Facebook e EDI Confcommercio presentano Boost with Facebook

boost with facebook

 

Facebook e EDI Confcommercio hanno avviato Boost with Facebook, un programma di formazione gratuito, rivolto alle Pmi italiane.

Il progetto si pone l’obiettivo di aiutare le piccole e medie imprese nel percorso verso la digitalizzazione, aiutandole a far crescere il proprio business. Con questo promuovendo i prodotti del made in Italy sui mercati internazionali.

Infatti, Le Pmi sono il cuore pulsante della nostra economia. Nel nostro Paese sono presenti 4,5 milioni di piccole e medie imprese che rappresentano il 90% dei business, realizzano il 67,3% del fatturato nazionale e creano oltre il 99% dei posti di lavoro. In Italia 3 Pmi su 4 usano Facebook per la propria attività, per farsi conoscere, attrarre nuovi clienti e quasi la metà afferma di aver assunto nuovi dipendenti grazie alla crescita ottenuta usando questa Piattaforma. Su Facebook sono, infatti, attivi mensilmente 31 milioni di italiani e l’88% è collegato con almeno una piccola media impresa. Il 76% delle Pmi italiane usa anche WhatsApp, e il 95% degli utilizzatori dichiara di farlo per comunicare con i clienti.

In generale, più della metà delle Pmi italiane si ritiene abbastanza tecnologica (59,4%), ma solo il 18,2% crede di aver raggiunto un livello molto alto di innovazione digitale. Le imprese che si sentono molto tecnologiche sono, di fatto, quelle che investono per sviluppare nuovi modelli di business (62,7%) e in funzione dell’internazionalizzazione (36%). La trasformazione digitale consente, infatti, alle piccole e medie imprese di incrementare la velocità di espansione o di individuare nuovi mercati rispetto a quelli in cui operano tradizionalmente.

Secondo i dati Istat elaborati da Censis, le Pmi con 218 miliardi di euro, contribuiscono a poco più del 50% del valore delle esportazioni del nostro Paese.

Tuttavia, gran parte di queste aziende continua a preferire i canali tradizionali a soluzioni di export digitale. Infatti, l’80% esporta online ma sempre in affiancamento a strumenti offline e il 56% sostiene che solo una quota marginale del proprio fatturato prodotto all’estero è generato dall’e-commerce.

È stato lanciato anche Made by Italy, Loved by the world.  Un sito accessibile a tutti gratuitamente, promosso da Facebook per aiutare le Pmi a sviluppare il proprio business anche attraverso l’export,  ispirato al principio che “i prodotti realizzati in Italia possano essere conosciuti e apprezzati dal mondo”. Attraverso questo sito, il social network mette a disposizione strumenti per trovare un’audience globale e per promuovere la propria attività.

Ai titolari di aziende che si affacciamo per la prima volta al digitale, ai leader di Community e a persone in cerca di opportunità lavorative Facebook mette, invece, a disposizione gratuitamente il sito Boost with Facebook, con programmi di formazione e strumenti di e-learning gratuiti come Blueprint, soluzioni gratuite come le Pagine o Jobs, il nuovo strumento che consente alle aziende di pubblicare annunci per posizioni aperte e aiuta le persone a candidarsi alle offerte di lavoro direttamente su Facebook.

L’Italia è, infatti, il fanalino di coda dei Paesi OCSE per digital skill, solo un terzo delle persone tra i 16 e i 64 anni è, infatti, in grado di usare Internet in modo articolato, andando oltre la semplice navigazione. Le stesse Pmi italiane confermano la necessità di formazione perché le competenze digitali sono diventate un requisito imprescindibile e l'87% afferma che le digital skill di una persona sono più importanti del percorso scolastico in fase di assunzione di nuovi dipendenti.

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche iscriviti alla newsletter gratuita.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome