Home Digitale Auto connesse e smart home, la sicurezza è un denominatore comune

Auto connesse e smart home, la sicurezza è un denominatore comune

Panda Security rileva come che la trasformazione digitale sta coinvolgendo lentamente anche le smart home e le auto connesse.

La penetrazione delle tecnologie e delle relative competenze è sì un processo graduale ma inevitabile e sarà presto visibile, soprattutto nelle grandi città, che a loro volta si convertiranno in smart city.

Per comprendere al meglio la portata di questa rivoluzione conviene chiarire che con smart home si intende un’abitazione i cui alcuni elementi sono connessi a una rete interna, a sua volta connessa a Internet, e possono essere controllati tramite dispositivi digitali e da remoto; con auto connese si intendono veicolo dotati di un sistema digitale interno e connesso ad una rete.

Secondo uno studio condotto dall’Osservatorio Smart & Connected Car della
School of Management del Politecnico di Milano, nel 2019 il mercato delle
soluzioni per l’auto ‘smart’ e connessa ha raggiunto un valore di 1,2 miliardi di euro in Italia.

Il 61% dei consumatori intervistati possiede già almeno una funzionalità smart per l’auto, come soluzioni per il parcheggio assistito, assistenti vocali e sistemi di assistenza alla guida.
Sempre il Politecnico di Milano, attraverso il report sulla Smart Home dell’Osservatorio Internet of Things, ci informa che il settore delle case connesse ha conosciuto lo scorso anno una crescita del 40% in valore, superando il mezzo miliardo di euro, con in testa dispositivi di sicurezza, sistemi intelligenti di climatizzazioni, smart home speaker ed
elettrodomestici. Inoltre, entro il 2021, quasi la metà della popolazione in Italia si doterà di almeno un device connesso alla smart home.

Case e auto connesse offrono molti benefit, come la comodità delle funzioni da remoto per le abitazioni, supporto alla guida o ancora sistemi sicurezza avanzati per la casa e i veicoli. Anche l’impatto ambientale risulta ridotto grazie all’automatizzazione e alla personalizzazione dei servizi di casa così come il risparmio di energia dovuto alla smart mobility.

Alcuni nodi di questa trasformazione rimangono ancora da sciogliere, a partire dai costi ma anche per le perplessità che riguardano i rischi di sicurezza, dato l’aumento del numero di dispositivi costantemente connessi. Le reti ed i sistemi informatici su cui si basa l’Internet of Things ovviamente sono vulnerabili ma questo non significa però che siano facili da
violare. Pur se sono state scoperte delle vulnerabilità, ad esempio l’attacco tramite i chip degli elettrodomestici smart per lanciare attacchi DDoS, questo tipo di minacce è a oggi più teorico che concreto, almeno nel presente e nel futuro più prossimo.

Ciò che invece desta preoccupazione, sia come utenti che come organizzazioni, è la sicurezza dei dati personali.

Tutti i dispositivi di smart home e auto connesse raccolgono dati sull’utente e sull’utilizzo, che vengono poi aggregati e analizzati da algoritmi di intelligenza artificiale e tecnologie di machine learning per ottimizzare il funzionamento degli stessi dispositivi. Questo è, in buona sostanza, il circolo virtuoso del big data applicato a reti di dispositivi IoT.
Tale processo però può convertirsi in un enorme problema di rispetto della privacy. Essendo un settore in costante sviluppo, la sicurezza dei dati personali è materia di legiferazione continua, in particolare in relazione all’utilizzo e all’elaborazione da parte del produttore, al controllo dell’utente e alla protezione degli stessi dati.

Ciò che qui ci interessa approfondire è cosa può fare un utente per utilizzare in modo responsabile e sicuro i dispositivi smart della propria casa o auto?

Il vero punto debole dell’Internet of Things è l’accesso a dispositivi, rete e app, per cui l’utente finale deve adottare alcune precauzioni per impedire ai cybercriminali di sfruttare le – al momento ancora relativamente poche – vulnerabilità esistenti.

Panda Security per la sicurezza di smart car e smart home suggerisce password sicure, lunghe e complicate, memorizzate e gestite da un password manager. Autenticazione a più fattori, utilizzando sistemi di identificazione biometrica. Creare sottoreti per la connessione di casa e monitorare l’access al Wi-Fi di casa e auto. Installare un antivirus efficace.

Separare i dispositivi per l’intrattenimento da quelli che contengono dati personali o importanti, ad esempio di lavoro. Far controllare casa e auto da professionisti specializzati in robotizzazione e automazione.

Prima di acquistare e installare nuovi dispositivi smart nell’auto o in casa, fare ricerche su Internet e verificarne la sicurezza.
Fare uso del buon senso e prestare molta attenzione, soprattutto all’inizio, quando non si padroneggia ancora il funzionamento dei dispositivi.

Tutte queste pratiche rappresentano la prima grande linea di difesa esterna
che, come utenti finali di smart car e case intelligenti, dobbiamo erigere
contro i possibili attacchi dei cybercriminali.

Nel complesso, i vantaggi di auto connesse e smart home superano di gran lunga i relativi rischi informatici. Le funzionalità a servizio della sicurezza fisica del conducente salveranno presto molte vite e gli strumenti di ottimizzazione basati su AI ridurranno sempre più l’impatto ambientale della mobilità; dovremo solo imparare a utilizzarli in modo sicuro e consapevole, così come qualsiasi altra tecnologia digitale.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php