliamo ora il parere di Gianandrea Daverio, head of cybersecurity & compliance di Npo Sistemi, azienda che si occupa di soluzioni per la trasformazione digitale con un’apposita linea di business dedicata alla sicurezza. «Ci poniamo l’obiettivo di affiancare aziende provenienti da numerosi settori nella definizione delle strategie più adeguate a garantire la protezione dei loro asset digitali e nella valutazione e validazione delle misure di sicurezza in essere. In questo ruolo supportiamo quotidianamente le aziende nell’adozione delle best practices e dei framework più adeguati al loro modello organizzativo e di business. Si tratta dell’approccio Zero Trust che sempre più spesso promuoviamo come la risposta più adeguata ai nuovi paradigmi con cui le aziende si stanno confrontando nell’ambito del processo di trasformazione digitale e delle sue accelerazioni causate dall’emergenza Covid-19. In uno scenario in cui utenti sempre più operanti in regime di smart working accedono ad applicazioni e servizi che sempre più spesso sono basati su ambienti in Public Cloud o Software as a service, un approccio basato su zone trusted e untrusted, figlio dei paradigmi di rete tipici degli anni ’90 e a tutt’oggi utilizzato nell’ambito delle architetture VPN, non è infatti più in grado di rispondere alle sfide di sicurezza che le attuali architetture di Hybrid IT richiedono».

Daverio ritiene che l’adozione massiva di un approccio alla sicurezza di tipo Zero Trust possa essere considerato un obiettivo a medio termine. «Tuttavia – precisa il manager di Npo Sistemi – oggi la diffusione di questo approccio è ancora limitato quantitativamente (numero di aziende) e qualitativamente (applicazione in ambiti parziali). Le resistenze all’adozione di questo nuovo approccio sono da ricercarsi non solo in aspetti legati alla sensibilità e consapevolezza della necessità di evolvere il proprio livello di sicurezza all’evolversi dello scenario, ma anche ad aspetti tecnici ed organizzativi che ne assorbono l’adozione, a partire da una gestione dei privilegi autorizzativi degli utenti non sempre ben definita e strutturata. In questo senso, le aziende che per esigenze di business hanno già avuto modo in passato di confrontarsi con standard e normative di riferimento (ad esempio ISO27001, PCI…) e adeguare i propri processi, si trovano oggi ad avere un vantaggio competitivo nell’adozione di tale nuovo approccio di trust».

Sul versante delle possibili evoluzioni future, nell’ambito del modello Zero Trust e più in generale nell’attuazione di efficaci strategie per la cybersecurity, Daverio ritiene che le aziende avranno sempre più l’esigenza di essere affiancate da un partner in grado di mettere in campo la credibilità e le competenze necessarie ad affrontare un tema tanto strategico quanto complesso sia dal punto di vista organizzativo e di processo sia da un punto di vista tecnologico. «Per rispondere efficacemente a questa sfida e garantire ai nostri clienti l’approccio proattivo e propositivo che si attendono – conclude – abbiamo costituito una linea di business focalizzata su tematiche di cybersecurity & compliance che, grazie a un continuo lavoro di selezione delle più accreditate metodologie e best practices e a un ecosistema di tecnologie leader di riferimento nei propri ambiti di intervento, si propone di fornire risposte efficaci alle esigenze attuali così da anticiparne le esigenze future».

 

Fabrizio Zarri, Oracle.

Oracle propone soluzioni attraverso cui è possibile incrementare la postura di sicurezza e implementare modelli di cybersecurity Zero Trust in contesti ibridi (Oracle Cloud, On-Premise e Multi-Cloud). «Sempre più aziende, al fine di accelerare il proprio percorso di digital transformation – spiega Fabrizio Zarri, esperto di cloud security di Oracle Italia – stanno migrando progressivamente i loro servizi di business in cloud in un contesto ibrido, che include applicazioni e risorse in cloud, anche di provider diversi, così come applicazioni e risorse on-premise, spesso interconnessi tra loro. Nell’ultimo periodo pandemico vi è stata una forte accelerazione dell’adozione dei servizi cloud da parte di aziende che negli ultimi anni avevano già intrapreso questa tipo di percorso. Altre aziende hanno iniziato ad utilizzare ex-novo servizi cloud in modalità tattica, per riorganizzare processi e tecnologie al fine di garantire la continuità operativa anche a distanza, nel contesto di un esteso utilizzo del remote working. Fenomeni quali l’adozione del cloud, le nuove modalità di accesso ai servizi da parte degli utenti – da dispositivi sia mobili che fissi, da ovunque e in qualsiasi momento – l’estensione delle superfici di attacco e nuove tipologie di attacchi informatici, sempre più sofisticati e mirati, stanno comportando un ripensamento dell’approccio alla cybersecurity e una modifica del perimetro di sicurezza e della protezione dei dati. Le aziende rimangono spesso legate al tradizionale concetto di perimetro fisico della rete, limitandosi al classico controllo degli accessi, tipicamente tramite firewall. I nuovi modelli di sicurezza Zero Trust stanno spostando l’approccio e il perimetro della sicurezza dal “dove” risiedono i dati e le applicazioni a “chi” e al “contesto” da cui vi si accede. I servizi cloud offrono modalità di gestione, competenze e strumenti nuovi, per far fronte ai mutati processi derivanti dalla presenza di risorse IT sia dentro sia fuori il perimetro dell’azienda e implementare modelli di sicurezza Zero Trust, in modalità veloce, non invasivi per il business aziendale e a costi contenuti. I modelli cybersecurity Zero Trust oltre alla gestione moderna dell’identità digitale, includono anche la gestione della sicurezza del dato, in layer differenti di trust, e il continuo monitoraggio delle reti per assicurarsi che siano consentiti solo i flussi legittimi. Oracle propone un servizio cloud “di seconda generazione”, ovvero più avanzato perché tiene conto di esigenze di livello enterprise (che all’inizio, con l’avvento del cloud computing, erano meno sentite), con un approccio alla sicurezza “by-design”, fin dalla progettazione stessa,  in grado di offrire una gestione moderna delle identità digitali, una segregazione dei dati e una protezione automatizzata e sempre attiva, basata su strumenti di machine learning. La security di Oracle Cloud si fonda su un approccio Zero Trust e include una serie di servizi e caratteristiche peculiari, tra cui: infrastruttura cloud basata sulla sicurezza Security-First: riduzione dei rischi derivanti dalle costanti minacce informatiche mediante principi di progettazione standard incentrati sulla sicurezza, che prevedono l’elevato isolamento e cifratura dei dati e informazioni, la separazione delle reti e flussi mediante paradigmi Service Delivery Network (SDN), l’accesso ai servizi con privilegi minimi e adeguati in relazione al contesto di accesso; servizi moderni ed evoluti di gestione e controllo dell’identità digitale (Identity- as-a-Service), basati su standard aperti, al fine di permettere ai clienti di gestire, governare e monitorare l’accesso adattivo, in relazione al contesto, ai servizi in contesti ibridi (Oracle Cloud, on-premise e/o multi-cloud); controlli di sicurezza automatizzati e semplici da implementare, al fine di monitorare il corretto accesso ai servizi, evitare errori di configurazione e implementare controlli per indirizzare la conformità normativa. Oracle Cloud dispone di controlli sempre attivi 24 ore su 24, 7 giorni su 7, con difese a più livelli; automazione per la protezione del dato, come Oracle Autonomous Database, che ha la capacità di autoaggiornarsi e autoripararsi, andando a ridurre al minimo il rischio di errore umano».

Zarri cita interessanti dati provenienti dal recente Oracle and KPMG threat report 2020. «Lo studio – afferma – riporta che, sebbene il 75% dei professionisti IT consideri il cloud pubblico più sicuro dei propri datacenter, il 92% ammette un significativo divario tra la propria immaturità in merito ai programmi di sicurezza del cloud e l’utilizzo stesso del cloud corrente e pianificato. Un numero crescente di aziende identifica in particolare la propria mancanza di conoscenza del modello della responsabilità condivisa nella protezione del cloud (Cloud Security Shared Responsibility Model) come causa chiave dei frequenti errori di configurazione e delle lacune riscontrate. Tale mancanza di conoscenza non risparmia la dirigenza: solo l’8% dei CIO e leader informatici comprende appieno il ruolo del proprio team nel garantire la sicurezza del cloud rispetto al provider del servizio cloud stesso. Un altro importante aspetto che concorre a questo divario è sicuramente legato alla mancanza di una strategia di cybersecurity unificata e coesa all’interno dell’organizzazione. Accade sempre più spesso, anche nel mercato italiano, di vedere situazioni in cui servizi e applicazioni cloud sono utilizzati da funzioni di business senza che il team IT e/o cybersecurity lo sappiano. Le linee di business realizzano rapidamente un’efficienza nell’investimento, mentre la collaborazione con il team di cybersecurity è percepita come una minaccia alla velocità di raggiungimento degli obiettivi. Abbiamo quindi un problema di cambiamento culturale e di velocità nel modo in cui le organizzazioni si avvicinano alla sicurezza informatica e all’adozione di modelli di cybersecurity Zero Trust. Oggi nel mercato italiano, spinte anche dall’attuale contesto, le aziende più innovative stanno ripensando le loro strategie di cybersecurity verso un approccio Zero Trust».

