Cinque distributori per Sony Ipela

Il vendor, grazie alla banda larga sta ora dando vita anche a un canale It costituito da system integrator specializzati sul networking

Prosegue l'impegno della Professional Solutions Network Company, l'area professionale di Sony, che si occupa di soluzioni per la videoconferenza e la videosorveglianza su Rete, vendute con il nome di Ipela.

«Il mercato sta crescendo - spiega Stéphane Labrousse, general manager business communication marketing di Sony Europe - sia per quanto riguarda i sistemi di gruppo, sia per la gamma desktop (le due famiglie di prodotti Sony relativi alla videoconferenza - ndr) e ci si aspetta un incremento della domanda specialmente da parte delle Pmi e del mercato Soho. Analogamente per la videosorveglianza si prevede una crescita interessante in tutta l'Europa occidentale e in particolare in Paesi come Italia, Francia e Spagna».

Education, Sanità, Trasporti, Corporate, Financial e Retail sono i mercati di riferimento per questi prodotti e uno degli elementi di svolta di questo settore è rappresentato dalla banda larga che migliora la qualità delle soluzioni vendute. «Più della metà delle nostre soluzioni non sono più Isdn e il fatto di trasmettere il segnale sulla Rete apre grandi opportunità per questo settore» afferma Fabio Andreoni, videonetworking business development manager di Sony Italia. A cominciare dal canale che si amplia agli specialisti del mondo It, affiancati ai tradizionali operatori audio/ video e agli installatori. «Il modello che seguiamo è il classico two tier.

Abbiamo infatti cinque distributori, Anixter, Electronics Time, Honeywell, Its Italelettronica, Vegstor, per la videosorveglianza ed Esprinet che supporta anche le soluzioni di videoconferenza, mentre stiamo costruendo il canale dei system integrator specializzati nel networking in grado di gestire il trasporto su rete. Per la videoconferenza - aggiunge Andreoni - c'è molto interesse da parte dei carrier e abbiamo avviato progetti importanti con Fast-web per la Regione Lombardia».

CONDIVIDI

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here