Home Digitale Call Covid-19, il software italiano ha tre giorni per fare proposte

Call Covid-19, il software italiano ha tre giorni per fare proposte

Come abbiamo anticipato nell’articolo di ieri parlando della necessità di arrivare ad applicazioni di contact tracing, il Ministro per l’Innovazione, a supporto del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità, in collaborazione con l’Organizzazione Mondiale della Sanità e con il supporto di un comitato scientifico multidisciplinare, ha aperto per tre giorni una valutazione di tutte le migliori proposte software disponibili, per agire in modo coordinato a livello nazionale.

L’obiettivo è individuare, nei prossimi 3 giorni, le migliori soluzioni digitali disponibili sul mercato per app di telemedicina e strumenti di analisi dati, e coordinare a livello nazionale l’analisi, l’adozione, lo sviluppo e l’utilizzo di queste soluzioni e tecnologie per il monitoraggio e contrasto alla diffusione del Covid-19.

Il Ministero per l’Innovazione osserva che l’uso sistemico di data analytics, intelligenza artificiale, teleconsulto e televisita ha già dato prova in altri Paesi del mondo di essere un’arma utile per monitorare e contenere il contagio da coronavirus SARS-CoV-2.

Con il Ministero della Salute intende valorizzare, riusare e mettere a sistema tutte le migliori iniziative di sviluppo di soluzioni tecnologiche per la gestione dell’emergenza da Covid-19, al fine di accelerare e ottimizzare i tempi di intervento e le operazioni di contrasto dell’epidemia.

Il contenuto della call software per Covid-19

Si chiede a tutte le Pubbliche Amministrazioni, enti ed organizzazioni pubbliche e private, alle aziende che stanno lavorando o che hanno già realizzato soluzioni tecnologiche nei due ambiti della call, di inviare:

  • app e soluzioni tecniche di teleassistenza per pazienti domestici, sia per patologie legate a COVID-19, sia per altre patologie, anche di carattere cronico. Rientrano in questo ambito app e chatbot per l’auto monitoraggio delle condizioni di salute, rivolte a tutti i cittadini o solo ad alcune fasce (come i soggetti sottoposti a isolamento fiduciario);
  • tecnologie e soluzioni per il tracciamento continuo, l’alerting e il controllo tempestivo del livello di esposizione al rischio delle persone e conseguentemente dell’evoluzione dell’epidemia sul territorio. Rientrano in questo ambito strumenti di analisi di Big Data, tecnologie hardware e software utili per la gestione dell’emergenza sanitaria.

Tutti i soggetti pubblici e privati che vogliono sottoporre una soluzione possono compilare un form dedicato disponibile da martedì 24 marzo ore 9 a giovedì 26 marzo ore 13 sul sito Ministro per l’Innovazione tecnologica e la digitalizzazione.

Verranno contattati solamente i proponenti di soluzioni compatibili con i requisiti per la partecipazione e ritenute adatte dal gruppo di lavoro, in tempi e modi compatibili con le caratteristiche della proposta e la priorità emergenziale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php