Il manager di Oracle conclude il suo intervento parlando dell’evoluzione prossima ventura delle strategie di sicurezza informatica: «Il processo di trasformazione digitale in atto, le nuove modalità accesso ai servizi in remote-working e il nuovo panorama delle minacce, comporterà, da parte dei CISO, l’evoluzione delle strategie di cybersecurity, verso modelli Zero Trust, processi e tecnologie più agili e standardizzati che possano adattarsi alle mutevoli richieste del business della propria organizzazione, al fine di offrire un ambiente sicuro che stimoli l’innovazione e la crescita senza compromettere i livelli di sicurezza. La strategia di evoluzione dei servizi di sicurezza Oracle è definita per permettere ai nostri clienti una trasformazione digitale, abilitata dalle tecnologie più innovative, esattamente nel modo in cui ogni azienda la vuole realizzare mantenendo i più elevati standard di sicurezza e compliance. Oracle continua a far evolvere la propria offerta verso un modello integrato, con cui portare ai clienti la potenza, la flessibilità e la sicurezza del suo cloud e dei database, consolidati all’interno di infrastrutture e applicazioni aziendali, sistemi hardware e dati».

 

Davide Lorenzetti, Personal Data, Gruppo Project.

Abbiamo raccolto anche la testimonianza di Personal Data (Gruppo Project), system integrator bresciano specializzato nel percorso strategico di trasformazione dei processi aziendali e organizzativi, con una forte competenza anche nell’approccio Zero Trust. «Zero Trust – sottolinea  Davide Lorenzetti, head of network and security division presso Personal Data, Gruppo Project – è un approccio alla sicurezza che stiamo proponendo ai nostri clienti da alcuni anni. Riteniamo che attualmente sia l’unico modello che garantisce un alto livello di sicurezza IT. Per avvicinarsi a questo “approccio filosofico” ci vuole la volontà di capirlo e conseguentemente accettare un modello non convenzionale. Per implementare questa architettura, Personal Data ha scelto di adottare le soluzioni di Cisco per tutta la componente di infrastruttura, Cisco Duo ed RSA per la componente MFA e CyberArk per la gestione delle utenze amministrative e per la gestione dell’identità nelle applicazioni e nei container. Il presupposto è quello di considerare tutti insicuri e deve essere l’utente, il device, l’applicazione e così via a dimostrare l’identità per essere trattato in modo sicuro: la sfida è ottenere più sicurezza senza compromettere la user experience».

Lorenzetti, per quanto riguarda l’adozione dell’approccio Zero Trust nota che, pur essendoci soluzioni tecnologiche e architetture adeguate, le aziende del nostro paese sono in ritardo nell’affrontare le ultime evoluzioni. «Spesso è difficile far accettare un cambio password sistematico in ambito IT e OT, l’introduzione di Multi Factor Authentication è osteggiata e in particolare, in ambito produttivo le misure di sicurezza che modificano l’operatività vengono ostacolate. Proporre l’approccio Zero Trust dove non dai nulla per scontato come sicurezza è complicato. Zero Trust puoi applicarlo solo se hai una seria consapevolezza del rischio sia in ambito ICT classico, sia in ambito OT. Oggi sono ancora poche le aziende che fanno una valutazione seria del rischio legato al business a cui seguono le dovute contromisure. Il nostro approccio è di aiutare le aziende in questa analisi e definire e proporre loro le soluzioni organizzative, tecnologiche e di servizio per gestirlo. Le organizzazioni non partono da una valutazione del rischio informatico e tanto meno da tale condivisione in tutta l’azienda (proprietà, dirigenza, quadri e utenti). Questo avviene per quanto riguarda la sicurezza delle persone sul luogo di lavoro dove le imprese sono mature e attente a percepire i rischi legati a infortuni o malattie professionali. Purtroppo, non c’è la stessa attenzione alla cybersecurity. Quando si arriverà a trattare la sicurezza informatica come la safety, con corsi di formazione e procedure che analizzino i rischi e come ridurli, anche sull’utilizzo dei propri device, riusciremo a far accettare Zero Trust e altro. Da quella che è la nostra esperienza non c’è un comparto in cui le aziende sono particolarmente più avanti rispetto ad altre. Le più mature in Italia sono certamente quelle che hanno qualche obbligo normativo legato al loro settore merceologico specifico, come ad esempio le banche o le aziende quotate in borsa che hanno una valutazione del rischio finanziario legato al rischio cyber. Sono rare eccezioni le imprese che hanno un management “illuminato” che decide in autonomia di valutare il rischio e gestirlo».

Infine, sul versante degli sviluppi futuri, così conclude Lorenzetti: «L’approccio Zero Trust dovrà essere esteso al cloud. Non è più identificabile un perimetro perché il cloud è accessibile da qualsiasi parte e in qualsiasi momento e/o anche multicloud, quindi comporta tutta una serie di problematiche, una fra tutte quella di identificare qual è l’utente che si collega al cloud, identificarlo univocamente e che abbia i permessi corretti. Un altro aspetto critico è “chi mi garantisce che il mio cloud provider è sicuro”? Anche in questo caso bisogna definire come crittografare i dati all’interno del cloud o fare in modo che non possano essere utilizzati da qualcun altro. Dovrei cominciare a chiedermi se ritengo il cloud sicuro o non sicuro. Se ragiono in un’ottica Zero Trust, dovrei considerarlo insicuro, a prescindere. Quindi dovrei dotarmi di soluzioni tecnologiche che mettano un livello di sicurezza on top al mio cloud provider. Su come si evolverà, ci saranno sicuramente nuove tecnologie in grado di aiutarci. Stiamo assistendo all’evoluzione di alcune tecnologie che renderanno la sicurezza ancor più complessa come ad esempio la computazione quantistica. Oggi tutti i nostri algoritmi di sicurezza sono basati sul fatto che non si riesce a scardinarli computazionalmente, ma nel momento in cui i computer quantistici cominceranno a essere tutti operativi, vi sarà un grosso problema poiché renderanno insicuro l’approccio e i protocolli attuali. Assisteremo alla nascita di nuovi meccanismi di sicurezza».

 

Marco Rottigni, Qualys.

Qualys, fornitore di soluzioni IT di sicurezza e compliance, in ambito Zero Trust ha sviluppato tra l’altro EDR Multi-Vector per la sicurezza degli endpoint. «Il paradigma Zero Trust, applicato da tempo al networking e più di recente alla cybersecurity – afferma Marco Rottigni, chief technical security officer area EMEA di Qualys – si adatta perfettamente a una serie di sfide recenti con cui organizzazioni ed aziende di tutto il mondo si confrontano quotidianamente. Sfide che derivano dalla trasformazione digitale, che a fianco di vantaggi enormi quali velocità nel time-to-market grazie all’agilità di cloud, cicli CI/CD, containerizzazione di applicazioni e servizi comporta anche dissolvimento dei perimetri, diminuzione della visibilità e sicurezza troppo spesso pensata solo in produzione o in modo poco pervasivo. Queste sfide si affiancano a quelle esistenti e più tradizionali, derivanti dalla distribuzione geografica di un’organizzazione o dalla velocità con cui alcuni dati e utenze cambiano nel tempo. Zero Trust è un paradigma davvero attuale, perché prefigura una sicurezza cucita quasi in modo sartoriale sull’utente e intorno al dato, indipendentemente da dove queste due entità si trovino e da come interagiscano. Per valutare adeguatamente soluzione e tecnologie che risultino abilitanti ad una implementazione efficace di Zero Trust diventa importante capire quali sono le capacità di base da rinforzare e quali tecniche di misura della sicurezza adottare. La prima capacità da sviluppare è certamente la visibilità, che deve permettere la costruzione di un inventario digitale interrogabile e continuamente aggiornato: è infatti possibile segmentare e mettere in sicurezza solo ciò che conosciamo e sappiamo di avere. Su questo inventario costruiremo altri fondamentali, come ad esempio implementare controlli tecnici di conformità e sicurezza quanto prima possibile nel processo di definizione delle applicazioni e dei servizi – secondo la tecnica chiamata shift left security. Potenzieremo la visibilità di base con Osservabilità, cioè la capacità di aggregare e visualizzare i metadati collezionati nell’inventario per tracciare l’informazione che ci serve nel formato che desideriamo, al fine di aumentare l’efficacia nei processi di identificazione della superficie vulnerabile. Arricchiremo questi metadati con ulteriori informazioni, che faciliteranno la prioritizzazione nel processo di rimedio sulla base della reale percezione del rischio. Adegueremo le capacità di risposta perché siano in grado di implementare quella granularità di reazione che ben si innesta del paradigma Zero Trust. Ad esempio, quando ben congegnata una strategia Zero Trust permette ad un dipendente, abituato a lavorare nel proprio ufficio avendo accesso a tutto ciò di cui ha bisogno, di lavorare da casa, o in un bar di Milano, oppure quando condizioni dell’emergenza sanitaria lo permetteranno in una stazione sciistica delle Dolomiti per un mese. In questi contesti disparati, è necessario identificare un utente e confermare l’autorizzazione all’utilizzo di dati ed applicazioni in sicurezza e quanto più possibile in trasparenza prima che si verifichino eventuali problemi».

