Bea e Palm unite per portare i servizi Web sugli handheld

Le due società annunciano un’iniziativa congiunta che verterà sullo sviluppo di applicazioni e Web service per i dispositivi Palm.

Bea e Palm presentano un'accordo che verte sullo sviluppo di servizi Internet per i palmari. Nei piani delle due aziende c'è l'intenzione di fondere l'infrastruttura tecnologica Reliable Transport di Palm, un backbone in grado di garantire comunicazioni sicure, supporto multirete e multi-piattaforma, con l'application server di Bea, WebLogic Server 7.0. Grazie alla partnership, un componente apposito di Bea WebLogic Workshop sarà sviluppato, per costituire una specie di ponte tra la piattaforma J2Ee di Bea e i client Palm. La tecnologia Realiable Transport sarà migliorata, in modo da riuscire a prendere in carico anche la gestione delle comunicazioni tra l'application server della casa californiana e gli handheld di Palm. I servizi Web saranno sviluppati con Reliable Transport, in modo da riuscire a garantire la gestione e lo scambio di messaggi Xml e Soap tra il server logico e i dispositivi in questione. Per riuscire a far girare le applicazioni su un client Palm, infatti, è necessario l'utilizzo di un parser Xml (Reliable Transport, che supporta anche il protocollo Gprs), di un motore Soap e, per gestire il codice Java, di una Java Virtual Machine fornita da PalmSource. L'accordo Palm/Bea consentirà lo sviluppo applicazioni singole in grado di girare sia su client Palm che sul server. Una versione beta dell'offerta combinata sarà disponibile entro la fine dell'anno, mentre la versione definitiva dovrebbe essere rilasciata nei primi mesi del 2003. Un accordo simile era già stato annunciato lo scorso luglio dalla stessa Palm e da Ibm, per riuscire a garantire la possibilità di distribuire applicazioni gestite dal server logico di Big Blue, WebSphere, sui propri palmari.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome