Cisco annuncia le Vpn “unificate”

Rilasciate estensioni alla piattaforma Ios, che consentirà ai service provider di erogare servizi di rete virtuale privata di Layer 2 su rete Ip.

In settimana sono state rilasciate le estensioni del software di instradamento Cisco, grazie alle quali i service provider potranno erogare servizi di rete virtuale privata (Vpn) di Layer 2 attraverso una gamma abbastanza ampia di prodotti della stessa Cisco. Le estensioni, apparse sotto la definizione di Unified Vpn Suite, fanno parte della piattaforma Ios, implementata a bordo dei router per il core e l'accesso, sono state sviluppate per consentire la realizzazione di servizi Vpn su reti Ip, utilizzando sia la versione nativa del protocollo di Internet, sia il Multi-Protocol Label Switching (Mpls).

La Suite include, dal canto suo, due nuovi protocolli: Any Transport over Mpls (Atom) e il Layer 2 Tunneling Protocol version 3 (L2tpv3). Sono inoltre comprese alcune funzionalità aggiuntive per l'integrazione di Ip Security (IpSec) con Mpls. Atom serve per incapsulare i protocolli di secondo livello - come Atm, Frame Relay e Ethernet - su Mpls, utilizzato poi per il trasporto dei dati incapsulati sui backbone Ip prioritizzati. Cisco ne dichiara la conformità con le specifiche Ietf Draft Martini, sia a livello di incapsulamento, sia di signaling. L'L2tpv3 è un protocollo proprietario per reti native Ip che amplia lo standard L2tp con la tecnologia Cisco Universal Transport Interface. Grazie a Uti, due router Ip possono dialogare direttamente offrendo connettività Vpn Layer 2 tra coppie di interfacce o per supportare la migrazione di reti legacy. Anche questo protocollo è stato sottoposto all'attenzione dell'Ietf e Cisco si aspetta una ratifica entro l'anno. Disponibile con la release 12.0S e 12.2T di Ios, la Suite Vpn potrebbe avvantaggiare secondo Cisco anche gli operatori dotati di dorsali non native Ip, ma Atm o Frame Relay.

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here