Per Rottigni è fondamentale abbracciare il paradigma Zero Trust applicato alla cybersecurity, ma le aziende italiane stanno crescendo in maturità con diverse velocità. «Affinché gli approcci di Zero Trust funzionino con successo – spiega il manager – al di là delle soluzioni i responsabili della sicurezza dovranno riporre fiducia nei loro metodi e in chi li supporta. Servirà adottare una piattaforma, basata su sensori che consentano di raccogliere dati telemetrici in modo continuo, non intrusivo e con un elevato gradi di accuratezza. Questi dati verranno arricchiti di contesto e correlati con altri vettori di informazione e con dati di threat intelligence, in modo da potenziare l’analisi e le risposte, ad esempio in tema di una strategia totalmente rivoluzionaria per la gestione all’EDR (Endpoint Detection and Response). Ciò permette non solo di bloccare attacchi sofisticati, ma anche di elaborare automaticamente la risposta appropriata da un’unica soluzione, riducendo così notevolmente i tempi di risposta e accelerando l’efficacia operativa. Servirà una piattaforma che consenta di effettuare velocemente la gestione delle vulnerabilità scalando a coprire l’intero panorama digitale, individuando ogni criticità in modo tempestivo ed efficace, rendendo più sicure le risorse esposte e consentendo di definire la priorità delle misure di risoluzione da adottare. In tal modo si potenzia la risposta – potenzialmente anticipando conseguenze dannose o attacchi. Le aziende italiane stanno crescendo in maturità con diverse velocità in base al settore di appartenenza ed alla percezione del rischio di compromissioni o impatti sulla continuità del business; si osservano ancora implementazioni di sicurezza tradizionali che iniziano a risentire di un’obsolescenza pericolosa. Qualys continua a raffinare la propria piattaforma cloud in modo da garantire anche a chi arriva dopo tempi di adozione e messa in opera rapidi, con un efficace supporto della struttura italiana».

Per quanto riguarda gli sviluppi futuri, Qualys evolve la propria visione per garantire una minimizzazione del tempo di rimedio sia della superficie vulnerabile che degli errori di configurazione e conformità a framework di compliance. «Nella nostra visione – conclude Rottigni – misurare questo parametro è importante per capire non solo la propria postura di sicurezza ma anche l’efficacia dell’intero programma di Cybersecurity. La crescita in prospettiva della nostra piattaforma e delle nostre soluzioni SaaS avviene secondo tre direttrici: potenziamento della visibilità grazie a un inventario della biodiversità digitale consistente e costantemente aggiornato; aumento delle capacità di prevenzione e rimedio, grazie a una verifica continua della superficie vulnerabile e ad una prioritizzazione costante definita in base alla percezione del rischio; rafforzamento delle capacità di rilevamento anomalie e di risposta attiva per mitigare le conseguenze. Il tutto abbracciando cinque dominii operativi: Asset Management, IT Security, Cloud & Container Security, Web Application Security e Compliance. Mantenendo una sensibilità all’evoluzione di paradigmi fondanti come Zero Trust, Shift Left Security ed altri tratti caratterizzanti di una trasformazione digitale sicura.

 

Stefano Zai, Ricoh.

Ricoh, oltre ai ben noti prodotti che offre, dalle stampanti ai sistemi per videoconferenze, supporta le aziende con attività consulenziali sulla cybersecurity, aiutandole a costruire un framework operativo in grado di aggiornare e adattare le difese in base all’evoluzione delle offese. «L’approccio Zero Trust non è una novità in ambito cybersecurity – ci dice Stefano Zai, solution architect di Ricoh Italia – ma è diventato di attualità negli ultimi anni, con le evoluzioni sia in tema di smart working sia di tecnologia (con le varie declinazioni cloud, ma soprattutto SaaS). È quindi chiaro come la protezione di un’azienda non si possa più limitare alla sola difesa perimetrale e all’applicazione di regole di autenticazione e autorizzazione degli utenti. L’attuazione dei principi della cybersecurity Zero Trust prevede tecniche di segmentazione e separazione dei dati e un livello di accesso minimo, quanto strettamente necessario, da parte dell’utenza. Ricoh supporta le aziende con attività consulenziali, affiancandole su una materia, la cybersecurity, specialistica e in rapida evoluzione. Il metodo che utilizziamo è orientato a costruire un framework operativo che consenta al cliente di aggiornare e adattare le proprie difese in base all’evoluzione delle offese. La prima fase di questo metodo prevede attività di assessment (domain threat intelligence, vulnerability scan, penetration test, tra le più comuni) per rilevare il livello di sicurezza in essere e stabilire quindi il gap verso un approccio che prevede l’utilizzo di un modello di difesa stratificato con sistemi di orchestrazione ed automazione di risposta alla minaccia (modello predittivo, preventivo e reattivo).

A proposito dell’adozione del paradigma Zero Trust, Stefano Zai è del parere che si sia in una fase di transizione in cui i clienti si affidano ancora a soluzioni e prodotti. «Questo approccio – spiega il manager – deriva da un modello organizzativo aziendale che da sempre ha visto nell’accesso a Internet il punto in cui difendersi con dispositivi perimetrali (firewall), aggiungendo poi software antivirus per i client per le minacce di tipo applicativo. Questo modello fallisce se l’aggressore riesce in qualche modo ad entrare nel network aziendale: non trova più difese e può quindi accedere a tutte le risorse. Invece, l’attuazione del modello Zero Trust necessita, prima ancora di investimenti, di un approccio trasversale in relazione al livello fisico, di connettività, di protocolli, a livello applicativo e organizzativo (identità, autenticazione e autorizzazione). Le resistenze alla sua adozione derivano proprio da un importante cambio di prospettiva che necessita di una revisione completa dei sistemi informativi, cosa peraltro già necessaria per gli adempimenti al GDPR. Indipendentemente dal settore merceologico, le aziende che hanno un atteggiamento innovativo ed hanno adottato da tempo forme di lavoro agile, creato o adottato sistemi IoT ed in generale si misurano con la digital transformation, sono già mature e anzi per loro l’approccio Zero Trust è un’esigenza quotidiana».

Sul versante delle strategie per l’immediato futuro, Ricoh consiglia l’adozione di principi di segmentazione e segregazione di dati. «Gli assessment condotti da Ricoh per i propri clienti (soprattutto con analisi di Threat Intelligence) – conclude Zai – hanno rilevato come aziende ritenute sicure secondo l’approccio Zero Trust abbiano poi invece rilevato un numero elevato di utenze violate con password in vendita sul darkweb. Questo, insieme allo sviluppo delle minacce (che in massima parte sono veicolate con e-mail, fishing e plug-in installati su browser), indica che oggi sono l’utente finale e il dispositivo che utilizza a essere gli obiettivi prioritari per furti d’identità e ransomware. Ricoh, nell’attività di consulenza e progettazione di sistemi informativi (onpremise, cloud o ibridi), consiglia l’adozione dei principi di segmentazione e segregazione di dati mediante l’adozione di misure e sistemi che consentano l’orchestrazione della risposta in modalità automatica per impedire l’exploit da parte di un malintenzionato che ha perpetrato un furto d’identità o di un agent installato su un End Point. L’adozione poi di sistemi Next Generation EDR (Endpoint Detection and Response) basati su intelligenza artificiale si dimostra di efficacia superiore sia nel caso di attacchi zero day sia nel contrasto di attività sospette, anche in abbinamento a soluzioni di EMM (Enterprise Mobility Management) che consentono di applicare le policy di sicurezza su dispositivi mobili, pc e notebook. Assessment periodici e attività di Threat Intelligence consentono di avere una visione predittiva dell’evoluzione delle minacce e di adeguare le proprie misure di sicurezza preventivamente».

 

Matteo Arrigoni, Trend Micro.

Trend Micro si occupa di soluzioni di sicurezza dei dati enterprise e di cybersecurity per aziende, datacenter, ambienti cloud, reti ed endpoint. “Il 2020 – afferma Matteo Arrigoni, principal sales engineer di Trend Micro Italia – ha mostrato come la sicurezza sia ormai legata ai comportamenti dei singoli individui, che si sono ritrovati all’esterno del perimetro aziendale e si sono scoperti più vulnerabili. Nessun elemento dell’infrastruttura aziendale è in grado di proteggere il lavoratore quando si trova a lavorare da casa. L’utilizzo di servizi SaaS e l’assenza di protezioni infrastrutturali hanno reso evidente a tutti gli operatori in ambito cybersecurity come l’approccio Zero Trust sia necessario per salvaguardare i dati e la produttività aziendale. Trend Micro è storicamente in una posizione privilegiata quando si parla di cybersecurity, dato che da oltre 30 anni sviluppa prodotti focalizzati alla messa in sicurezza dell’endpoint. La soluzione di protezione Apex One, grazie alla funzionalità nativa di controllo delle applicazioni utilizzate dal lavoratore consente di implementare un approccio Zero Trust organico e funzionale alle esigenze di business. Il 2020 è stato anche l’anno dell’esplosione dell’adozione dei Software as a Service, Trend Micro con la sua piattaforma Vision One va oltre il concetto di “identificazione e risposta” (XDR) consentendo ai propri clienti di riacquisire la visibilità sulle applicazioni che le aziende hanno perso a causa dell’adozione di soluzioni SaaS. Grazie al “luogo” privilegiato di osservazione garantito dalle soluzioni Trend Micro (endpoint, mail e workload) la piattaforma Vision One garantisce una visione completa sull’attività utente necessaria per implementare in modo razionale l’approccio Zero Trust».

