Arriva ReplicatorX

NetApp punta alla gestione più semplice dello storage, anche in ambienti eterogenei.

Gestire la crescita della quantità di dati e, quindi, ridurre le complessità, anche in ambienti multi-vendor, sono le motivazioni che hanno portato la società, che fornisce soluzioni di storage, ad ampliare il proprio portafoglio di prodotti. I nuovi software sono, quindi, pensati in quest'ottica.

«Il nostro obiettivo - ha esordito Roberto Patano (Business development manager) - era di mettere insieme le informazioni con l'architettura. Spesso, infatti, in azienda, la separazione dei livelli applicativo, server, dati e storage, porta all'aumento di persone e processi, causando una difficile interazione. La gestione separata dei settori produce complessità. E la complessità costa».

«L'intento - ha continuato il manager - non era solo quello di semplificare le soluzioni, ma anche di integrarle con gli altri sistemi di storage. In quest'ottica, è stato pensato ReplicatorX, proprio per gli ambienti eterogenei e multi-vendor. Il sistema permette di effettuare il disaster recovery in un unico tool , anche in presenza di diversi sistemi. Spesso, le aziende si trovano a dover duplicare i sistemi primari e, quindi, moltiplicare la quantità di dati. Con la nuova soluzione, invece, è possibile replicare in remoto le informazioni in un unico punto, senza dover cambiare architettura o sistema operativo».

Ma la semplificazione è legata anche alla flessibilità. Come ha detto Vittorio Giovani, Country manager di NetApp Italia «le difficoltà legate alle informazioni sono essenzialmente di tre tipi: ritardi nei processi e accessi non sicuri, software troppo complessi e hardware costosi. Un'architettura unificata e duttile permette di ampliare la struttura, a seconda delle necessità, senza costi aggiuntivi, poiché la piattaforma rimane la stessa. Fattore fondamentale per reagire velocemente alle condizioni del cambiamento del business».

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome