Home Sostenibilità Aws, il ruolo dei dati nella risposta ai cambiamenti climatici

Aws, il ruolo dei dati nella risposta ai cambiamenti climatici

Utilizzando droni, dati e chilometri di cavi, Aws Disaster Response collabora con organizzazioni specializzate per ricostruire le infrastrutture e riportare speranza nelle aree colpite da disastri naturali.

Quando si verificano disastri naturali come uragani, incendi, inondazioni, o qualunque altra calamità, spesso ne vediamo l’impatto distruttivo attraverso immagini di persone in fila per cibo, acqua e riparo.

Però, quello che non si nota nel mezzo di un disastro è altrettanto vitale: i dati e la connessione. Il loro ripristino è assolutamente fondamentale per mettere in contatto le persone con i propri cari. Ma anche per raccogliere e analizzare rapidamente i dati in modo che i beni essenziali- cibo, acqua e riparo – possano essere distribuiti in modo più efficiente, sicuro ed equo alle persone che ne hanno bisogno.

Con l’aumento della gravità e della frequenza dei disastri naturali in tutto il mondo, l’organizzazione di Harvey e altri esperti di tecnologia, tra cui il team Disaster Response di Aws e i suoi volontari, sono sempre più preziosi. Alla fine del 2020, ad esempio, le squadre si sono recate nelle Filippine dopo che circa 390.000 persone sono state sfollate da un ciclone, per aiutarle a trovare un rifugio utilizzando filmati di droni e altre tecnologie.

Il primo giugno è iniziata ufficialmente la stagione degli uragani atlantici 2021 nel sud-est degli Stati Uniti, nei Caraibi e nella costa del Golfo. Tuttavia, la prima tempesta della stagione, denominata Tropical Storm Ana, ha iniziato a svilupparsi il 22 maggio, estendendo la serie di tempeste formate prima del 1° giugno in corso da ormai sei anni.

La stagione degli uragani del 2020 ha visto così tante tempeste – 30 in tutto – che l’Organizzazione Meteorologica Mondiale delle Nazioni Unite, che nomina le tempeste, ha esaurito i nomi e ha dovuto ricorrere all’alfabeto greco. La National Oceanic and Atmospheric Administration ha affermato che una stagione al di sopra della norma è molto probabile nel 2021.

aws disaster

Questa tendenza non riguarda solo questa regione o solo gli uragani. In tutto il mondo la gravità e la frequenza di incendi, inondazioni, forti tempeste e altri disastri naturali sono aumentate, così come i costi umani e finanziari. Per cercare di ridurre al minimo tali costi, l’accesso ai dati è diventato essenziale per le persone che hanno bisogno di aiuto e per coloro che lo offrono.

Il programma AWS Disaster Response dispone di volontari sempre pronti a fornire supporto durante i disastri. I dipendenti sono tenuti a seguire la formazione di FEMA e della Croce Rossa prima di lavorare con i partner senza scopo di lucro, come Help.NGO o l’Information Technology Disaster Resource Center (ITDRC). I loro compiti possono includere il prestito di competenze tecniche per ripristinare la connettività sul campo. Inoltre, i volontari aiutano i clienti a sfruttare i servizi edge per accedere a dati critici a livello locale.

AWS

ITDRC è un’organizzazione di circa 2.500 volontari, principalmente localizzati negli Stati Uniti, la cui missione è connettere le comunità in crisi. ITDRC è stata co-fondata da Joe Hillis, un veterano tecnologo ufficiale della sicurezza pubblica. Lui e il suo team lavorano con una serie di aziende tecnologiche, incluso il team di AWS Disaster Response, per presentarsi sulla scena di un disastro con generatori, antenne paraboliche, ripetitori Wi-Fi e chilometri di cavi. Quando manca la corrente e la copertura del cellulare è inesistente, i volontari di ITDRC lavorano per stabilire una connessione locale temporanea mentre le società di telecomunicazioni e di servizi pubblici sono impegnate a riparare l’infrastruttura permanente.

I soccorritori possono attingere alla rete ITDRC per richiedere le forniture necessarie o per indirizzare le risorse dove sono più richieste. Utilizzando il dispositivo AWS Snowball Edge, una scatola portatile e robusta che offre la possibilità di raccogliere, archiviare ed elaborare rapidamente i dati quasi ovunque, i volontari di ITDRC hanno sostenuto una videoconferenza con le agenzie connesse per coordinare la risposta e utilizzare le risorse nel modo più efficiente il più possibile. Hanno anche fatto cose semplici come collegare uno schermo per trasmettere in streaming cartoni animati per i bambini nel rifugio.

Quando i cicloni Idai e Kenneth hanno raggiunto il Mozambico nel 2019, Help.NGO DIRT ha offerto supporto per la mappatura e le comunicazioni: mappe accurate sono fondamentali per i primi soccorritori per conoscere le posizioni pre-tempesta delle persone e lo stato delle infrastrutture per pianificare la gestione della calamità nel modo più efficiente. Idai ha colpito per la prima volta la costa sud-orientale dell’Africa nel marzo 2019 e ha provocato lo sfollamento di oltre 146.000 persone. Un mese dopo, a 1.000 chilometri a nord, Kenneth ha sfollato altre 20.000 persone.

I volontari DIRT, con il supporto dei volontari di AWS Disaster Response, utilizzano AWS Snowball Edge per archiviare e rendere disponibile per l’analisi dati l’enorme numero di immagini scattate dai droni, tutto dal retro di un furgone sul ciglio della strada. Durante il ciclone Idai, ciò ha permesso di dirigere i camion sulle strade percorribili per fornire rifornimenti alle comunità bisognose.

La capacità di convalidare i dati sul campo è fondamentale. I dati assicurano che i parametri di sicurezza siano rispettati e che i droni vengano pilotati sulle aree che le agenzie hanno designato come potenziali aree di rifugio.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php