Secondo Matteo Arrigoni, le aziende italiane nel corso del 2020 si sono trovate loro malgrado a dover modificare il paradigma su cui hanno sviluppato i loro progetti di cybersecurity negli ultimi decenni. «Il luogo privilegiato per la cybersecurity, ovvero l’infrastruttura (la rete) – precisa il manager – ha perso di valore e di contenuto dato che la forza lavoro si è spostata all’esterno di essa. Questa modifica radicale dell’approccio alla cybersecurity aziendale ha evidentemente richiesto una rielaborazione di concetti dati per assodati da anni, questo ha obbligato le aziende italiane a un periodo di riflessione. Questo periodo in alcuni casi è stato breve in altri è stato più lungo in altri casi è tuttora in atto. La resistenza maggiore delle aziende a questo cambiamento è da ricercarsi proprio nella necessità di ripensare a investimenti in risorse e know-how fatti negli ultimi anni. Le aziende ora si trovano a ripensare la cybersecurity in un ambito lontano e in alcuni casi sconosciuto come quello legato agli smart worker, all’adozione di soluzioni SaaS e alla dematerializzazione del proprio data center attraverso l’adozione sempre più spinta di IaaS e PaaS. Le aziende oggi sconvolte dagli accadimenti cercano di trovare una nuova normalità anche nell’approccio alla cybersecurity, anche se questo vuol dire rivedere le proprie convinzioni e priorità. Certo in Italia, prima del 2020 alcune aziende avevano già iniziato ad affrontare i temi che l’attuale situazione globale ha reso non rimandabili, proprio queste aziende sono oggi le più mature nell’approccio Zero Trust».

Per Arrigoni, dopo che varie tecnologie impiegate per lo smart working hanno fatto notizia per le carenze di sicurezza, i modelli zero trust sono destinati ad acquistare importanza come approccio efficace alla forza lavoro distribuita. «Eliminando la fiducia implicita su qualsiasi cosa sia collegata internamente o esternamente alla rete – conclude il manager – tutto viene di conseguenza verificato. Attraverso la micro-segmentazione, un’architettura Zero Trust permette agli utenti di accedere solamente alle specifiche risorse necessarie all’interno di determinati perimetri. Un ambiente del genere assicura una robusta postura di sicurezza rendendo molto più difficile la compromissione delle reti da parte dei malintenzionati. L’approccio Zero Trust si integrerà facilmente con la tecnologia basata su cloud SASE (Secure Access Service Edge) fornendo ai team di sicurezza la visibilità necessaria di cui hanno bisogno su tutto il traffico in ingresso e in uscita».

 

Rodolfo Rotondo, VMware.

L’offerta di VMware include soluzioni per modernizzazione delle app, cloud, networking, sicurezza e Digital Workspace. L’approccio alla sicurezza intrinseca di VMware fornisce visibilità su reti, endpoint, identità degli utenti, infrastruttura cloud e carichi di lavoro. Una migliore visibilità tra i team può aiutare l’IT e la sicurezza a lavorare in partnership, supportando un approccio collaborativo Zero Trust. «La sicurezza – ci racconta Rodolfo Rotondo, principal business solution strategist (EMEA) di VMware – è un tema sul tavolo di molti responsabili in azienda oggi, e per un buon motivo. Se da una parte sono sempre più consistenti gli investimenti in sicurezza, dall’altra le violazioni stanno aumentando in termini di quantità e danni arrecati. Serve quindi un cambiamento radicale nel modo in cui pensiamo la sicurezza. Per troppo tempo, le imprese piccole e grandi si sono affidate alla sicurezza basata sul perimetro della rete per proteggere i dati aziendali. Trend crescenti come la maggiore mobilità della forza lavoro e la maturità delle tecnologie cloud hanno messo in evidenza i limiti di questo modello di sicurezza già da qualche anno. Ma la crisi sanitaria globale ha completamente esposto le lacune dell’infrastruttura di sicurezza per le imprese di tutto il mondo. Un modello di sicurezza Zero Trust come quello adottato da VMware – che si basa sul concetto never Trust, always verify – è il più adatto al nuovo ambiente aziendale distribuito attuale. Questo modello di sicurezza garantisce i controlli di sicurezza necessari per proteggere i dati aziendali, consentendo al contempo alla forza lavoro del futuro di essere produttiva, indipendentemente dal luogo in cui sta lavorando. Siamo convinti che sia necessario anche un nuovo approccio al modo in cui viene fornita la sicurezza, un approccio che sia intrinseco dall’endpoint al cloud. La sicurezza intrinseca utilizza l’infrastruttura esistente per agire come fonti di dati e punti di controllo. Incorpora soluzioni per i workload, la rete, il cloud, l’identità e gli endpoint. Questo approccio supporta il framework Zero Trust, permettendo alle organizzazioni di seguire il modello Zero Trust nel modo più efficace. Ci sono molti metodi per implementare Zero Trust Security, ma architettare la sicurezza intrinsecamente nell’infrastruttura offre una sicurezza completa con la minima complessità e il più veloce time to value».

Per Rotondo, estendere la protezione della sicurezza alle case dei dipendenti è una delle sfide che devono affrontare i team IT nell’attuale contesto di incremento del lavoro a distanza. «Il panorama delle minacce informatiche in Italia – afferma il manager – ha registrato un’escalation. La frequenza degli attacchi ha raggiunto livelli senza precedenti: secondo una recente ricerca commissionata da VMware Carbon Black, infatti, il 98% dei professionisti della sicurezza conferma un aumento nel volume degli attacchi rispetto a febbraio e ottobre 2019, quando l’aumento si attestava rispettivamente al 93% e all’89%. Gli autori degli attacchi hanno utilizzato una serie di tattiche e tecniche più diversificata che mai, nel tentativo di estorcere, distruggere e infiltrarsi all’interno delle organizzazioni. E, in questo scenario, non ci sono aziende più o meno mature, gli attacchi riguardano tutte le aziende, indistintamente. Quello che cambia è l’investimento, o meglio, dove vanno gli investimenti: se tutti i partecipanti alla ricerca di VMware Carbon Black (99%) hanno previsto un aumento della spesa in sicurezza, occorrerà capire su cosa si orienterà tale spesa. Infine, un elemento che ha avuto un impatto significativo sullo stato attuale dell’approccio alla sicurezza è sicuramente l’impatto della pandemia dovuta al Covid-19. Il 90,5% degli intervistati italiani ha dichiarato di aver assistito a un aumento degli attacchi informatici complessivi a causa dei dipendenti che lavorano da casa. Man mano che ci adeguiamo a una nuova normalità caratterizzata dall’aumento del lavoro a distanza e delle minacce a esso associate, i team IT dovranno affrontare la sfida di estendere la protezione della sicurezza alle case dei dipendenti».

Abbiamo chiesto anche al manager di VMware quali sono le possibili evoluzioni future dello scenario italiano e le strategie dell’azienda per affrontarle. «Quello a cui stiamo assistendo e che crediamo rappresenti una evoluzione futura dello scenario della sicurezza – sottolinea Rotondo – è legato al notevole aumento nella frequenza degli attacchi, che dimostra che, per quanto le imprese italiane si stiano adattando rapidamente a questo contesto di intensificazione, il panorama delle minacce informatiche evolve ancora più rapidamente. L’85% dei professionisti della sicurezza afferma infatti che gli attacchi sono diventati più sofisticati, il 5% afferma che sono diventati significativamente più avanzati, mentre l’80% dichiara che sono diventati moderatamente o leggermente più sofisticati. Questi dati confermano ciò che la ricerca svolta dal team di analisi delle minacce di VMware Carbon Black ha effettivamente riscontrato: gli avversari stanno adottando tattiche più evolute, così come anche la commoditizzazione dei malware sta rendendo disponibili tecniche di attacco sempre più sofisticate a una più ampia coorte di criminali informatici. Non esiste una ricetta per prevedere le evoluzioni di questo scenario, ma adottare un approccio che preveda di investire su soluzioni in grado di garantire visibilità dal cloud all’edge, di unificare team e tecnologie diversi, di ridurre notevolmente la superficie di attacco e di proteggere il known good rappresenta sicuramente un modo per farsi trovare il più possibile preparati e, dove possibile, mitigare gli attacchi».

