Home Digitale Appian, annunciata la nuova versione della piattaforma di low code

Appian, annunciata la nuova versione della piattaforma di low code

Appian ha annunciato il lancio della la nuova versione della omonima piattaforma per lo sviluppo low-code di applicazioni.

Appian ha aumentato la velocità e l’impatto di business dell’automazione low-code per sviluppatori, amministratori e utenti finali. L’ultima versione offre miglioramenti all’AI Appian, un’ulteriore espansione dell’Appian Connected Systems Architecture, un Health Check integrato in ogni applicazione e un DevOps semplificato.
Per quanto riguarda la AI, Appian offre ora Google Cloud Translation come Connected System. I clienti possono abilitare qualsiasi applicazione al riconoscimento delle lingue e tradurre il testo senza codifica. Inoltre, questa versione include un’integrazione aggiornata con Google Cloud Vision che ora offre l’integrazione con l’Optical Character Recognition. I clienti AI Appian che utilizzano Google Cloud Vision e Natural Language Processing possono ora utilizzare anche l’autenticazione Google Service Account, che è più semplice e più sicura rispetto alle API keys.

Appian dispone ora di Connected Systems no-code per DocuSign, Google Drive e AWS Signature Version 4 Support.
Con la nuova versione, gli sviluppatori e gli amministratori hanno un accesso più immediato ad Appian Health Check, che viene utilizzato in ogni fase del ciclo di vita dell’applicazione per determinare le prestazioni della stessa applicazione, se soddisfa le best practice e per identificare eventuali rischi associati alla manutenibilità o scalabilità. L’Health Check può ora essere configurato, programmato ed eseguito negli ambienti Appian direttamente dalla console di amministrazione.

Appian consente ora agli sviluppatori low-code di rilasciare le modifiche direttamente da un ambiente all’altro, senza dover ricorrere a software DevOps di terze parti. Appian guida gli sviluppatori attraverso l’intera esperienza e sfrutta l’infrastruttura DevOps già configurata al fine di trasferire in modo sicuro le modifiche da un ambiente all’altro.

Anche il rilascio sui dispositivi mobile è stato notevolmente semplificato. Gli amministratori It possono ora gestire in modo centralizzato i requisiti di sicurezza, di policy e di approvvigionamento delle applicazioni Appian su tutti i dispositivi mobile, con il supporto di Appian per gli standard definiti dalla AppConfig Community dei principali fornitori e sviluppatori di applicazioni di Enterprise Mobility Management.

 

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento
Inserisci il tuo nome

Se questo articolo ti è piaciuto e vuoi rimanere sempre informato sulle novità tecnologiche

css.php