 

Francesco Pastoressa, WatchGuard.

WatchGuard fornisce soluzioni per la sicurezza di rete e degli endpoint, per il Wi-Fi sicuro, per l’autenticazione multifattoriale e prodotti e servizi di network intelligence. La sua Zero Trust Application, che permette l’esecuzione sugli endpoint dei soli elementi sicuri, consente il monitoraggio continuo e il rilevamento e la classificazione di tutte le attività al fine di individuare e bloccare i comportamenti anomali di utenti, macchine e processi. «La recente pandemia da coronavirus – afferma Francesco Pastoressa, marketing manager Italia, Grecia e Turchia di WatchGuard – ha accelerato ed esteso l’adozione del lavoro da remoto e, al momento, il trend sembra irreversibile. In termini di sicurezza si è usciti quindi dal perimetro tradizionale. Nuove e vecchie minacce si sono intensificate e sofisticate (phishing, attacchi alle reti Wi-Fi non protette…) per colpire l’anello debole della catena della sicurezza: l’individuo. Se fino a ieri tutta la sicurezza aziendale era prevalentemente incentrata sulla rete, presupponendo l’attendibilità di ogni dispositivo e utente connesso, adesso questo approccio è superato dal concetto di Zero Trust: si presuppone che ogni dispositivo e utente, che sia o meno sulla rete, rappresenti un rischio e debba essere sempre verificato. La tecnologia di WatchGuard abilita un framework Zero Trust che si basa su tre principi: identificazione di utenti e dispositivi, per sapere sempre chi si sta connettendo alla rete; garanzia di accesso sicuro, con la razionalizzazione delle autorizzazioni di accesso a sistemi e applicazioni strategici; monitoraggio continuo per controllare integrità e profilo della rete e degli endpoint».

Per Pastoressa, soprattutto fra le aziende medio-piccole c’è ancora molto da fare in termini di consapevolezza e implementazione del framework Zero Trust. «E questo – dice – per mancanza di cultura aziendale, budget, competenze specifiche e spesso per sottodimensionamento dei reparti IT (il CSO è un lusso da grandi aziende strutturate). Adesso sotto la spinta dell’emergenza si sono implementati migrazioni al lavoro da remoto e al cloud affrettati e carenti dal punto di vista della sicurezza, aumentando esponenzialmente la propria vulnerabilità a cyber attacchi anche fatali per il business stesso».

Il manager di WatchGuard spiega sottolinea infine le tematiche che è il caso di ritenere prioritarie oggi e nel prossimo futuro: «In base ai trend che abbiamo analizzato nel nostro ultimo Internet Security Report, ci sono senz’altro dei temi che dovrebbero essere prioritari per le aziende per attrezzarsi contro i trend del cyber crime e che noi indirizziamo attraverso la tecnologia WatchGuard. Come la formazione sul phishing, assicurandosi di condurre regolarmente corsi di formazione perché i dipendenti sappiano riconoscere ed evitare un attacco phishing. O come l’individuazione delle anomalie: conoscere il comportamento normale delle macchine e dei dipendenti e prestare attenzione alle deviazioni. Fondamentale in tal senso è avere gli strumenti di visibilità giusti per identificare e agire tempestivamente in caso di comportamenti sospetti. È importante anche la protezione aggiuntiva per gli account con privilegi, per quei dipendenti che hanno bisogno di un accesso privilegiato alle risorse aziendali per scongiurare il rischio che un account finisca sotto il controllo di un utente malintenzionato o di un cyber criminale. Da ultimo la sicurezza come servizio gestito: la rete dei partner MSSP (Managed Security Service Program) di WatchGuard è la soluzione ottimale per le aziende PMI che non sono in grado di strutturare una difesa all’altezza delle sfide odierne per problemi di budget, risorse e competenze».

 

Didier Schreiber, Zscaler.

Zscaler è un’azienda americana specializzata in sicurezza informatica basata sul cloud. In particolare, la sua Zero Trust Exchange è una piattaforma che collega in modo sicuro utenti, applicazioni e dispositivi su qualsiasi rete, in qualsiasi luogo, utilizzando le policy aziendali. «La nostra soluzione – afferma Didier Schreiber, direttore marketing Southern Europe di Zscaler – ha aiutato milioni di persone a continuare a lavorare da qualsiasi luogo, in modo sicuro e godendo di un’ottima esperienza d’uso. Zscaler è stato un precursore di quella che viene definita sicurezza Zero Trust, che significa fondamentalmente “non fidarsi di nulla” ovvero non permettere ad applicazioni, dispositivi o utenti di accedere alla rete. Zscaler li collega infatti direttamente alla piattaforma Zero Trust Exchange, e non alla rete, perché una volta che una minaccia colpisce la rete può muoversi al suo interno, individuare i dati ed esfiltrarli. Questo è il motivo per cui si parla così tanto ultimamente delle minacce e degli attacchi basati su VPN, perché le aziende che offrono soluzioni di sicurezza di rete tradizionali si basano sulla rete e non hanno creato il proprio cloud. La piattaforma Zero Trust Exchange sfrutta oltre 150 data center in tutto il mondo ed elabora più di 150 miliardi di transazioni al giorno».

Schreiber è del parere che molte aziende stiano cercando di iniziare il loro percorso di digitalizzazione spostando le applicazioni in cloud senza considerare le basi strategiche relative all’infrastruttura di rete e sicurezza. «Per sfruttare la flessibilità e l’agilità del cloud – aggiunge il manager – la deviazione di tutto il traffico nel cloud attraverso il perimetro aziendale per una scansione di sicurezza non è all’altezza delle prestazioni che l’utente si aspetta. Le aziende devono essere preparate non solo a migrare le applicazioni nel cloud, ma anche ad adottare un approccio strategico che includa le infrastrutture di rete e di sicurezza come per esempio il framework SASE, un concept completo, che riassume tutti gli aspetti di un futuro basato sul cloud. Inoltre, le aziende dovrebbero evitare di ricreare un data center con strutture complesse nei loro ambienti cloud. Segmentare le reti tramite un approccio basato sul perimetro non ha aiutato nel mondo on-prem, virtualizzarlo e farlo seguendo lo stesso principio nel cloud finirà per generare costi elevati e complessità eccessiva. I principi della soluzione Zero Trust Network Architecture (ZTNA) saranno d’aiuto in questo caso, in quanto gli utenti non si troveranno nello stesso posto in cui si trova il cloud. Segmentando a livello di applicazione e aggiungendo misure di autenticazione forti/identità per utenti e dispositivi, si risolveranno molte situazioni rimaste in sospeso per decenni nelle aziende. Pertanto, le realtà che compongono un’azienda non devono più lavorare separatamente ma devono passare ad un approccio che preveda una stretta collaborazione interna per risolvere insieme le sfide di oggi».

«Con l’aumento della diffusione dei dispositivi IoT e OT – conclude il manager di Zscaler parlando delle evoluzioni future – ci saranno più che mai dati elaborati a livello di perimetro. Man mano che queste attività di edge computing (o FOG computing) aumenteranno, i dati e le sessioni avranno bisogno di protezione. Il modello SASE (Secure Access Service Edge) sarà la risposta. Come rivelato nel nostro recente Report EMEA 2020 sullo stato della trasformazione digitale, il 55% delle aziende EMEA sta già prendendo in considerazione SASE. Dato che sempre più calcoli vengono fatti sfruttando l’edge-computing, ha sempre più senso spostare la sicurezza più vicino a questi dati per ridurre la latenza e i requisiti di larghezza di banda. Questo sarà importante, poiché i dati, la CPU e la memoria sono ancora legati alla legge di Moore, il che significa che le sollecitazioni poste sulle reti aumenteranno. La latenza di rete rappresenterà il quesito chiave da risolvere per le aziende, e potranno farlo grazie a SASE».

 

LE SOLUZIONI DI CYBERSECURITY ZERO TRUST

Cliccando sul nome della soluzione andrete direttamente alla pagina della piattaforma di cui parliamo. Abbiamo chiesto agli sviluppatori di complilare le schede delle loro soluzioni. In alcuni casi non ci hanno risposto, ma lo hanno fatto i system integrator o i distributori che le trattano. Questa sezione è dinamica e siamo disponibili ad aggiungere nuove schede, qualora ci pervenissero, o aggiornare i riferimenti con altri distributori o system integrator che le annoverano nel portafoglio di soluzioni che propongono.

 

 

AKAMAI EAA – ENTERPRISE APPLICATION ACCESS

Sviluppatore: Akamai

EAA – Enterprise Application Access è una soluzione che fa da proxy tra il mondo esterno e interno/esterno all’azienda. È un’architettura cloud che chiude tutte le porte del firewall in ingresso, fornendo, al contempo, solo agli utenti e ai dispositivi autenticati l’accesso alle applicazioni interne desiderate, ma non all’intera rete. Nessuno può accedere direttamente alle applicazioni poiché queste non sono visibili né su Internet né pubblicamente. Enterprise Application Access integra protezione del percorso dati, single sign-on, accesso alle identità, sicurezza delle applicazioni, nonché visibilità e controllo della gestione in un solo servizio. Le funzionalità di verifica del comportamento dei dispositivi forniscono segnali di intelligence delle minacce e di sicurezza dei dispositivi per migliorare l’accesso contestuale alle applicazioni aziendali. La soluzione può essere configurata in pochi minuti attraverso un portale unificato con un unico punto di controllo e in qualsiasi ambiente di rete.

 

AKAMAI ETP – ENTERPRISE THREAT PROTECTOR

Sviluppatore: Akamai

ETP – Enterprise Threat Protector è un Secure Internet Gateway (SWG) basato sul cloud che permette di offrire a utenti e dispositivi una connessione sicura a Internet ovunque, senza la complessità associata ai sistemi tradizionali basati su appliance. Permette di verificare tutte le risoluzioni DNS fatte da un device e valutare se i domini a cui si sta cercando di connettersi siano affidabili oppure no. Implementato sull’Akamai Intelligent Edge Platform, distribuita su scala globale, Enterprise Threat Protector consente di identificare, bloccare e mitigare in maniera proattiva minacce mirate come malware, ransomware, phishing, esfiltrazione di dati che sfruttano il DNS e attacchi zero-day avanzati. ETP può essere configurato anche sul device dell’utente, permettendo di estendere questo livello di protezione anche nel momento in cui naviga o accede alle applicazioni aziendali con il proprio PC di casa.

 

CARBONBLACK ENDPOINT PROTECTION PLATFORM

Sviluppatore: CarbonBlack

Scheda compilata da: Ricoh (che integra CarbonBlack)

Carbon Black Endpoint Protection è una soluzione NG EDR (Next Generation Endpoint Detection and Response) cloud nativa. Si integra in VMware Workspaceone per includere la componente antivirus/antimalware. Gli agent installati su endpoint e a protezione dei workload cloud beneficiano dell’attività di analisi e scoperta sull’intera scala di internet per individuare e riconoscere il comportamento delle minacce di tipo Zero-Day. Gli aspetti differenzianti riguardano l’estensione delle analisi svolte su incident di sicurezza (Threat Intelligence) alla ricerca di comportamenti anomali oltre che di minacce e virus già classificati.

 

CISCO ZERO TRUST

Sviluppatore: Cisco

Distributori

Cisco Zero trust è un approccio completo che fonda su tre soluzioni principali: Cisco Tetration, per la protezione delle applicazioni, Duo Security che protegge utenti e dispositivi in presenza di credenziali rubate, phishing e altri attacchi identity-based e Cisco Software-Defined Access, che fornisce informazioni dettagliate su utenti e dispositivi e aiuta a identificare le minacce, mantenendo il controllo su tutte le connessioni presenti all’interno della rete. Questo approccio a 360° permette di proteggere l’accesso di utenti, dispositivi, API, IoT, microservizi, container e altro ancora. Con Cisco Zero Trust è possibile applicare controlli Policy-Based in modo semplice e ottenere una completa visibilità sugli utenti e i dispositivi connessi alla rete aziendale. È possibile consultare in qualsiasi momento log dettagliati, report e avvisi che possono aiutare i professionisti a rilevare e rispondere in modo efficace alle minacce informatiche e ridurre così la superficie di attacco. Inoltre, è in grado di rilevare automaticamente le utenze sospette grazie a funzionalità di machine learning e di interagire con soluzioni di sicurezza grazie all’integrazione di API con piattaforme come Cisco SecureX.

 

ESET ZERO TRUST

Sviluppatore: Eset

Distributori: Allnet Italia, Esprinet-V-Valley, Icos

Le soluzioni di Eset che integrano lo Zero Trust sono molteplici: Eset Enterprise Inspector, Eset Protect, Eset Endpoint Security, Eset Endpoint Encryption, Eset Secure Authentication. Eset con le sue console di gestione degli endpoint che della soluzione EDR permette visibilità degli Asset e con la componente MDM riesce a gestire l’ambito BYOD quando si devono gestire gli smartphone. Le soluzioni di endpoint protection vanno a coprire gli ambiti relativi alla protezione dei malware, ma anche alla gestione dei dispositivi o alla protezione e segmentazione della rete con i moduli della network protection e del firewall. L’identificazione delle applicazioni sicure può essere fatta dall’endpoint protection che lavora insieme alla sandbox in cloud e alla soluzione EDR di Eset. Preoccupandosi sempre dei dati la cifratura è fondamentale ed è gestibile proprio con la soluzione Endpoint Encryption. Non dimenticando che per evitare che un terzo possa accedere alle risorse aziendali ci si può appoggiare alla soluzione di doppia autenticazione. Eset, quindi, grazie al suo ecosistema riesce ad avere un approccio “olistico” alla security che si sposa perfettamente con la cybersecurity Zero Trust

 

FORCEPOINT PRIVATE ACCESS

Sviluppatore: Forcepoint

Distributori: Arrow, Computergross

Forcepoint Private Access fornisce un accesso remoto sicuro alle applicazioni aziendali interne, applicando la logica Zero Trust. Forcepoint PA è un servizio cloud ZTNA che proteggere i sistemi aziendali da reti e dispositivi compromessi, senza costringere gli utenti a cambiare il loro modo di lavorare quando sono in remoto. Le applicazioni non sono mai esposte direttamente su Internet e sono completamente invisibili agli utenti non autorizzati. Forcepoint PA consente, invece, agli utenti autorizzati di accedere facilmente alle proprie applicazioni, senza dover ricorrere a una VPN, il servizio abilita un perimetro definito che funziona in qualsiasi ambiente IT e con qualsiasi applicazione Web interna. La complessità della VPN viene rimossa consentendo di concentrarsi sulla produttività degli utenti, determinando quali account possono accedere a quali applicazioni, invece di gestire reti, zone e firewall. Forcepoint PA protegge reti e applicazioni private da reti e dispositivi remoti potenzialmente compromessi e offre il controllo per prevenire la perdita di informazioni sensibili e proprietà intellettuale. Tutto il traffico verso/da applicazioni private, che si tratti di data center o cloud privati, viene ispezionato da una tecnologia antiintrusione che blocca tutte le minacce avanzate.

 

FORTINET FORTINAC

Sviluppatore: Fortinet

Partner

FortiNAC è un sistema di controllo accessi alla rete intelligente e controllo zero-trust integrati. Con la combinazione di FortiAuthenticator e FortiToken, si può beneficiare della potenza di IAM (trustless identification access management) per Fortinet Security Fabric. FortiAuthenticator fornisce servizi di autenticazione centralizzati, mentre FortiToken aggiunge un fattore secondario implementando token fisici e basati su applicazioni mobili. La tecnologia di FortiDeceptor, basata sull’inganno, completa la strategia già attuata nell’organizzazione per la protezione dalle violazioni. È progettata per sviare, rivelare ed eliminare gli attacchi provenienti dall’esterno o dall’interno prima che si verifichino danni reali.

 

IBM CLOUD PAK FOR SECURITY

Sviluppatore: IBM

IBM Cloud Pak for Security è una piattaforma open, basata su Red Hat Open Shift, che consente di semplificare l’interoperabilitàe l’integrazione dei vari tool di sicurezza, IBM e non IBM, con l’obiettivo di identificare le minacce nascoste, prendere decisioni basate sui rischi disponendo di maggiori informazioni e stabilire le priorità relative alle tempistiche del team di sicurezza. La piattaforma comprende una ventina di connettori, costantemente aggiornati, che consentono l’integrazione con fornitori quali Splunk, ElasticSearch, BigFix, Azure, AWS, Tenable, Carbon Black e Archsight. Inoltre, è possibile sviluppare connettori per integrare tecnologie al momento non supportate. La piattaforma permette di avere una vista unica di tutti i dati di sicurezza presenti nei diversi tool aziendali, senza “spostarli” dai vari ambienti. Dispone di un sistema di gestione degli incidenti integrato e offre una visione integrata dei possibili indici di compromissione. Di recente IBM ha annunciato una nuova funzionalità di sicurezza dei dati di Cloud Pak for Security progettata per aiutare a collegare la data security direttamente all’interno del threat management lifecycle.

 

MACMON NAC

Sviluppatore: Macmon Secure

Partner

Scheda compilata da: Bludis, distributore a valore aggiunto che tratta Macmon NAC

Macmon NAC, la tecnologia di Network Access Control di Macmon Secure, nasce a Berlino nel 2003 e si evolve negli anni fino ad arrivare nel 2014 sul mercato europeo con una tecnologia completa ma soprattutto user-friendly rispetto allo standard di mercato. Il NAC, prima barriera in ottica di Zero Trust, è figurativamente il cancello di accesso alla rete che lascia entrare solo chi è autorizzato. Facendo controlli a livello di mac-address prima e di utenza/certificato poi, la soluzione blocca ogni intrusione non autorizzata a priori avvalorandosi così della tesi dello Zero Trust. A corredare il principale beneficio di Macmon NAC troviamo funzionalità che aumentano il valore della soluzione come, per esempio, la possibilità di lavorare con qualsiasi vendor di switch purché questo sia managed, oppure avere la possibilità di associare un mac-address ad una Vlan specifica che, automaticamente senza scomodare il reparto IT, segue il suddetto mac-address per tutta l’infrastruttura così permettendo di accedere alle corrette porzioni di rete ovunque il dispositivo sia collegato. Con Macmon NAC si vanno a sfruttare vari protocolli per garantire da essere al riparo da attacchi di ARP-Spoofing, MAC-spoofing o semplicemente Address Falsification. E per i dispositivi non aziendali che devono accedere alla network Macmon NAC espone un Guest portal che gestisce l’ingresso degli ospiti o collaboratori esterni dando loro l’accesso con i giusti permessi, che sia solo la connessione verso internet oppure l’accesso ad alcune porzioni di network precedentemente selezionate. Tirando le somme, le aziende che vogliono adottare la filosofia dello zero trust trovano in Macmon NAC la soluzione ideale per garantire l’accesso solo a chi è autorizzato a priori e andando a chiudere il cancello di accesso alla network spesso lasciato incustodito.

 

KASPERSKY INTEGRATED ENDPOINT SECURITY

Sviluppatore: Kaspersky

Distributori: Esprinet, Questar, Newtech Security, Computer Gross, AFKC

Integrated Endpoint Security si basa sulla tecnologia EDR e consente di proteggere le reti e i dati aziendali. Offre una protezione completa contro le minacce più avanzate senza limitare in alcun modo l’efficienza delle risorse IT. L’approccio multilivello di Kaspersky si avvale di un set completo di tecnologie all’avanguardia in termini di protezione, rilevamento e risposta alle minacce IT. Queste tecnologie sono combinate in un’unica soluzione altamente integrata, in grado di fornire protezione dagli attacchi informatici. I controlli granulari, abbinati ad ampi database di whitelisting basati su specifiche categorie, semplificano l’implementazione di efficaci criteri di sicurezza, tramite i quali si possono definire le applicazioni e le risorse online accessibili agli utenti in determinati orari. Se gli amministratori IT apportano modifiche alle impostazioni dei criteri di sicurezza, la funzionalità Security Advisor segnalerà immediatamente le potenziali insidie. Le tecnologie di sicurezza di Kaspersky consentono di gestire e risolvere in modo rapido ed efficace un elevato numero di incidenti informatici: in tal modo, il personale IT dell’azienda potrà concentrarsi esclusivamente sui casi che richiedono l’intervento diretto dell’esperto.

 

KASPERSKY HYBRID CLOUD SECURITY

Sviluppatore: Kaspersky

Distributori: Esprinet, Questar, Newtech Security, Computer Gross, AFKC

La crescita delle infrastrutture di rete e la loro complessità creano alcune difficoltà ai dipartimenti di sicurezza IT delle grandi organizzazioni. La superficie di attacco potenziale è sempre più ampia, per cui i team di sicurezza devono essere sicuri che tutte le sue componenti, inclusi i server virtualizzati e VDI, siano protetti, anche se si tratta di decine di migliaia. La versione aggiornata di Kaspersky Hybrid Cloud Security è enterprise-ready e consente ai clienti di implementare la protezione fino a 100.000 server virtuali e VDI, senza sacrificare le performance o perdere il controllo e la visibilità sulle infrastrutture virtualizzate. Kaspersky Hybrid Cloud Security offre protezione multi-layered per ambienti multi-cloud. Ovunque si elaborino e archivino i dati aziendali critici, su un cloud privato o pubblico o su entrambi, questa soluzione è in grado di offrire una combinazione equilibrata di sicurezza agile, continua ed efficiente, proteggendo i dati aziendali contro le più avanzate minacce presenti e future, senza compromettere le prestazioni dei sistemi. Questa soluzione protegge i diversi tipi di workload in esecuzione su piattaforme diverse, utilizzando vari livelli di tecnologie di sicurezza, tra cui hardening del sistema, prevenzione degli exploit, monitoraggio dell’integrità dei file, blocker degli attacchi di rete, antimalware statico, comportamentale e altro ancora.

 

KASPERSKY MANAGED DETECTION AND RESPONSE

Sviluppatore: Kaspersky

Distributori: Esprinet, Questar, Newtech Security, Computer Gross, AFKC

In caso l’azienda non avesse un SOC (Security Operation Center) interno o nel caso fosse già oberato di lavoro, Kaspersky mette anche a disposizione il servizio Kaspersky Managed Detection and Response, mirato a fornire intelligence sugli attacchi subiti e gestire eventuali casi non previsti dal playbook creato insieme al cliente. In pratica, con questo servizio si ottiene, a una frazione del costo necessario per crearlo in azienda, tutto il know-how di un SOC specializzato nella caccia alle minacce che potrebbero annidarsi all’interno della rete aziendale, garantendo una risposta rapida anche agli attacchi più difficili da scoprire. Questa soluzione offre una protezione avanzata, 24 ore su 24, da tutte quelle minacce in continua crescita che sono in grado di eludere le barriere di sicurezza automatizzate, fornendo supporto alle organizzazioni con risorse interne limitate. A differenza di altre offerte simili, Kaspersky MDR sfrutta modelli brevettati di machine learning, tecnologie di threat intelligence e una comprovata esperienza nella ricerca di attacchi mirati.

 

MICROSOFT 365 E5

Sviluppatore: Microsoft

Distributori: Oltre 10.000 partner su tutto il territorio nazionale

Microsoft 365 E5 combina le migliori app di produttività e collaborazione con funzionalità avanzate di comunicazione, sicurezza, conformità e analisi dei dati. La soluzione abilita, infatti, la protezione contro il furto dell’identità e di informazioni, integra strumenti avanzati di conformità per proteggere e gestire i dati riducendo al contempo i rischi, insieme a funzionalità di sicurezza automatizzate in grado di bloccare anche le minacce più avanzate. Inoltre, Microsoft 365 E5 supporta i team sempre più estesi e distribuiti grazie a funzionalità come l’audioconferenza e le chiamate in cloud e offre l’accesso, tramite Power BI, ad analisi e insight utili per ottenere il massimo valore di business dai dati.

 

MOBILEIRON ZERO SIGN-ON

Sviluppatore: MobileIron (azienda acquisita da Ivanti nel 2020)

Distributore: Arrow Enterprise

Zero Sign On è una soluzione che di fatto toglie la necessità di usare username e password per i servizi cloud. L’azienda che usa Office 365, Salesforce e altri servizi cloud non richiede più la password agli utenti, ma un accesso ai servizi più sicuro. Il controllo dell’accesso, infatti, avviene tramite una VPN applicativa installata sui dispostivi certificati, verso il servizio Zero Sign On. Da un computer, un telefono o un tablet gestito si può accedere ai servizi direttamente, senza accreditarsi. L’autenticazione è basata sui certificati che sono presenti solo sui dispositivi gestiti, e la verifica include sia i certificati stessi, sia il fatto che l’app con cui l’utente vuole accedere sia autorizzata. Inoltre, la procedura prevede un controllo sulla presenza di attacchi man-in-the-middle attivi sulla rete, malware sul dispositivo e altre minacce attive.

 

OKTA

Sviluppatore: Okta

Partner

Scheda compilata da: Bludis, distributore a valore aggiunto che tratta Okta

Okta fornisce un sistema di Single Sign on, di Multi Factor Authentication di tipo Adaptive e di controllo one/off Boarding degli account, coniugando la sicurezza del cloud all’estrema facilità di integrazione con tutto l’ecosistema IT, con più di 6500 connettori già pronti per essere utilizzati, ponendo Okta stessa come gestore degli accessi per strumenti di collaboration, di office automation, VPN e così via. Molto interessante inoltre è il dispositivo di Multifactor Authentication di tipo adattivo, in grado cioè di valutare l’affidabilità del contesto dal quale si tenta l’autenticazione. Okta è infatti in grado di verificare se l’accesso viene effettuato da un dispositivo non considerato fidato, da una locazione geografica non abituale oppure se avviene in condizioni di “impossible travel pattern” (per cui chi si connette da Roma a un determinato orario, ad esempio, non può richiedere l’accesso dopo un’ora da Pechino), sposando in toto la filosofia dello Zero Trust Access.

 

ORACLE ZERO TRUST

Sviluppatore: Oracle

Partner

Oracle propone soluzioni attraverso cui è possibile incrementare la postura di sicurezza e implementare modelli di cybersecurity Zero Trust in contesti ibridi (Oracle Cloud, On-Premise e Multi-Cloud). Le soluzioni di sicurezza di Oracle includono Identity Cloud Service (servizio IdaaS per la gestione moderna dell’identità digitale e l’accesso ad applicazioni in contesti ibridi che offre funzionalità quali SSO, autenticazione adattiva e secondo fattore di autenticazione MFA, Cloud Guard (mediante la protezione continua previene gli errori di configurazione errata e implementa le best practice di sicurezza in relazione anche alle compliance), Data Safe (semplifica e automatizza la sicurezza e i controlli per indirizzare la conformità del database con un centro di controllo unificato della sicurezza) e Web Application Firewall (protegge le applicazioni dal traffico Internet malevolo, mediante servizio cloud).

 

PCYSYS PENTERA

Sviluppatore: Pcysys

Partner

Scheda compilata da: Bludis, distributore a valore aggiunto che tratta PenTera

Uno dei concetti chiave dello Zero Trust è la validazione. È non dare per scontato che i sistemi di sicurezza nella network siano sicuri a priori. Per questo Pcysys ha sviluppato PenTera l’innovativo software di penetration test infrastrutturale automatico che permette di validare continuamente i sistemi e le policy di sicurezza della network aziendale. Il software non richiede né l’utilizzo di agenti sui dispositivi da testare e né di particolari skill tecniche con il risultato di un penetration test continuo e senza i limiti di un penetration test manuale che possono essere la durata, il range da testare o le skill aggiornate o meno di chi conduce il penetration test. Un altro aspetto molto importante in ottica Zero Trust che PenTera introduce è quello dell’internalizzare il processo di Penetration Test, questo spesso condotto da una società di terzi costringeva le aziende a dover condividere i propri dati con queste società rischiando quindi data exfiltration. Infine, PenTera genera dei report dettagliati dell’attività con vulnerabilità trovate, dati carpiti, utenze sniffate o crackate e soprattutto la possibilità di dare priorità alle remediation da fare per bloccare prima quelli che sono i problemi più importanti. Dunque, in ottica Zero Trust è PenTera la tecnologia più adatta per validare la postura di sicurezza.

 

QUALYS EDR MULTI-VECTOR

Sviluppatore: Qualys

Qualys, pioniere e fornitore leader di soluzioni IT di sicurezza e compliance altamente innovative basate sul cloud, ha sviluppato la propria Qualys Cloud Platform nativa e le molteplici applicazioni cloud integrate per offrire una visibilità a 360 gradi su ambienti on-premise, cloud, containers, endpoint e ambienti mobili, assicurando una “single source of truth” affidabile, consistente e che supporta più processi. Per rispondere alle esigenze Zero Trust, Qualys offre l’EDR Multi-Vector, una soluzione all’avanguardia nella rilevazione e risposta per la sicurezza degli endpoint, che fornisce dati sul contesto e correla miliardi di eventi globali con le informazioni sulle minacce, le analisi e i risultati del machine learning per bloccare i sofisticati attacchi che utilizzano più vettori. Adottando l’approccio multi-vector all’EDR (Endpoint Detection and Response), Qualys trasferisce le potenzialità della Cloud Platform altamente scalabile al servizio dell’EDR. Si tratta di una soluzione in grado di fornire ai team di sicurezza delle imprese una visibilità concreta sugli endpoint, in termini di rilevamento di attacchi informatici provenienti da hacker specializzati, intervenendo anche sui potenziali attacchi dannosi abilitati da processi interni autorizzati. La possibilità di riunire la gestione degli asset, la gestione del rischio di vulnerabilità e l’EDR attraverso un unico agent su una singola console, è una soluzione efficace che aiuta le imprese nel ridurre i rischi e a proteggere i loro sistemi informatici.

 

SENTINELONE SINGULARITY PLATFORM

Sviluppatore: SentinelOne

Scheda compilata da: Ricoh (che integra SentinelOne)

SentinelOne ha sviluppato una piattaforma di scoperta e contrasto delle minacce cyber integrando modelli di intelligenza artificiale per individuare ransomware e comportamenti anomali prima che questi diventino palesi (detonazione) e si diffondano nel network aziendale. La soluzione applica proattivamente risposte automatizzate per ridurre i tempi di reazione ed è valida sia per gli endpoint che per infrastrutture on premise, cloud o hybridcloud.

 

VMWARE SICUREZZA INTRINSECA

Sviluppatore: VMware

Distributori: Computer Gross, Esprinet, Systematika

L’approccio alla sicurezza intrinseca sfrutta l’infrastruttura VMware esistente fornendo visibilità su reti, endpoint, identità degli utenti, infrastruttura cloud e carichi di lavoro. Utilizzando un approccio integrato, gli strumenti e i team possono essere unificati riducendo la complessità e i costi. Una migliore visibilità tra i team può aiutare l’IT e la sicurezza a lavorare in partnership, supportando un approccio collaborativo Zero Trust. VMware verifica ogni accesso ai dati con autenticazione e autorizzazione a livello di dispositivo e di rete. Riunisce la gestione unificata dei dispositivi endpoint, l’accesso condizionato e le capacità di intelligence per stabilire l’autenticazione continua e l’applicazione delle policy di accesso. Fornisce visibilità e analisi della configurazione, dello stato e delle vulnerabilità per l’hardening, meccanismi di prevenzione contro malware, ransomware e attacchi non-malware/file-less e meccanismi di rilevamento e risposta per gli attacchi che eludono entrambi i processi e i controlli. L’approccio distribuito di VMware al firewalling va dalla macro alla micro-segmentazione offrendo controlli L7 statici e prevenzione avanzata delle minacce. Le soluzioni VMware includono Analytics integrate per fornire visibilità completa e avvisi agli operatori della sicurezza. Offrono infine opzioni di orchestrazione per il carico di lavoro, i dispositivi e la rete.

 

ZSCALER ZERO TRUST EXCHANGE

Sviluppatore: Zscaler

Distributori: OBS, Verizon, BT

Zero Trust Exchange è una piattaforma cloud-native che collega in modo sicuro utenti, applicazioni e dispositivi su qualsiasi rete, in qualsiasi luogo, utilizzando le policy aziendali per aumentare la produttività degli utenti, ridurre il rischio aziendale, ridurre i costi e semplificare l’IT. Caratteristiche principali: superficie Zero Attack per garantire che l’infrastruttura e le applicazioni delle aziende siano protette da attacchi e non vengano rilevate; collegamento dell’utente a un’applicazione, non a una rete; architettura multi-tenant, costruita da zero, per la scalabilità, l’affidabilità e la privacy che il mondo cloud e mobile richiede oggi; architettura proxy, e non pass-through per verificare la presenza di minacce crittografate e l’esposizione ai dati in tempo reale grazie al machine learning e alla prevenzione attiva del loro impatto; architettura Secure access service edge (SASE)

 

WATCHGUARD ZERO-TRUST APPLICATION

Sviluppatore: WatchGuard Technologies

Distributori: Computer Gross, Esprinet, Elmat, Symbolic, Exclusive Networks

Il servizio Zero-Trust Application di WatchGuard classifica gli elementi come malware o sicuri, quindi permette l’esecuzione sugli endpoint dei soli elementi sicuri. Consente il monitoraggio continuo degli endpoint e il rilevamento e la classificazione di tutte le attività al fine di individuare e bloccare i comportamenti anomali di utenti, macchine e processi. Ha tre componenti chiave: monitoraggio continuo dell’attività degli endpoint per l’invio di ogni applicazione in esecuzione sugli stessi alla piattaforma WatchGuard cloud per la classificazione; classificazione basata su AI e su diversi algoritmi di apprendimento automatico (ML, machine learning) per elaborare in tempo reale centinaia di attributi statici, comportamentali e contestuali; application control basato sul rischio per bloccare di default qualsiasi applicazione o file binario sconosciuto. Il sistema di AI classifica automaticamente il 99,98% dei processi in esecuzione. La percentuale rimanente viene classificata manualmente dagli esperti WatchGuard di malware. Questo approccio consente di classificare il 100% dei file binari senza falsi positivi o falsi negativi.

 

WATCHGUARD ADAPTIVE DEFENSE 360

Sviluppatore: WatchGuard Technologies

Distributori: Computer Gross, Esprinet, Elmat, Symbolic, Exclusive Networks

Adaptive Defense 360 (AD360) è la soluzione di sicurezza per endpoint nativa nel cloud che integra la tecnologia e l’intelligenza necessarie per offrire capacità avanzate di prevenzione, rilevamento, contenimento e risposta alle minacce. Include numerose opzioni integrate, quali crittografia, patching, monitoraggio remoto, gestione e molto altro. Include anche il servizio Zero-Trust Application di WatchGuard che classifica gli elementi come malware o sicuri, permettendo l’esecuzione sugli endpoint dei soli elementi sicuri. Il servizio Zero-Trust svolge tre funzioni chiave: monitoraggio continuo dell’attività degli endpoint per l’invio di ogni applicazione in esecuzione sugli stessi alla piattaforma cloud per la classificazione; classificazione basata su AI e su diversi algoritmi di apprendimento automatico (ML, machine learning) per elaborare in tempo reale centinaia di attributi statici, comportamentali e contestuali; application control basato sul rischio per bloccare di default qualsiasi applicazione o file binario sconosciuto. Il sistema di AI classifica automaticamente il 99,98% dei processi in esecuzione. La percentuale rimanente viene classificata manualmente dagli esperti WatchGuard di malware. Questo approccio consente di classificare il 100% dei file binari senza falsi positivi o falsi negativi.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php